Considerazioni atipiche sul burka


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4
Autore Messaggio
Nirgal
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1757
MessaggioInviato: Gio 18 Mag, 2017 11:17    Oggetto:   

@Davide Siccardi
Faccio l'orto praticamente da da quando sono nato, non parlo per sentito dire.
Prima di tutto sono ancora vivo e vegeto, frasi come “L’orto vuole l’uomo morto” mi fanno ribaltare (mi sembri un Al Baghdadi anti-orto) , si fa un po’ di fatica, ma è una fatica sana, se poi uno fa una vita sedentaria, un po di lavoro nell'orto fa decisamente bene alla salute,  ovvio se uno lavora “fisicamente” tutto il giorno, arrivare a casa ed andare nell'orto può essere una rottura … ma non è l’orto il problema Very Happy
Anche perché a livello giornaliero una volta seminato devi solo bagnare, una mezz'ora alla sera per un un orticello da famiglia basta, l’unico inconveniente sono le zanzare.
Poi ovviamente come in tutte le cose ci va un po’ di esperienza e voglia di imparare, certo che se l’approccio che si usa è quello che la gente usa generalmente quando deve imparare ad usare i computer, non riescono a coltivare neanche la gramigna Wink

Nello specifico:
Decespugliatore mai avuto o usato per l'orto.
Motozappa può servire, ma con una vanga non è che non riesci a coltivare (e puoi contarlo come sostituto della palestra Wink ), anche perché non è che devi avere un orto immenso per una famiglia.
Le semenze non è che le devi comprare tutte, per esempio pomodori o zucche le ricavi dalle piante degli anni precedenti, giusto per citare quelle che mi nascono sempre spontaneamente nell'orto.
Ortaggi come insalata, finocchi, cornette producono moltissimo, per cui il numero di piante che escono da una bustina hanno un numero di frutti veramente notevole.

Gli unici costi irrinunciabili sono quelli dell’acqua, trattamenti minimi, un po' di verderame, qualcosa a seconda delle piante, ma già il concime non è che sia fondamentale, io ho sempre visto che le piante tendono a produrre a sproposito, l'unico grosso problema è il clima, negli ultimi anni con il caldo che arriva più tardi le piante soffrono.

Se vuoi fare una piccola serra bastano 3 bacchette di ferro curvate più una centrale per stabilizzare la struttura e un foglio di nylon, non è che devi andare a comprare cose già fatte.
Non saranno soluzione professionali, ma sicuramente funzionali.

@Happy
Per me la divisione del lavoro significa che ognuno fa quello che sa fare meglio (e/o che preferisce fare) e si rivolge ad un altro per fare il resto, se l’esterno porta minore qualità, non è un reale vantaggio, ne per il singolo ne per la collettività.
Non mi puoi paragonare prodotti fatti in casa con quelli presi al supermercato, è una questione di qualità.

L'abbassamento dei prezzi, sopratutto a livello di supermercati, c’è stato, ma c’è stato anche un conseguente abbassamento della qualità, facevi l’esempio della varietà di pane, dei prodotti senza glutine, etc.. ma per quale motivo esistono?
Perché la qualità delle farine classiche è talmente peggiorata che i prodotti che si ricavano sono sempre più “indigeribili”, di conseguenza sempre più persone sono costrette a mangiare cibi preparati con farine senza glutine, o per esempio con Kamut, che essendo protetto da copyright è controllato, ma costa decisamente di più.
Ora anche i prezzi di questi prodotti si sta abbassando, un po per la diffusione un po’ perché anche le grandi catene di supermercati hanno iniziato a produrre le loro linee economiche.
In generale però i prezzi sono molto alti anche nei supermercati, a volte siamo livello prodotti artigianali, l’altro giorno ho preso, per provarli un pacchetto di biscotti Selex (quindi marche molto economiche) in offerta, e li ho pagati quasi 7€ al Kg (e sono i più economici che ho visto) ... almeno si inzuppano, perché normalmente questi tipi di biscotti non ne vogliono sapere Smile
Se non si è capito parlo per esperienza diretta.

