Entries Tagged 'spettacolo' ↓

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…

Star Wars in Concert Circa trent’anni fa ero uno dei tanti bambini che assisteva alla proiezione di un film che avrebbe cambiato definitivamente il suo immaginario fantastico. La combinazione di immagini sul grande schermo e la musica davano vita ad uno spettacolo unico, che avrebbe definito il modo di fare cinema di fantascienza da lì in avanti, creando anche l’industria degli effetti speciali.

Trent’anni sono passati e ieri pomeriggio al come-si-chiama-adesso-il-Forum di Assago ho potuto assistere ad uno spettacolo che non avrei mai immaginato di poter vedere fino a pochi anni fa.

Lì davanti a me c’era un’intera orchestra sinfonica, con tanto di coro, una scenografia d’effetto e uno schermo largo quasi quanto il palco. Questa è la premessa di Star Wars in Concert.

Quello che è veramente Star Wars in Concert varia da persona a persona e ieri c’era un campionario molto assortito, che andava dal bambino delle elementari all’azzimato pensionato accompagnato dalla consorte che, alla vista della bacheca dei prop, ha perso l’autocontrollo e si è comportato esattamente come il bambino di cui sopra.

L’emozione di sentire dal vivo quelle note che ci accompagnano da anni è difficile da descrivere; a questa si aggiunge anche il fatto di avere Anthony Daniels lì davanti sul palco che accompagna la narrazione musicale con interventi di grande qualità recitativa.

Per anni quelle note sono uscite dal registratore a nastro, dallo stereo di casa, dal riproduttore CD, dal player MP3… ma questa era la prima volta che si sono potute ascoltare dal vivo quelle note che fin’ora per noi avevano nomi tipo Fox Fanfare, Main Titles, Cantina Band, Imperial March, Across the Stars, Duel of the Fates, The Desert And The Robot Auction, Yoda’s Theme, The Throne Room, End Titles…

Un’emozione così potrebbe essere superata solamente dal Maestro Yoda che suona alla porta di casa.

Foto e altri commenti più razionali li trovate sul blog di un amico che era seduto dietro di me.

Pian piano…

Un anno e mezzo fa circa mi ponevo la domanda se servissero ancora DVD a cui anche S* aveva dato la sua risposta.

Pare che, finalmente, qualcosa si stia muovendo: Paramount Digital Entertainment (PDE) e Kingston hanno siglato un accordo per la distribuzione di contenuti multimediali su memorie a stato solido. Fuori dai tecnicismi: film su chiavette USB.

Finalmente.

Qualcuno in California deve aver capito che se le major non mettono i film su chiavette USB e assimilati, lo fanno i cosiddetti pirati. HARRRRRRR!!!

C’era stata un’avanguardia poco tempo fa: l’ultimo (per ora) film di Star Trek era stato reso disponibile su una chiavetta USB “da collezione” (qualsiasi gadget di Star Trek, anche il più becero, è identificato con questo termine), ovviamente pieno di DRM, ma è anche legittima la scelta, per ora.

La speranza è che questo genere di supporto prenda piede e ci si liberi da oggetti inutilmente ingombranti e delicati come i lettori di supporti ottici rotanti.

Lella Costa - Amleto

Gli spettacoli di Lella Costa a teatro sono sempre notevoli. Colpisce ogni volta la sua capacità di reggere due ore di monologo senza colpo ferire e mantenendo costantemente elevate la qualità e l’energia dedicata alla recitazione.

Il “suo” Amleto è veramente particolare.

Non è la recitazione del classico che (non) conosciamo tutti, è un qualcosa di unico in cui si mischiano magistrali recitazioni dei brani del Bardo, battute fulminanti, spiegazioni interessanti e commenti con riferimenti alla realtà.

Credo che gli artisti come Lella Costa siano dei “veri” attori di teatro: persone che con un paio di oggetti di scena e una scenografia minimale riescono ad inchiodare lo spettatore per due ore. Quando c’è una grande artista sul palco e quando c’è qualcosa da dire non serve molto altro.

Ancora una volta, brava Lella Costa!

Via la gatta, balla i ratt

Piero Mazzarella Ieri sera ho visto Via la gatta, bala i ratt con Piero Mazzarella.

È stato Emiliano a segnalarmi questo spettacolo e gli sono estremamente grato per averlo fatto. Le due ore e mezza di spettacolo sono scivolate via come l’olio; Mazzarella ha retto bene il palco con interruzioni fuori copione in cui si è rivolto anche direttamente al pubblico.

Le risate sono ovviamente assicurate e copiose.

Conoscevo Mazzarella solamente come “volto noto”, probabilmente ho visto qualcosa di suo nelle TV private milanesi svariati anni fa. Sono stato molto contento di essere riuscito a vederlo dal vivo.

Grazie a Mazzarella e alla sua compagnia per la bella serata e grazie anche a Emiliano per avermi segnalato lo spettacolo!