La morte del sistema di profitto e di scarsità delle risorse su cui si regge larga parte della nostra società ha un nome: si chiama agalmia. Ne parlavamo qualche tempo fa in merito a romanzi di fantascienza come L’Era del Flagello e Accelerando (per inciso, a firma di due autori che non si avvicinano nemmeno per sbaglio ai miei gusti in materia di politica…).

Per rinfrescare la memoria ne riprendo le definizioni-chiave dal sito agalmic.com:

agalmics (uh-GAL-miks), n. [Gr. "agalma", "a pleasing gift"]
             The study and practice of the production and allocation of non-scarce goods. 

agalmic actor, n.
             An individual or organization engaged in agalmic activity. 

agalmic software, n.
             Computer software written and distributed as an agalmic activity. 

agalmia, n.
             The sum of the agalmic activity in a particular region or sphere. Analogous to an “economy” in economic theory.

Per approfondire, il riferimento è sempre The Marginalization of Scarcity, di Robert Levin.