Sulla narrativa nascosta in un testo


Autore Messaggio
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1438
MessaggioInviato: Gio 12 Gen, 2017 12:12    Oggetto: Sulla narrativa nascosta in un testo   

C'è una affermazione di Borges in "Tlon, Uqbar, Orbis Tertius" che riguarda il suo amico Bioy Casares dove vagheggiano di un romanzo in prima persona il cui narratore lasci emergere alcune contraddizioni che, a pochi, pochissimi lettori svelino una realtà terribile o terribilmente banale.

Non sembra che esista a prima vista una narrazione del genere eppure...
Umberto Eco in "sugli specchi e altri saggi ", parlava dei "6 Problemi per Don Isidro Parodi" e mostrava come ci fosse in realtà un sottotesto dietro al semplice testo ed è abbastanza convincente.

Gene Wolfe è stato un maestro nel creare una seconda narrazione nascosta a prima vista, con dettagli omessi che raccontano una realtà più complessa (es. Severian nelle cronache dle lungo sole).

In realtà Nabokov fa molto di più. Trovando questo racconto leggiucchiando di Apofenia, ho trovato una analisi incredibile per questo racconto, che non ho mai letto in realtà (ho Fuoco Pallido in pila di lettura)

https://en.wikipedia.org/wiki/Signs_and_Symbols

Ed ecco l'analisi:
https://www.libraries.psu.edu/nabokov/dolinin.htm

Roba da far scervellare...

Mentr ein opere come Le Terre Desolate di T.S. Elliot, o i Canti di Ezra Pound il rimando perpetuo ad altre opere arricchiscono - e secondo me impoveriscono da un altro lato - l'opera stratificandola con significati occultati, qui in realtà c'è un vero e proprio mistero proprio di una narrazione monca che in realtà lascia al lettore abbastanza da penetrare il velo di incomprensibilità che attornia l'opera, così come attornia le nostre vite.
Più di un giallo, dove mistero e soluzione e sono palesi, la narrazione si svolge su due piani.

Qualcuno conosce altri esempi a riguardo?
val62
Morlock
Messaggi: 85
MessaggioInviato: Gio 12 Gen, 2017 21:08    Oggetto:   

non è a livello degli autori che citi, ma ti consiglierei di provare a leggere Tecnomante, nell'edizione completa appena uscita. Le appendici aiutano a svelare i vari livelli di lettura nascosti.
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1438
MessaggioInviato: Ven 13 Gen, 2017 10:26    Oggetto:   

Ma intendi quello di Peyrano? Avevo letto un racconto introduttivo su Robot ma lo trovai terribile...
Lidia Zitara
Hortha Hortha
Messaggi: 116
Località: Regno delle Due Sicilie
MessaggioInviato: Gio 16 Feb, 2017 22:19    Oggetto:   

Be' non so se si potrebbero incasellare in quello che dici tu, ma il noto "la nave di Teseo" di Abrams fa proprio questo discorso.
Non malvagio ma non bello come il film "la storia fantastica" narra di un libro mai esistito con una tale accuratezza da indurre a credere anche il lettore che è già a conoscenza della verità.
E poi "Trilogia della città di K" è veramente misterioso, anche se l'attenzione al libro che si scrive man mano che si legge è meno accentuata e più spostata sulla drammaticità delle situazioni e delle azioni dei personaggi.
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1438
MessaggioInviato: Ven 17 Feb, 2017 10:58    Oggetto:   

La Nave di teseo mi incuriosiva ed è nela mia lista infinita...
Cmq come pseudobibla è molto interessante e la narrazione parallela è esplicita.
In realtà esiste un tipo di narrazione che la mantiene implicita. Solo un lettore abile (o aiutato da un critico esterno) riesce ad intravedere un secondo testo nascosto nel primo. Non è solo questione di piani di lettura, è proprio una sequenza di avvenimenti non espliciti di cui abbiamo indizio ma nessuna testimonianza.
Una cosa simile accade anche in Fuoco Pallido, sempre di Nabokov, dove le note a margine del commentatore fanno intuire una storia parallela a quella narrata.
Mentre "La Nave di Teseo " pone tutto questo in maniera esplicita, altrove è del tutto nascosto...
Lidia Zitara
Hortha Hortha
Messaggi: 116
Località: Regno delle Due Sicilie
MessaggioInviato: Ven 17 Feb, 2017 21:42    Oggetto:   

Uhm, ho capito. la nave di Teseo allora non so se ti piacerà, val comunque la pena di leggerlo. Devo dire che non sono il genere di lettrice che capta facilmente sottotesti complessi. Mi piacciono molto nei film, ma in letteratura fatico a destreggiarmi. Però i titoli che hai indicato mi incuriosiscono, vedrò se la rete e generosa e se mi potrà prestare un paio di epub.
neanche "Trilogia della città di K" ha sottotesti nascosti, ma direi che è metanarrativo, almeno in certi punti, non so se possa piacerti, di certo è molto interessante e davvero misterioso.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Altri libri Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum