Oggi. Solo ogni tanto ti accorgi di avere parole che qualcuno avrebbe potuto ascoltare. Poi realizzi che non sono tanto importanti, perché poche cose lo sono davvero e non sono certo fatte di quell’impasto di fonemi e pensieri. E così te ne torni al silenzio, in un senso d’assenza che pervade ogni cosa.

Restano i ricordi. Con la gratitudine per le cose imparate che non ci fu tempo di esprimere.

15 anni oggi. Nessuno sa quanti ancora dovranno passarne.