Ritorno al nucleare, amici miei.

E’ percezione comune che il futuro corra verso nuove tecnologie, giusto? Sbagliato. - direbbe Alan. D. Altieri. Il nostro futuro non guarda avanti, ma ha gli occhi infilati nelle spalle. Puntare su fonti di energia rinnovabili? E perché?! No, grazie. Vendere il nucleare come una fonte pulita equivale a considerarci come un branco di quasi 60 milioni di raffinati gourmet coprofagi.

Le parole del nostro ministro dello Sviluppo Economico sono un ammirevole esercizio della “nuova” (leggi vecchia come il cucco) retorica politica: “La percezione è cambiata. La “guerra del gas” tra Russia e Ucraina, che il mese scorso ha rischiato di lasciare al freddo tutta Europa, e l’urgenza di ridurre l’inquinamento per combattere i cambiamenti climatici ci obbligano a diversificare le fonti di energia ricorrendo anche al nucleare. Il mix ottimale di generazione verso il quale dobbiamo tendere è composto dal 50% di fonti fossili (gas, petrolio e carbone pulito), 25% di fonti rinnovabili e 25% di nucleare”.

Due magnifiche frasi articolate con perizia. Se qualcuno riuscisse a infilare uno scanner nel cervello di un soggetto medio e se questo scanner neuro-semantico traducesse impulsi elettrici in parole e concetti sottocorticali, verrebbe fuori un’associazione o un flusso di coscienza simile:

guerra paura oh mamma mia ti immagini senza riscandalementi in questi giorni di freddo siberiano l’inquinamento hai visto che sono riusciti a fare a Napoli sono bravi loro ma come fare? è giusto diversificare diversificare sì oh mamma papà grazie comincio a essere più tranquillo sì numeri netti percentuali la prospettiva è chiara adesso pure a me ottimale ottimale ottimale uh rinnovabile nucleare

Chiodo scaccia chiodo: lavare una paura diffusa e giustificata (ma lontana dalla percezione reale) con una più vicina all’esperienza quotidiana. Esempio: di cosa avete più paura ogni volta che vi chiudete la porta di casa alle spalle: di un disatro nucleare a lungo termine (scorie stoccate sotto un velo di terra) o di prendere l’influenza col freddo boia che vi sta aspettando fuori?