Definiscimi "fantascienza"


Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 11:58    Oggetto: Definiscimi "fantascienza"   

Definiscimi "fantascienza"

Si può dire che dal momento stesso della nascita della fantascienza, o almeno da quando questo genere fu classificato con un proprio nome ("scientifiction", poi diventato "science fiction"), nel 1926, uno dei temi di discussione più stimolanti è stato proprio quello di darne una definizione.

Leggi l'articolo
Alastor Luce
Scaraburra
Messaggi: 7
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 12:01    Oggetto: Definiscimi "fantascienza"   

bel dibattito , in effetti c'è molta confusione a riguardo , la fantascienza :
 vocabolo introdotto ai primi del '900 ,
 Phantasia-scientia ,
connubio greco e latino .
A mio obiettivo e conciso pensiero con tutto il rispetto, è tale e si manifesta quando la fantasia si rifà sulla scienza ,
 fanta>scienza 
ovvero ,
apra visuali e teorie scientifiche che ancora non sono state introdotte ,
lasciando il dubbio per possibilità concreta di una realizzazione,
illustrando precisamente la scienza in questione. 
 
Etimologicamente e grammaticalmente
io preferisco esser " puritano " e concepire il concetto per il suo equilibrio : Visionario ;

.. sul treccani non è fatta questa considerazione ,ed è lasciata un po povera ed all'interpretazione .. ahimè , la lingua dall'avvenire di wikisparatutto sta andando a farsi fottere ! 
Alastor Luce
Scaraburra
Messaggi: 7
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 12:01    Oggetto: Definiscimi "fantascienza"   

mnhd


Ultima modifica di Alastor Luce il Mar 24 Gen, 2017 19:53, modificato 2 volte in totale
orcolat
Vorlon Vorlon
Messaggi: 986
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 12:35    Oggetto:   

Dibattito infinito, senza grosse preoccupazioni di sbagliarmi al riguardo.

Io ormai, personalmente, uso una definizione molto ampia, suppongo che per me SF sia ormai Speculative Fiction con, al massimo, qualche tentativo di capire che sottogenere io stia leggendo/guardando/etc.

Questo credo dipenda dall'essermi abituato a una sfumatura di SF in cui sono le idee a essere importanti, quelle speculazioni che mi lasciano a riflettere durante o dopo aver terminato di leggere l'opera (se di opera scritta si tratta).

Attendo la prossima inchiesta, segnalando già da ora Star Trek & Furious come buon candidato alla nefandezza, non solo fantascientifica, ma anche dal punto di vista della filmografia tout court.
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1427
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 15:45    Oggetto:   

Ah, diatriba molto nota... Chissà, forse è pure utile. In fondo, è come riflettere su sé stessi.
Personalmente, penso che una definizione esatta non esista (così come non esiste una vera distinzione netta tra FS/FY). Quindi ora come ora la eviterà

Ma essendo un logorroico, una mia piccola digressione sull'argomento ci sta, poi un commento sulle deifnizioni date

Innanzi tutto si parla di narrativa (con qualsiavoglia mezzo). E quindi si dovrebbe parlare di scenario/contesto, di estetica e di intreccio (senza dover per forza entrare nel campo fabula/intreccio e via dicendo).

Se dicessi che la FS è un ramo della narrativa fantastica direi una cosa giusta. Il fantastico è tutto ciò che esula dal mondo a noi noto (giusto per parafrasare Suvin).
Quindi, potremmo avere il perturbante (come l'horror), il meraviglioso (come il fantastico puro, fino al surreale e al non sequitur), lo speculativo (ossia come conseguenza di una certa ipotesi), la fuga dalla realtà (come il fantasy, nella sua accezione enormemente allargata, senso di mancanza di vincoli - o meglio di presupposti, dove il FY più forte è uno scenario di qualche tipo coerente in sé, non uno sviluppo logico di un qualcosa).

Uno potrebbe dire che esistono aree colorate non disgiunte, e che le varie declinazioni del fantastico si possono sovrapporre in molti modi. Tra FS e FY uno potrebbe dire che ad un estremo avremmo la spiegazione nel maggior dettaglio possibile (fino arrivare lla FS Hard che parla di fisica, ad esempio) e dall'altra l'assenza totale di spiegazione (fino arrivare al concetto astratto di magia, una cosa che accade senza spiegazione "e questo come accade? Per magia?").
Ovvio che se uno tratta la magia speculandoci sopra, sui sui limiti e la provenineza fa della scienza, ossia della gnosis, cioè si vuole sapere. Stessa cosa accade quando la spiegazione latita, o è messa in secondo piano, pur apparendo plausibile ("Come sei arrivato? Con una astronave").
Nel centro avremmo la definizione di Clarke, dove magia e tecnologia diventano indistinguibili.

Certo, il fatto di mettere in risalto maggiore o minore significa volersi addentrare nel modo di narrare e qui si torna agli elementi costitutivi della narrazione, scenario, estetica e intreccio.

Un Guerre Stellari ha una estetica fortemente fantastica, ma un intreccio fortemente fantasy (la forza come magia, i cavalieri, principesse ecc.). Film come Gattaca non mostra astronavi, non mostra gente vestita strana o alieni, non mostra laser o altro. La FS è relegato sullo sfondo e l'azione riguarda i traguardi personali e l'inganno (tanto che non riesco a sospendere l'incredulità, personalmente), quindi è un film fortemente ambiguo.

Uno può decidere a proprio piacimento se qualcosa rientra nell FS in base quanto dei punti hanno una sfumatura fantastica (e quindi fantastico/ realistico è un asse ortogonale al piano dove stavano gli insiemi visti prima, horror/fanstico puro/FS/FY.

Impossibile quindi dar euna definizione esatta, che significa ritagliare un confine esatto che ne segua el forme, che sono troppe o troppo ambigue.

Di conseguenza tutte le definizione date hanno una parte di verità, come Sosio ha fatto notare, ma le mie rpeferite sono

La Fantascienza è un modo di "ragionare" strettamente correlato alla Scienza: una (la Scienza) ci permette di classificare e comprendere ciò che non conosciamo, l'altra (la Fantascienza) ci permette di capire cosa farne. (Antonio Pallaro)

La fantascienza è il genere narrativo che ha per oggetto i sogni e gli incubi generati dallo sviluppo tecnologico, scientifico e sociale. (Valerio Evangelisti)

In entrambi si evidenzia come sia un fiorire della fantasia su certi presupposti. Nelle loro ambiguità spazia la nostra immaginazione, che riesce a vedere o escludere, e per questo stimolanti.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5525
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 16:09    Oggetto: Re: Definiscimi "fantascienza"   

Alastor Luce ha scritto:
bel dibattito , in effetti c'è molta confusione a riguardo , la fantascienza :
 vocabolo introdotto ai primi del '900 ,
 Phantasia-scientia ,
connubio greco e latino .
A mio obiettivo e conciso pensiero con tutto il rispetto, è tale e si manifesta quando la fantasia si rifà sulla scienza ,
 fanta>scienza 

No, il termine fantascienza e' un' italianizzazione piuttosto discussa del neologismo anglosassone science fiction.

Non che questo sminuisca il resto del tuo ragionamento, ma ricordiamoci che la fantascienza nasce come genere in america nel momento in cui Hugo Gernsback pubblica Amazing Stories e pone i paletti del genere.
Vale sempre la pena ricordare che il buon HG identificava come scrittori di riferimento del nascente genere Wells, Verne e Poe: come dire sf sociologica, hard sf e sf  concentrata sulle suggestioni derivanti dalla scienza e dalle sue applicazioni (salvo poi pubblicare, ragionando di grana grossa, altro).

Senza polemica, solo per buttare due argomenti in piu' oltre quelli che per altro condivido: sostanzialmente la sf nasce gia' poco omogenea e tale si e' mantenuta.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5525
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 17:07    Oggetto:   

Fedemone ha scritto:
Ah, diatriba molto nota... Chissà, forse è pure utile. In fondo, è come riflettere su sé stessi.

Ma si infatti e' sempre la scusa per affrontare il tema, interessante, del perche' esistono degli appassionati di sf, cosa incuriosisca del genere, cosa appassioni e quali branche sono in voga, quali lo sono state, chi ha affrontato il genere occasinalmente, chi si e' spinto sui confini, chi li ha volutamente oltrepassati, ecc
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5525
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 17:10    Oggetto:   

Tra l' altro il vecchio numero di Delos da cui e' tratto l' articolo era in origine corredato anche da una pagina della posta in cui si era dibattuta la questione (non mi ricordo se sullo stesso numero e sul numero successivo a dire il vero).

Sono passati un po' di anni magari qualcuno si riconosce in quanto commentato all' epoca e qualcuno no.
Piu' o meno ho sempre la stessa idea, se ricordo cosa ho scritto all' epoca, ma di acqua sotto i ponti ne e' passata.
Alastor Luce
Scaraburra
Messaggi: 7
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 19:13    Oggetto: Re: Definiscimi "fantascienza"   



Ultima modifica di Alastor Luce il Mar 24 Gen, 2017 19:42, modificato 1 volta in totale
Alastor Luce
Scaraburra
Messaggi: 7
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 19:35    Oggetto: Re: Definiscimi "fantascienza"   

Davide Siccardi ha scritto:


No, il termine fantascienza e' un' italianizzazione piuttosto discussa del neologismo anglosassone science fiction.
.....

    

si conosco bene la tempistica del termine 

il mio è un discorso un po più amplio, 


di fatto il mio ragionamento è una definizione obiettiva , che esprime il concetto della parola in italiano , facendo fronte anche a Monicelli , che l'ha interpretata correttamente ed universalmente ,non pone solo il genere di se stesso , 
ma anche e specialmente il carattere , 
 per quanto Gernsback si suppone che fosse l'inventore del termine Shi-Fi ,si suppone appunto ,  
e a prescindere , dico solo che ad oggi come a ieri il significato più obiettivo e corretto che si possa appropriarle è quello che ho esposto , che vive anche al di fuori della letteratura , per esempio un ragionamento brillante ,relativo ed astratto potrebbe esser definito benissimo fantascientifico ,proprio per il suo lato visionario , 

cit : " che stai dicendo , questa è fantascienza ! " Wink 
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5525
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 20:59    Oggetto: Re: Definiscimi "fantascienza"   

Alastor Luce ha scritto:

si conosco bene la tempistica del termine 

il mio è un discorso un po più amplio, 


di fatto il mio ragionamento è una definizione obiettiva , che esprime il concetto della parola in italiano , facendo fronte anche a Monicelli , che l'ha interpretata correttamente ed universalmente ,non pone solo il genere di se stesso , 
ma anche e specialmente il carattere , 
 per quanto Gernsback si suppone che fosse l'inventore del termine Shi-Fi ,si suppone appunto ,  
e a prescindere , dico solo che ad oggi come a ieri il significato più obiettivo e corretto che si possa appropriarle è quello che ho esposto , che vive anche al di fuori della letteratura , per esempio un ragionamento brillante ,relativo ed astratto potrebbe esser definito benissimo fantascientifico ,proprio per il suo lato visionario , 

cit : " che stai dicendo , questa è fantascienza ! " Wink 

Il fatto e' che la fantascienza si definisce tale dalla nascita della pubblicazione di cui si diceva.
Non vuol dire che prima non se ne facesse o non ce ne fossero precursori (Il prometeo moderno di solito, e questo si che e' un bel forse, e' considerato il primo esempio di protofantascienza), vuol solo dire che trattandosi di un genere, e quindi di un qualcosa di sommariamente codificato con un arbitraria data di inizio, nasce ufficialmente con Amazing Stories 1.
Che poi vuol dire tutto e niente eh, beninteso.
Per me e' fantascienza la narrativa non mimetica che piuttosto che calcare la mano sugli aspetti orrorifici o fantastici di tipo completamente scollegato dalla realta' lavora o sugli spunti, o sulle suggestioni o sull' estetica derivata dalla invenzione, speculazione, riflessione, esagerazione, anticipazione fondata sulla scienza, sulle scienze morbide, sulla tecnologia o su argomenti di altro tipo (giallo, fantastico, religione ecc) trattati pero' con il piglio, lo spirito critico, la dialettica di cui sopra.

Piccola aggiunta: mi sono poi ricordato che fantascienza non e' stato il primo neologismo utilizzato in Italia per definire la SF.
Alastor Luce
Scaraburra
Messaggi: 7
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 22:06    Oggetto:   

caro Davide,  difatti non metto in dubbio che il termine nasce associato ad un evento ,è innegabile ad oggi , 
poteva nascere benissimo per un altro e forse è stato proprio cosi e non lo sappiamo ancora ,
ma non è questo il punto , 
io metto in rilievo solo il significato del perchè è stato adottato proprio questo termine e su che presupposti radicali concettuali ,dandone così a mia visuale un essenza concisa ed obiettiva 
poi che sia in inglese , polacco o italiano la sua anima è quella , 

quando parlo di scienza intendo qualunque conoscenza ,
quando parlo di fantasia  intendo tutto l'apparire , la potenza rappresentativa e immaginativa dell'anima ,  
è proprio qui l'universalità del termine , in sintassi , non per forza deve descrivere un evento , o esser associato ad un " genere " ,( non mi piace la parola genere Wink Smile)   
 per radice esistenziale , o a dir si voglia carattere , però deve senza dubbio descrivere e soprattutto avere un concetto basilare , tutto qui .
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5525
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 22:35    Oggetto:   

Alastor Luce ha scritto:
caro Davide,  difatti non metto in dubbio che il termine nasce associato ad un evento ,è innegabile ad oggi , 
poteva nascere benissimo per un altro e forse è stato proprio cosi e non lo sappiamo ancora ,
ma non è questo il punto , 
io metto in rilievo solo il significato del perchè è stato adottato proprio questo termine e su che presupposti radicali concettuali ,dandone così a mia visuale un essenza concisa ed obiettiva 
poi che sia in inglese , polacco o italiano la sua anima è quella , 

quando parlo di scienza intendo qualunque conoscenza ,
quando parlo di fantasia  intendo tutto l'apparire , la potenza rappresentativa e immaginativa dell'anima ,  
è proprio qui l'universalità del termine , in sintassi , non per forza deve descrivere un evento , o esser associato ad un " genere " ,( non mi piace la parola genere Wink Smile)   
 per radice esistenziale , o a dir si voglia carattere , però deve senza dubbio descrivere e soprattutto avere un concetto basilare , tutto qui .

Si ok, pero' il termine non e' fantascienza, cioe' scienza fantastica, bensi' science fiction cioe' narrativa costruita sulla scienza.
Ed allora seguendo questa strada l' equilibrio di cui parli si perde, spingendo verso una narrativa molto piu' tecnica di quanto invece non auspichi.
Per altro questa e' precisamente la critica che pongono nei confronti di sf sociologica, new wave anni settanta, space opera ecc ecc i cultori dell' hard sf stile anni ottanta.
Pero' oltre al neologismo vanno considerati gli altri confini stabiliti in partenza (che sono piuttosto ampi, come si diceva, e passano da Poe a Verne per Wells e quindi seguono uno spettro narrativo piuttosto ampio e non certo riducibile alla sf tecnologica o hard che dir si voglia), va considerato lo spirito di fondo che caratterizza gia' la protofantascienza (ovvero inserire estetica, suggestioni, influenza e speculazioni sulla scienza in narrativa ed in qeusto senso oggettivamente Frankenstein e' un ottimo esempio ed indicatore) e in qualche maniera contestualizzata narrativa ed intenti degli autori degli albori.
C'e' poi quello che personalmente si preferisce o si cerca nella fantascienza: per quel che mi riguarda vale la "definizione" che ti ho dato un messaggio fa.
Alastor Luce
Scaraburra
Messaggi: 7
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 23:15    Oggetto:   

è qui che mi discordo ,il termine  fiction non sta solo per narrativa , fiction sta anche e maggiormente per finzione , simulazione, immaginare e nell'ambito della scrittura viene associato  proprio per fantasia , illusione scenica ,
ecco dove trovo corretta ed universale l'interpretazione di Monicelli Smile 
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5525
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 23:24    Oggetto:   

Eh insomma, la tua e' un' interpretazione emotiva del neologismo non proprio la sua genesi storica.

Ma giusto per rompere un po' le scatole, fare il puntigliosetto, alla fine probabilmente leggiamo le stesse cose.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sugli articoli di Delos Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum