Margine d'esilio


Autore Messaggio
X
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1897
MessaggioInviato: Ven 21 Apr, 2006 22:14    Oggetto: Margine d'esilio   

E finalmente ho letto anche questo racconto di Gianluigi Pilu e Daniele Ganapini. Trovo innanzitutto meritoria l'opera di recupero della storia della fantascienza italiana condotta da Vittorio Catani, che qualche numero fa mi aveva permesso di apprezzare un altro classico perduto come Logica del murice di Montanari.

Margine d'esilio è un racconto lungo davvero straordinario, che trasporta il lettore per le strade di una Roma sospesa in un'atmosfera magica. Tra le altre cose, rivela una percezione della capitale non dissimile da quella che in rare occasioni mi è parso di cogliere mentre all'imbrunire mi attardavo tra i suoi sentieri più nascosti e lontani dai flussi della burocrazia e del turismo... Dopo le premesse che parrebbero classiche di un noir, il racconto si svolge tra toni crepuscolari e percezioni oscure di una realtà in progressiva dissoluzione. Ho trovato in particolare da antologia l'evocazione delle carceri di Piranesi, luogo simbolico di ogni forma di imprigionamento: emotivo, sensoriale, fisico...

Senz'altro uno dei migliori racconti italiani che mi sia capitato finora di leggere. Lo consiglio caldamente a tutti quelli che battono la penisola alla ricerca delle tracce di una fantascienza autoctona che non sia di pura imitazione... Wink

X
Ex tenebris, veritas.

Holonomikon
pelrouge
Blobel Blobel
Messaggi: 195
Località: Sesto San Giovanni
MessaggioInviato: Sab 22 Apr, 2006 12:58    Oggetto:   

Ciao,
è piacito molto anche a me! Soprattutto il vivere senza tempo dei protagonisti del racconto.
Luca
HkG!
Cylon Cylon
Messaggi: 282
MessaggioInviato: Mar 09 Mag, 2006 11:27    Oggetto:   

Sicuramente è uno dei racconti italiani che ho apprezzato di più. Concordo con X sulla importanza della rubrica di Catani, specialmente quando scova dei racconti che sono stati pubblicati su fanzine introvabili.

X:
Citazione:
rivela una percezione della capitale non dissimile da quella che in rare occasioni mi è parso di cogliere mentre all'imbrunire mi attardavo


... insomma anche tu sei uno di quelli che vivono al margine... Smile
HkG!
X
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1897
MessaggioInviato: Mar 09 Mag, 2006 18:49    Oggetto:   

HkG! ha scritto:

... insomma anche tu sei uno di quelli che vivono al margine... Smile


Più che altro sono marginale... Laughing
X
Ex tenebris, veritas.

Holonomikon
GIANLUIGI RAIMONDI
Agguantatore a strisce
Messaggi: 23
MessaggioInviato: Mer 05 Lug, 2006 15:47    Oggetto:   

Premessa: io sono uno di quelli (spero di non essere il solo!) a cui non importa molto se un racconto è stato scritto negli USA, in Italia o in Uzbekistan, quello che conta è avere delle buone opere da leggere.
Detto questo, Ganapini e Pilu hanno messo giù 25 anni fa un'opera accettabile, anche se non può dirsi un capolavoro.
I toni sono quelli tipici di un noir, facendo così passare in subordine le componenti Fantasy che non gradisco molto.
Ciao.

GIGI
Fabio Lastrucci 2
Morlock
Messaggi: 62
MessaggioInviato: Gio 14 Set, 2006 20:10    Oggetto:   

Ho trovato Margine d'esilio un racconto bellissimo, che mi ha lasciato senza fiato. Atmosfera, tecnica e contenuto fuse insieme in una storia struggente che lascia una forte traccia nel lettore.
Mille di questi racconti italiani, please!
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sui racconti di Robot Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum