È il titolo di un racconto di Federico Mastrogiovanni. Il ritmo è quello del metallo pesante: gradasso, rumoroso ed efficace. Sfiora l’ovvio e se ne fa beffe: riesce a sorprendere.