Stavolta niente musica, ma solo presa diretta, a evocare lo stesso mood ballardiano da catastrofe replicata all’infinito in uno spazio delle fasi interiore.