Fantascienza esaurita: Prezzi Assurdi


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
Autore Messaggio
Thersicore
Blobel Blobel
Messaggi: 154
MessaggioInviato: Mar 07 Nov, 2006 14:12    Oggetto:   

In effetti hai ragione, il collezionismo è strano perchè non si produce il bene, si ha già (quindi dovrebbe essere fuori dalla legge D/O)... magari quello che compro oggi a 1 lo vendo domani a 100, se però lo faccio "per lavoro" (ho visto che capita per i fumetti bazzicando qualche fiera) se compro a 90 o CERCO di venderlo a 180 (stesso guadagno di prima) difficilmente lo piazzo... se lo vendo a 100 o 110 ho un guadagno, anche se limitato... vebbè, comunque rimane la seconda domanda del post iniziale:

Quanti sono disposti a spendere cifre (per altri magari folli) solo per avere quella edizione? (magari del libro esiste pure l'edizone economica) fatemi un esempio pratico sono curioso.

Esempio mio:

Cofanetto "Shock" di Richard Matheson 1a edizione Oscar Mondadori a 70 euro. (ed avevo già tutti i suoi racconti) Embarassed
Jabbafar
Principe Azzurro Principe Azzurro
Messaggi: 19432
MessaggioInviato: Mar 07 Nov, 2006 14:36    Oggetto:   

Thersicore ha scritto:
In effetti hai ragione, il collezionismo è strano perchè non si produce il bene, si ha già (quindi dovrebbe essere fuori dalla legge D/O)... magari quello che compro oggi a 1 lo vendo domani a 100, se però lo faccio "per lavoro" (ho visto che capita per i fumetti bazzicando qualche fiera) se compro a 90 o CERCO di venderlo a 180 (stesso guadagno di prima) difficilmente lo piazzo... se lo vendo a 100 o 110 ho un guadagno, anche se limitato... vebbè, comunque rimane la seconda domanda del post iniziale:




secondo me, più che comprarti fumetti dovresti prenderti dei libri di economia, in modo particolare ti suggerirei appunti sulla teoria marginalista. Wink
io e spock
Consider Phlebas
Hortha Hortha
Messaggi: 112
MessaggioInviato: Mer 08 Nov, 2006 10:05    Oggetto:   

jabbafar ha scritto:

secondo me, più che comprarti fumetti dovresti prenderti dei libri di economia, in modo particolare ti suggerirei appunti sulla teoria marginalista. Wink


Muahahaha! Muahahaha! Mr. Green Mr. Green
crazy diamond
*Foffomante* *Foffomante*
Messaggi: 6094
MessaggioInviato: Mer 08 Nov, 2006 11:31    Oggetto:   

jabbafar ha scritto:
Thersicore ha scritto:
In effetti hai ragione, il collezionismo è strano perchè non si produce il bene, si ha già (quindi dovrebbe essere fuori dalla legge D/O)... magari quello che compro oggi a 1 lo vendo domani a 100, se però lo faccio "per lavoro" (ho visto che capita per i fumetti bazzicando qualche fiera) se compro a 90 o CERCO di venderlo a 180 (stesso guadagno di prima) difficilmente lo piazzo... se lo vendo a 100 o 110 ho un guadagno, anche se limitato... vebbè, comunque rimane la seconda domanda del post iniziale:




secondo me, più che comprarti fumetti dovresti prenderti dei libri di economia, in modo particolare ti suggerirei appunti sulla teoria marginalista. Wink


beh ...potresti segnalarci un testo di economia a fumetti Wink


personalmente, pur collezionando almeno un paio di serie a fumetti(stando ben attento a prevenire il rischio arretrati) difficilmente spendo cifre folli..
se mi appassiono..a qualche testata già in corso....avendone l'occasione ripiego sulla ristampa della ristampa della ristampa....
(sto sperando in una seconda ristampa di rat man...i cui arretrati pare stiano acquistando un po' troppo valore per i miei gusti)
il problema al massimo si pone nel momento in cui esce una edizione qualitativamente migliore di un bel fumetto...
penso ad esempio, di investire in una bella versione di watchmen che possiedo in una versione un po' squalliduccia...
capisco comunque perfettamente chi è disposto a spendere per avere una specifica edizione piuttosto che una tavola originale..

quanto ai libri, ricordo che prima della uscita dell'edizione fanucci, una copia di straniero in terra straniera...costava almeno un centinaio di euretti..
e avendola cercata per anni....ero tentato di affrontare la spesa.
ora son ben lieto di avere nello scaffale la modesta ma onestissima edizione fanucci pagata, meno di 10 euretti..

*Folle Diamante*
Thersicore
Blobel Blobel
Messaggi: 154
MessaggioInviato: Mer 08 Nov, 2006 19:01    Oggetto:   

[/quote]

secondo me, più che comprarti fumetti dovresti prenderti dei libri di economia, in modo particolare ti suggerirei appunti sulla teoria marginalista. Wink[/quote]

Ti ringrazio per il suggerimento, ma l'economia proprio non mi interessa come materia di studio serio... rimango con i miei fumetti, i miei libri di fantascienza e le mie collezioni.
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16725
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Mer 08 Nov, 2006 21:47    Oggetto:   

Domandina: esistono prime edizioni di libri di fantascienza?
Ci sono appassionati che collezionano libri solo nella forma di prime edizioni. Spesso sono libri rilegati, fatti con carta pesante ed inchiostri che durano. Ci sono casi simili per i libri di fs o si limitano ad Verne ed Wells?
Palomino.
Jabbafar
Principe Azzurro Principe Azzurro
Messaggi: 19432
MessaggioInviato: Mer 08 Nov, 2006 22:28    Oggetto:   

Thersicore ha scritto:

Ti ringrazio per il suggerimento, ma l'economia proprio non mi interessa come materia di studio serio... rimango con i miei fumetti, i miei libri di fantascienza e le mie collezioni.


la teoria marginalista ti spiegherebbe il perchè del valore dei tuoi fumetti e dei tuoi libri Wink
io e spock
doralys
Bibliotecaria di Babele Bibliotecaria di Babele
Messaggi: 4650
Località: Roma
MessaggioInviato: Mer 08 Nov, 2006 22:44    Oggetto:   

Palomino ha scritto:
Domandina: esistono prime edizioni di libri di fantascienza?
Ci sono appassionati che collezionano libri solo nella forma di prime edizioni. Spesso sono libri rilegati, fatti con carta pesante ed inchiostri che durano. Ci sono casi simili per i libri di fs o si limitano ad Verne ed Wells?
Palomino.


Cosa intendi per prime edizioni? Il n. 1 dei Romanzi di Urania (Le sabbie di Marte) È una prima edizione. il n. 1516 di Urania (Stella cadente) È una prima edizione...
Per decreto imperiale la velocità della luce resta quella stabilita dalla natura.(Risen!)

Incantesimi e Pozioni Magiche dal pentolone di Doralys
Thersicore
Blobel Blobel
Messaggi: 154
MessaggioInviato: Mer 08 Nov, 2006 23:05    Oggetto:   

jabbafar ha scritto:
Thersicore ha scritto:

Ti ringrazio per il suggerimento, ma l'economia proprio non mi interessa come materia di studio serio... rimango con i miei fumetti, i miei libri di fantascienza e le mie collezioni.


la teoria marginalista ti spiegherebbe il perchè del valore dei tuoi fumetti e dei tuoi libri Wink


Questa spiegazione l'ho trovata in internet:

La teoria "oggettiva" del valore (teoria del valore-lavoro) che era stata al centro della costruzione classico-marxiana e che aveva fatto dipendere il valore dei beni da una componente oggettiva (quantità di tempi di lavoro) presente al loro interno, viene sostituita da una nuova teoria del valore, la teoria dell'utilità marginale. Essa, rappresenta una teoria soggettiva del valore, poiché non fa dipendere il valore da un elemento oggettivo, ma dalla capacità che i beni hanno di soddisfare i bisogni del soggetto. Esso viene, dunque, determinato dal rapporto tra soggetto e oggetto e dalle scelte degli agenti economici.

Credo di aver capito (credo)....
Kruaxi the ferengi
Doktor Merkwürdigliebe Doktor Merkwürdigliebe
Messaggi: 6439
Località: Ferenginar
MessaggioInviato: Gio 09 Nov, 2006 15:34    Oggetto:   

Eliver ha scritto:
http://www.delosstore.it/collezionismo/scheda.php?id=11867

Pare 15€ Rolling Eyes


Ah...
Niente auto...
Mi sa che dovrò vendere quella bibbia di Gutemberg stavolta... Crying or Very sad

Salute e Latinum per tutti !
“La ragione ed il senso di giustizia mi dicono che vi è maggior amore per l’uomo nell’elettricità e nel vapore di quanto ve ne sia nella castità e nel rifiuto di mangiare carni”.
Anton Pavlovic Checov
Jabbafar
Principe Azzurro Principe Azzurro
Messaggi: 19432
MessaggioInviato: Ven 10 Nov, 2006 17:02    Oggetto:   

Thersicore ha scritto:

Questa spiegazione l'ho trovata in internet:

La teoria "oggettiva" del valore (teoria del valore-lavoro) che era stata al centro della costruzione classico-marxiana e che aveva fatto dipendere il valore dei beni da una componente oggettiva (quantità di tempi di lavoro) presente al loro interno, viene sostituita da una nuova teoria del valore, la teoria dell'utilità marginale. Essa, rappresenta una teoria soggettiva del valore, poiché non fa dipendere il valore da un elemento oggettivo, ma dalla capacità che i beni hanno di soddisfare i bisogni del soggetto. Esso viene, dunque, determinato dal rapporto tra soggetto e oggetto e dalle scelte degli agenti economici.

Credo di aver capito (credo)....


semplice, no?

la prossima volta studieremo la teoria della qualità totale, in specifico le Sette S della teoria giapponese.
prepara blocco e biro!
io e spock
Kolok
Gizmo
Messaggi: 34
MessaggioInviato: Mer 21 Set, 2016 15:03    Oggetto:   

doralys ha scritto:
Palomino ha scritto:
Domandina: esistono prime edizioni di libri di fantascienza?
Ci sono appassionati che collezionano libri solo nella forma di prime edizioni. Spesso sono  libri rilegati, fatti con carta pesante ed inchiostri che durano. Ci sono casi simili per i libri di fs o si limitano ad Verne ed Wells?
Palomino.


Cosa intendi per prime edizioni? Il n. 1 dei Romanzi di Urania (Le sabbie di Marte) È una prima edizione. il n. 1516 di Urania (Stella cadente) È una prima edizione...

Riuppo questo topic fermo dal 2006 (!!!) per non aprirne altri.

Io sono un lettore forte ma anche un "collezionista", non di quelli spinti ma nemmeno di primo pelo, ho qualche pezzo da 90 anche nel reparto SF: ad esempio le 5 copie di Le sabbie di Marte del 1952 per capirci dato che è stato citato qui.

Su questo particolare libro e le sue edizioni: prima, ristampe, anastatica e via dicendo ho scritto un articolo sul blog, spero possa interessarvi!

http://koloklife.blogspot.it/2016/09/tutte-le-sabbie-di-marte-edizioni.html

Buona lettura!
Smile 
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 14796
Località: Padova
MessaggioInviato: Mer 21 Set, 2016 15:16    Oggetto:   

Divertente e interessante. Io ho mi sa la copia da 1-2 euro...
il_Cimpy_spinoso
Babbano in Incognito Babbano in Incognito
Messaggi: 6798
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Mer 21 Set, 2016 19:17    Oggetto:   

doralys ha scritto:


Cosa intendi per prime edizioni? Il n. 1 dei Romanzi di Urania (Le sabbie di Marte) È una prima edizione. il n. 1516 di Urania (Stella cadente) È una prima edizione...



Se però il n°1 dei romanzi di Uraia te lo ristampano nel 2017, non è una "prima edizione" (sì, secondo me intendeva prima stampa vs ristampe successive, come si usa nei fumetti, oh Gutenbergosissima Doralys...)
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 5061
Località: Verona
MessaggioInviato: Gio 22 Set, 2016 08:24    Oggetto:   

Che poi, si fa presto a dire "prima edizione". La prima edizione "italiana" ha un valore ben diverso dalla prima edizione assoluta.
Basta vedere le quotazioni di Jules Verne nella edizione Hetzel.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Libri e consigli Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum