Per dirla con Primo Levi, esiste una “zona grigia”, un luogo dove la morale è tutt’altro che manichea e regna la legge della sopravvivenza e la complessità degli eventi. Khong, il protagonista di Scatole siamesi, vi appartiene: né buono né cattivo, né eroe né antieroe, è uno “sbirro moderatamente corrotto” che si muove in una Bangkok futura, dalla quale ci separano poco meno di cinquanta anni.

Fabio Novel disegna uno scenario credibile e verosimile, dentro il quale spy story, thriller e fantascienza si incastrano in un mosaico omogeneo [Continua su ThrillerMag].