Lucca Comics And Games

007 Casino Royale

AZIONE, Id., Usa, 2006 - regia di Martin Campbell - scritto da Paul Haggis, Neal Purvis, Robert Wade - con Daniel Craig, Judi Dench, Eva Green, Mads Mikkelsen, Jeffrey Wright, Giancarlo Giannini, Caterina Murino, Simon Abkarian, Tobias Menzies, Ivana Milicevic, Clemens Schik, Ludger Pistor, Claudio Santamaria, Isaach de Bankole - durata: 145 minuti - distribuito da Sony Picture Releasing - giudizio: discreto

La domanda resta: "Daniel Craig rappresenta — fisicamente — la scelta migliore per il protagonista di una delle saghe più lunghe e importanti della storia del cinema al punto da essere 'assurta' a serie di culto?"

Chi scrive, nonostante la stima per l'attore in altri ruoli come quello per esempio di Munich o di Layer Cake, si domanda se questa sia davvero la strada giusta per i nuovi film incentrati sulla figura di 007: poco humour, tanto alcol, un mare di spot più o meno occulti (la spia guida anche una Ford...), ma al tempo stesso una buona dose di 'politicamente corretto' con un James Bond non troppo 'mandrillo' e sicuramente per niente fumatore.

Non c'è dubbio che Casino Royale si distingua sensibilmente dai capitoli precedenti della saga legata al personaggio creato da Ian Fleming, non sempre riusciti e quasi mai perfetti. Pochi gadget, più storia e al tempo stesso un doppio ritorno agli anni Sessanta caratterizza in maniera forte questa lunghissima pellicola (davvero troppo...) della durata di quasi due ore e mezza.

Minutaggio a parte, si può dire che questo sia un film figlio delle suggestioni di quel decennio (quello in cui è nata la leggenda...) con ambientazioni alle Bahamas e una costruzione narrativa tipica di quel periodo cinematografico anche dal punto di vista visivo.

Sintesi ed emblema di questa scelta estetica l'estenuante partita a carte che 007 intavola con il suo nemico. Quasi mezz'ora del film è dedicata allo scontro tra Bond e il cattivo con una posta in palio di circa 150 milioni di dollari: un duello psicologico che fallisce nel coinvolgere lo spettatore più smaliziato. Di partite a carte cinematografiche se ne sono viste di più coinvolgenti e lo stesso 007 ne ha giocate in passato altre più pericolose e — chissà — forse perfino più 'spettacolari'.

L'inizio in bianco e nero del film (mah!?) porta lo spettatore — idealmente — alle origini della serie che — a parte la solita sequenza del mirino che poi si riempie di sangue — è sempre stata a colori.

Nel film incontriamo un James Bond che non è stato ancora 'promosso' e non è diventato '007', ovvero non ha ancora 'la licenza di uccidere'.

La trama è abbastanza complicata: un signore della guerra africano finanzia un misterioso terrorista per speculare contro il mercato mondiale. Un attentato, infatti, garantirà un incredibile ritorno di denaro: Le cose, ovviamente, non vanno così. Bond ci mette la coda (il sicario coinvolto è l'italiano Claudio Santamaria) e così, per ripagare il pericoloso guerrigliero, il 'cattivo' di turno deve intavolare un'esclusiva partita a poker tra dieci ricchi del pianeta. Bond si presenta in Montenegro al Casino Royale insieme ad un'avvenente collega interpretata da Eva Green. La partita a carte ovviamente ha una posta in palio più alta e tra avvelenamenti e omicidi, 007 si troverà a fronteggiare qualcosa di inaspettato.

In un mondo post 11 settembre, il terrorismo affrontato ad un tavolo da gioco non può non lasciare perplessi. Anche se il pianeta, questa volta, sembra non essere direttamente in pericolo, l'avventura di Bond così patinata e glamour, ha qualcosa di retrò dalla vocazione, forse, eccessivamente letteraria, ma — al tempo stesso — non particolarmente seducente o intrigante.

L'insistere compiaciuto sui muscoli di Daniel Craig (Vin Diesel di xXx dove sei?), il suo continuo trasgredire le regole con uno strano piglio e — al tempo stesso — l'imbarcarsi in un'inspiegabile e travolgente storia d'amore, rendono questo film un tentativo di portare la franchise su un nuovo terreno. Non c'è Moneypenny, né tantomeno Q, M è Judi Dench, ma i dialoghi a disposizione non possono che sorprendere per la loro banalità e noia.

La tensione erotica presente nel film è ridotta al minimo e Bond non è un playboy, ma un killer determinato, apparentemente senza un lato oscuro. M gli dice di restare 'distaccato emotivamente' dal suo lavoro, ma

lui non ci riesce e — alla fine — si innamora in maniera eccessivamente mielosa, dimostrando di non essere ancora diventato il Bond che tutti conosciamo. L'eroe, infatti, nasce alla fine, in una sorta di palingenesi della figura di 007 temperata dalla vendetta e dalla rabbia.

Senza umorismo e senza la sagacia ironica di tanti film del passato, questo macho James Bond non convince del tutto e — in alcuni momenti — lascia perfino un po' annoiati. A parte il nome e il numero quello di Daniel Craig è — per il momento — un agente segreto come tanti altri e — forse — meno simpatico e intrigante di Jason Bourne e — addirittura — di Ethan Hunt.

Per non parlare della pericolosa somiglianza della sceneggiatura del film con MI:3 o con Al servizio segreto di sua Maestà in cui le faccende di cuore travolgono l'emblema più glamour e iconico della virilità postmoderna.

Tutto questo pone, poi, un altro interrogativo cui è emotivamente difficile trovare risposta. Il ventunesimo secolo ha ancora bisogno di celebrare attraverso il cinema un eroe come James Bond?

Autore: Marco Spagnoli - Data: 29 novembre 2006

Notizie correlate

Recensioni di altri film di Martin Campbell

007 Casino Royale : dai il tuo voto

Voti dei lettori

4 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

3 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Sinceramente non condivido tutte queste critiche.. sono un fan di 007 ed ho visto tutti i film da quelli di Sean Connery a quelly di Pierce Brosnam.. Ultimamente ero deluso da sceneggiature carenti create solo per allinearsi a spettacolari effetti speciali, moda che accomuna ormai la stragrande maggioranza dei film.. In questo 007 finalmente ritrovo una trama semplice e sensata, azione vera (la scena del parkour è da cult!). E in quanto all'ironia devo dire che la trovo superiore in questo episodio rispetto ad altri dove si toccava il limite della parodia. Voto 8

» postato da Mik alle 12:43 del 09-01-2007

2 come detto in altra sede, dopo scionconneri, daniel craig è il primo che ci vedo bene, dentro il personaggio...

» postato da nemo73 alle 12:47 del 09-01-2007

3 Anche a me è piaciuto; certo non quanto i classici degli anni 60/70 ma sicuramente meglio di tutti quelli recenti.

» postato da katy alle 13:23 del 09-01-2007

4 oh, ci fosse una recensione di questo sito su cui sono d'accordo...manco per sbaglio!

» postato da NoxRuit alle 21:43 del 09-01-2007

5 «oh, ci fosse una recensione di questo sito su cui sono d'accordo...manco per sbaglio!» allora cambia sito!

» postato da Jabbafar alle 23:16 del 09-01-2007

6 «oh, ci fosse una recensione di questo sito su cui sono d'accordo...manco per sbaglio!» L'importante è saperlo, così quando vedrai una recensione che parla male di un film saprai che puoi andarlo a vedere senza rischi di esserne deluso! S*

» postato da S* alle 10:06 del 10-01-2007

7 piccola curiosità una scena è ambientata (sono certo di aver riconosciuto il posto!!), sulla villa in riva al lago di como... stessa terrazza di 'attack of the clones'... alcune scene romantiche tra padme e anakin... che la forza sia con voi!!

» postato da nemo73 alle 12:27 del 15-01-2007

8 Ma Richard "Virgin" Branson l'ho visto solo io :?:

» postato da paolo137 alle 12:43 del 15-01-2007

9 io non l'ho visto, non sono una amante dei Bonds, ma ... è vero che a questo poveretto gli fanno guidare la panda? :shock: Almeno quelli del gruppo fiat potevano proporre una macchina della maserati, mi sembra che faccia macchine più adatte al personaggio in esame

» postato da ICamaleonte =^_^= alle 14:35 del 15-01-2007

10 NOOOOOO: guida una macchina movimento terra della New Holland. Le auto sono tutte gruppo FORD (Ford, Aston, Jag etc.)

» postato da paolo137 alle 16:32 del 15-01-2007

11 Sono TROPPO un figo. Sono talmente figo che se fanno i mondiali dei fighi non mi invitano per manifesta superiorita'. http://www.mi6.co.uk/news/index.php?itemid=4371 ( l'importante e' crederci :lol: )

» postato da paolo137 alle 17:28 del 15-01-2007

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.