Riguardo alla macchina, non so, io continuo a tenerla almeno per una decina di anni, e per quel che vedo lo stesso fanno i miei vicini di casa … sentire che qualcuno la cambia ogni 4 o 5 anni mi lascia perplesso (ovvio se la usi per lavoro e viaggi molto il discorso è diverso).
Stesso discorsi per i mobili, più complesso il discorso sulle vacanze, c’è una parte della popolazione che può permettersi vacanze più “ricche”, c’è un’altra fascia (più ampia) che ha dovuto ridurre il tempo per le vacanze, basta che ti fai un giro d’estate in città per notare la differenza.

Poi d’accordo, sono cambiate le abitudini, si può acquistare qualcosa in più a livello di famiglia, se in famiglia lavori in due e prendendo roba di scarsa qualità, però si è portato avanti un modello volto allo spendere, indipendentemente dalle necessità, in cui l’acquisto giustifica la rinuncia al proprio tempo libero. A me sembra una bella truffa.

Il discorso tasse è molto complesso, resta il fatto che le tasse erano basse perché abbiamo fatto molti debiti, con il risultato che adesso abbiamo un debito pubblico che ci soffoca e stiamo pagando tutti gli errori del passato, questo al netto dell’inefficienza e cronaca e criminale dello stato e dei cittadini conniventi la momento del voto.

In generale la qualità della vita è migliorata per certi aspetti, soprattutto per i miglioramenti tecnologici, ma anche perché in una famiglia entrano più soldi, ma in una famiglia entrano più soldi perché si lavora in 2, non perché l’aumento dei salari sia stato tale da potersi permettere di più.
A questo aggiungi che si ha una qualità sensibilmente inferiore a fronte di una maggiore quantità disponibile.
 
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 5061
Località: Verona
MessaggioInviato: Gio 18 Mag, 2017 15:28    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:

Perché la qualità delle farine classiche è talmente peggiorata che i prodotti che si ricavano sono sempre più “indigeribili”, di conseguenza sempre più persone sono costrette a mangiare cibi preparati con farine senza glutine, o per esempio con Kamut, che 

Lasciamo perdere le dicerie per favore. Sono meno digeribili? Ci sono dati a riguardo, dati pubblicati, magari non trovati dal sito di tze tze?
No perché a sentire le pubblicazioni scientifiche, esattamente come per l'autismo, si è abbassata la soglia di attenzione sui disturbi relativi alle sensibilità alimentari (che non sono intolleranze), semplicemente dieci anni fa la colite ce la tenevamo, e a nessuno veniva in mente di creare una malattia.
E la celiachia non è aumentata, ma molti si sono definiti celiachi senza averne una diagnosi ufficiale (anche perché la definizione di celiachia è precisa e comprende una situazione ben precisa del tratta intestinale).
Giusto per parlare delle cose giuste , eh.
Citazione:
essendo protetto da copyright è controllato, ma costa decisamente di più.

Mica esiste solo il kamut eh. Guarda che le varietà in coltivazione oggi non sono le stesse di 10, 20 o 50 anni fa. E la qualità non è la stessa, è migliorata. Ti invito a leggere il libro di Bressanini sugli OGM, che illustra molto bene l'evoluzione delle coltivazioni (di grano in particolare), chiarendo un sacco di fraintendimenti e leggende metropolitane non da ultima la moda (si perché è una moda) del Gluten Free e delle "intolleranze alimentari". Dati alla mano, s'intende, Bressanini è uno scienziato.
Citazione:
Ora anche i prezzi di questi prodotti si sta abbassando, un po per la diffusione un po’ perché anche le grandi catene di supermercati hanno iniziato a produrre le loro linee economiche.
In generale però i prezzi sono molto alti anche nei supermercati, a volte siamo livello prodotti artigianali, l’altro giorno ho preso, per provarli un pacchetto di biscotti Selex (quindi marche molto economiche) in offerta, e li ho pagati quasi 7€ al Kg (e sono i più economici che ho visto) ... almeno si inzuppano, perché normalmente questi tipi di biscotti non ne vogliono sapere Smile
Se non si è capito parlo per esperienza diretta.

Non capisco il senso di questo inciso: si i prezzi si sono abbassati ma non si sono abbassati? puoi riformulare?
Citazione:
Riguardo alla macchina, non so, io continuo a tenerla almeno per una decina di anni, e per quel che vedo lo stesso fanno i miei vicini di casa … sentire che qualcuno la cambia ogni 4 o 5 anni mi lascia perplesso (ovvio se la usi per lavoro e viaggi molto il discorso è diverso).
Stesso discorsi per i mobili, più complesso il discorso sulle vacanze, c’è una parte della popolazione che può permettersi vacanze più “ricche”, c’è un’altra fascia (più ampia) che ha dovuto ridurre il tempo per le vacanze, basta che ti fai un giro d’estate in città per notare la differenza.


E che c'entra?
Ti sto dicendo che vuoi confrontare situazioni molto diverse, m'interessa poco se tu non vai in vacanza. Io vedo molte agenzie viaggi che propongono mete esotiche che 30 anni fa non esistevano, e si, i prezzi son calati anche lì, perché semplicemente non potevi andarci. Più in generale, la gente dedica una maggior proporzione del proprio stipendio in cose che una volta non esistevano: smartphone, TV a pagamento, viaggi, auto, mille altre comodità. L'alimentazione è sempre meno preponderante nel computo delle spese. E questo perché i prezzi si abbassano.
Citazione:

Poi d’accordo, sono cambiate le abitudini, si può acquistare qualcosa in più a livello di famiglia, se in famiglia lavori in due e prendendo roba di scarsa qualità, però si è portato avanti un modello volto allo spendere, indipendentemente dalle necessità, in cui l’acquisto giustifica la rinuncia al proprio tempo libero. A me sembra una bella truffa.

Come piace a te.
Citazione:

Il discorso tasse è molto complesso, resta il fatto che le tasse erano basse perché abbiamo fatto molti debiti, con il risultato che adesso abbiamo un debito pubblico che ci soffoca e stiamo pagando tutti gli errori del passato, questo al netto dell’inefficienza e cronaca e criminale dello stato e dei cittadini conniventi la momento del voto.

No, il debito è stato fatto perché non si volevano alzare le tasse (per questioni di elettorato) né abbassare le spese (per lo stesso motivo e per questioni di clientelismo), ora si è arrivato al redde razionem, e quindi? Molti paesi hanno uno stato ed un welfare migliore con tasse più basse (non molte in realtà), come mai? 
Ma indipendentemente dal perché le tasse sono alte, ciò sposta il fatto che se i prezzi sono alti è anche COLPA dello stato?
Citazione:
In generale la qualità della vita è migliorata per certi aspetti, soprattutto per i miglioramenti tecnologici, ma anche perché in una famiglia entrano più soldi, ma in una famiglia entrano più soldi perché si lavora in 2, non perché l’aumento dei salari sia stato tale da potersi permettere di più.
A questo aggiungi che si ha una qualità sensibilmente inferiore a fronte di una maggiore quantità disponibile.
 


Questo non è vero.
Sorvolando sul fatto che qualità inferiore è tutto da vedere, poiché ahimè non si può fare un confronto sul sapore del cibo di trent'anni fa, in cos'altro la qualità è sensibilmente inferiore?
E porta pazienza, ma oggettivamente non è vero che ci si può permettere di più perché si lavora in due, perché volendo si può vivere anche con un solo stipendio, basta tenere un livello economico inferiore. Se non lo facciamo è perché (in parte) non vogliamo. l'altra "parte" è che lo stato si porta via sempre molte più tasse (dirette, indirette) di 30 anni fa, già solo con l'IVA. 
E comunque, c'è anche da dire che c'è una mancata crescita che, ahimè a costo di esser noioso, è responsabilità al 90% dello stato.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5540
MessaggioInviato: Gio 18 Mag, 2017 19:41    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:
@Davide Siccardi
Faccio l'orto praticamente da da quando sono nato, non parlo per sentito dire.
Prima di tutto sono ancora vivo e vegeto, frasi come “L’orto vuole l’uomo morto” mi fanno ribaltare (mi sembri un Al Baghdadi anti-orto) , si fa un po’ di fatica, ma è una fatica sana, se poi uno fa una vita sedentaria, un po di lavoro nell'orto fa decisamente bene alla salute,  ovvio se uno lavora “fisicamente” tutto il giorno, arrivare a casa ed andare nell'orto può essere una rottura … ma non è l’orto il problema Very Happy
Anche perché a livello giornaliero una volta seminato devi solo bagnare, una mezz'ora alla sera per un un orticello da famiglia basta, l’unico inconveniente sono le zanzare.  

Nirgal ti ricordo che sono un giardiniere: quello che descrivi non e' un orto, e' un giochino.
Di quanti mq stiamo parlando?
Per quante piante?
Quali piante?
Con che resa?
Quanto spreco?
"Orto" e' una cosa diversa, non esiste "orticello di famiglia".
Se quello che coltivi non soddisfa tutta la tua richiesta di verdura il tuo e' solo un hobby (divertente) con il quale produci un po' di buona verdura.
Un costo in piu'.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 14796
Località: Padova
MessaggioInviato: Ven 19 Mag, 2017 07:46    Oggetto:   

Sul glutine va però fatto un distinguo: un conto sono le allergie (al lattosio, al glutine, alle noccioline), etc...cioè una risposta seria dell'organismo a qualcosa che non vuole, e non va presa alla leggera.

Un conto le intolleranze, cioè lo stesso una reazione dell'organismo, ma non potenzialmente mortale, quanto meno non nell'immediato.
Io sono diventato intollerante al lattosio, ma non allergico. Cerco di evitarlo, ma se faccio uno strappop so già che pagherò con una cagata. Amen.

Tante persone sono intolleranti al glutine (certo, tante no, seguono la moda), pure loro se lo mangiano non rischiano, se non mal di pancia, cagotto e similia.

La percezione (da provare) è che i cibi siano molto più calorici e saporiti di un tempo. Ho ben chiare le immagini degli anni '70, una popolazione di smilzi (vero, c'entravano anche le sigarette, fumavano tanti come turchi), che è strano, anche vedendo gli atleti.

Tardelli lo ricordavo come un colosso, un mastino, vederlo oggi nei filmati vedi sto smilzo mezza sega (non parlo di tecnica o fiato, o senso tattico). I giocatori di basket sono dei normolinei di 2 metri, oggi, mentre un tempo a 2 metri eri soprattutto una cosa, lento.

Oggi l'uomo più veloce del mondo sfiora i due metri. Non so, saranno anche le migliori condizioni di vita, sarà l'evoluzione, sarà culo, ma in pochi decenni i cambiamenti secondo me si vedono. Non so se ci sono studi al riguardo, che magari smentiscano, chissà.
Nirgal
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1757
MessaggioInviato: Ven 19 Mag, 2017 11:16    Oggetto:   

Davide Siccardi ha scritto:
Nirgal ha scritto:
@Davide Siccardi
Faccio l'orto praticamente da da quando sono nato, non parlo per sentito dire.
Prima di tutto sono ancora vivo e vegeto, frasi come “L’orto vuole l’uomo morto” mi fanno ribaltare (mi sembri un Al Baghdadi anti-orto) , si fa un po’ di fatica, ma è una fatica sana, se poi uno fa una vita sedentaria, un po di lavoro nell'orto fa decisamente bene alla salute,  ovvio se uno lavora “fisicamente” tutto il giorno, arrivare a casa ed andare nell'orto può essere una rottura … ma non è l’orto il problema Very Happy
Anche perché a livello giornaliero una volta seminato devi solo bagnare, una mezz'ora alla sera per un un orticello da famiglia basta, l’unico inconveniente sono le zanzare.  

Nirgal ti ricordo che sono un giardiniere: quello che descrivi non e' un orto, e' un giochino.
Di quanti mq stiamo parlando?
Per quante piante?
Quali piante?
Con che resa?
Quanto spreco?
"Orto" e' una cosa diversa, non esiste "orticello di famiglia".
Se quello che coltivi non soddisfa tutta la tua richiesta di verdura il tuo e' solo un hobby (divertente) con il quale produci un po' di buona verdura.
Un costo in piu'.

Guarda io mi baso su quello che vedo nel mio orto, poi il mio è abbastanza ampio, però se tu hai un po' di terreno, anche solo un decina di mt quadri, ha piantare un po' di insalata, qualche pianta di pomodori, peperoni, melanzane, zucchini, cetrioli, etc... prendendo per esempio piante che producono molto in poco spazio e con poca "manutenzione" hai un guadagno/risparmio (e la qualità di quello che mangi è ben diversa.).
Io vedo che tutti gli anni le piante di pomodori sono cariche per qualche mese, idem per zucchini, melanzane e peperoni, anche se con il clima un po' folle degli ultimi anni le maturazioni tardano e le piante ne patiscono in generale.
Poi sarà anche "un giochino", come una rete casalinga è generalmente un giochino rispetto ad una aziendale (io sono un informatico), ma pur sempre di rete con Client e Server si tratta, anche se tra un router casalingo che mi offre dhcp,dns, filesharing, etc ed i server di una azienda c'è un bella differenza.
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 5061
Località: Verona
MessaggioInviato: Ven 19 Mag, 2017 14:54    Oggetto:   

Nirgal guarda che però secondo me Davide ha ragione, un conto è potersi permettere di perdere il raccolto, potersi permettere di prendere semi a resa bassa, potersi permettere di avere delle lumachine tra le foglie, ecc... un conto è doversi mantenere con quell'orto. Una bella differenza, soprattutto se tieni conto del costo-opportunità.
Credo che a conti fatti quello che risparmi con l'orto da giardino sia molto poco - senza ovviamente tener conto della soddisfazione, quella è non quantificabile.
Se poi vuoi auto-mantenerti, auguri. Soprattutto se alcuni prodotti sono di difficile produzione (penso a tutti quelli che non possono attecchire qui causa clima)
il_Cimpy_spinoso
Babbano in Incognito Babbano in Incognito
Messaggi: 6801
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Sab 20 Mag, 2017 07:05    Oggetto:   

"Oggi l'uomo più veloce del mondo sfiora i due metri. Non so, saranno anche le migliori condizioni di vita"

Saranno steroidi, anabolizzanti e, in generale, il miglioramento del doping....
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5540
MessaggioInviato: Sab 20 Mag, 2017 11:31    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:

Guarda io mi baso su quello che vedo nel mio orto, poi il mio è abbastanza ampio, però se tu hai un po' di terreno, anche solo un decina di mt quadri, ha piantare un po' di insalata, qualche pianta di pomodori, peperoni, melanzane, zucchini, cetrioli, etc... prendendo per esempio piante che producono molto in poco spazio e con poca "manutenzione" hai un guadagno/risparmio (e la qualità di quello che mangi è ben diversa.). 

Intendo dire questo: intanto, ribadisco, mangi bene.
Un bene che sfugge a chi e' abituato a comprare verdura al supermercato.
Ci sono due grandi pero' in mezzo, e non li lasci trasparire.
Il primo grande pero' e che quando dici "poca manutenzione" parli un po' per abitudine un po' perche' alla fine ti interessa far rendere la produzione fino ad un certo punto.
Chi non ha un orto non sa che i pomodori vanno costantemente puliti e rilegati, che le trombette vanno legate su canne che vanno adeguatamente preparate e sistemate, che le erbacce vanno costantemente eliminate, che le angurie ed i meloni vanno "gonfiati" di acqua fino al limite salvo all' ultimo lasciarli "a secco" facendo molta attenzione a come si gioca con i tempi ed i rapporti con l' acqua, che alcune verdure corrono costanti rischi marciume/malattia/eccesso di produzione a discapito qualita' del frutto, che le erbacce vanno costantemente tolte a mano (durante la produzione, perche' a termine e' bene operare una buona pulizia meccanica prima di passare la motozappa per evitare di interrare semi insieme a stallatico e lolla di riso) ecc
Chi non ha un orto non sa che il terreno va lavorato meccanicamente e lasciato riposare durante le rotazioni, che bisogna lasciare ricostruire i microcanali naturali del terreno ma al contempo fare attenzione a quali bestie li creano, che verdure ci sono per ogni stagione ma alcune di quelle dei periodi a piu' scarsa produttivita' tendono a prendersi tutto lo spazio, che conservare i semi e' complesso ecc ecc ecc
Detto tutto questo ribadisco: meno lavoro fai sull' orto e meno produzione hai dunque per poco che hai speso poi devi comprarti delle verdura (non buona come la tua, salvo forse qualche negozio di frutta e verdura ma boh ci va un po' di fortuna e non tutto il territorio nazionale offre le stesse cose) piu' lavoro fai sull' orto e piu' crescono i costi.
Non solo di tempo, ma di concime (e si, ci vuole, sopratutto a seconda delle regioni in cui vivi: qui, in Liguria, senza sincere dosi di concime non pensare neppure di avere a che fare con la terra. sopratutto nella provincia di Imperia), di mezzi (idem), di benzina, di prodotti chimici (spesa discutibile ma da considerare), acqua, vari costi di materiali (serretta per tutto l' anno, canne, spaghi, attrezzi una tantum, ecc).
Insomma: fatelo o fatevelo fare, ma o siete la bonduelle (che per altro guadagna con il fotovoltaico) o non e' un risparmio.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5540
MessaggioInviato: Sab 20 Mag, 2017 11:53    Oggetto:   

HappyCactus ha scritto:
Se poi vuoi auto-mantenerti, auguri. Soprattutto se alcuni prodotti sono di difficile produzione (penso a tutti quelli che non possono attecchire qui causa clima)

Da noi viene un po' di tutto: dai pomodori (con qualche varieta' semi locale), alle zucchine (trombette ovviamente), dalle patate alla fave, dai carciofi (anzi, i carciofi sono una produzione di eccellenza locale) ... all' aglio, passando per insalate, melanzane, angurie, meloni, peperoncini vari assortiti, aromi non ne parliamo (quelli li uso anche in giardinaggio, sopratutto il rosmarino repens)...
Pero', per fare un esempio banalissimo, le banane vengono con estrema difficolta' e con scarsa resa.
Per dire, io di banane ne consumo una discreta quantita'.
Quel che resta e': o ti organizzi con serre o produci sopratutto in primavera/estate; o impieghi notevole tempo e costo o completi la spesa al supermercato.
Pero' Happy il discorso sapore non e' paragonabile: se te el coltivi mangi verdura cruda e ti rendi conto di quale e' il suo sapore, diversamente o ti fidi di cosa "il contadino" butta sulla piante a manate oppure quel che compri e' insipido.
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 5061
Località: Verona
MessaggioInviato: Lun 22 Mag, 2017 16:15    Oggetto:   

Non c'è dubbio, Davide. Il mio è prettamente un discorso economico. 
E comunque, conosco dei posticini in Friuli dove la terra è così buona che la verdura (del contadino) costa poco di più del supermercato ed è fantastica. E' una questione di terra (che fa si che la verdura "buona" sia più disponibile), ed è una questione di tecniche di coltivazione. Questo intendo dire, che non è affatto vero che "per colpa" del progresso il costo della verdura (e della vita in generale) è cresciuto. Tra l'altro un tempo di accontentavi anche di frutta e verdura che magari oggi sono considerate di seconda o terza scelta.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Off Topic Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum