E’ arrivato nelle settimane scorse il primo titolo italiano nella benemerita collana Odissea Fantascienza della Delos Books. Una segnalazione doverosa, anche se non proprio tempestiva. L’onore è spettato a Giampietro Stocco con un romanzo che riprende la sua passione per l’ucronia. Dalle mie ceneri ci proietta in un futuro alternativo, prodotto da una divergenza dalla nostra linea temporale in coincidenza di un “evento minore” della storia del XX secolo: la guerra-lampo delle Falkland, del 1982. Che cosa sarebbe successo all’ordine mondiale se l’Argentina fosse riuscita a dare filo da torcere a Margaret Thatcher? Anche così le premesse per una lettura interessante ci sarebbero tutte, ma Stocco c’infila dentro anche un po’ di attualità ed estrapolazione scientifica, così che il piatto risulta ancora più invitante. Non ho ancora letto il libro, ma per gli indecisi voglio segnalare questa anticipazione da Fantascienza.com. Sperando che in futuro la presenza italiana in questa bella e sempre più importante collana vada a consolidarsi.

Buone notizie per la fantascienza italiana arrivano anche dall’estero. Anna Feruglio Dal Dan è presente con un romanzo breve sul numero 8 dell’antologia periodica francese Fiction, in compagnia di ospiti del calibro di Michael Swanwick e Kathleen Ann Goonan.

Dal fronte interno, mi rendo conto di non avervi ancora segnalato il nuovo numero di NeXT: faccio pubblica ammenda e vi rimando alla pagina di Fantascienza.com per una presentazione più articolata. [Nell'iterazione 11, oltra a una nuova interessantissima rubrica di poesia curata da Logos, anche un mio racconto supereroistico, Zero Assoluto, dedicato al compianto Capitan America.]

Nel frattempo ho finito di leggere Stanotte il cielo cadrà (ne riparleremo presto, intanto sul blog di Urania trovate un po’ di prezioso materiale di contorno firmato da critici illustri) e di scrivere un nuovo racconto (niente fantascienza, per una volta, ma fortemente connesso alla recentissima storia nera di Bassitalia).

In chiusura, sabato 27 alla Biblioteca Civica di Verona si svolgerà un incontro con il grande autore scozzese Iain M. Banks, artefice dell’universo della Cultura su cui mi sono a più riprese soffermato (parlando di Nuovo Rinascimento Scozzese e poi di Postumanesimo). Con ogni probabilità, a partire da un po’ prima delle 18 IguanaJo ed io saremo lì. Magari ci scappa pure una birra.