"Futuro perfetto" - va tutto bene


Autore Messaggio
Francesco Rizzo (Soft Musix)
Ameboide amorfo
Messaggi: 3
MessaggioInviato: Ven 08 Lug, 2016 19:58    Oggetto: "Futuro perfetto" - va tutto bene   

Capitolo 1 – Il radioso anno 2100 
Salve, mi chiamo Travis Donovan e ho solo un desiderio: 
vorrei che tutti i miei cittadini sperimentassero che cosa vuol dire essere come me. 
Cioè, che tutti fossero presidenti della Via Lattea almeno per un giorno, e che possano sperimentare l’abbondanza di possibilità che scandisce le mie giornate e soprattutto le mie serate. 
Tutto va così bene che la gente prega ogni giorno che io non muoia e resti sempre dove sono. 
Al riguardo, nessun problema: la mia corporazione medica gratuita ha trovato svariati modi per allungare la vita a tempo indefinito. 
Nel 2000 le corporazioni erano quanto di peggio potesse esistere. 
Per risposta, qualche anno fa, ho creato una decina di corporazioni che distribuiscono beni e servizi gratis a chiunque, e con queste corporazioni domino la galassia sperando di non urtare la sensibilità di nessuno. 
Ho cambiato il significato della parola “corporazione”. Mica male. 
Ho davanti a me una flotta di piccoli robot volanti che stazionano a mezz’aria in attesa dei miei ordini. 
E quando sbaglio a dare ordini la loro intelligenza artificiale ci mette sempre una toppa e non devo preoccuparmi troppo. 
Se un giorno io impazzissi e ordinassi di distruggere la Terra, loro non lo farebbero, perché hanno in sé la mia morale. 
E per fortuna, a parte qualche uscita da pazzerello per divertimento, sono una persona profondamente buona, quindi anche i robot lo sono. 
Gli ho chiamati Claptrap, come i simpatici robottini monoruota della serie di videogiochi “Borderlands”, e a volte fanno piccole battute anche loro. 
Ahhhh, sì ... Mi prendo un bel respiro profondo guardando il mare celeste di Malta, me lo merito. 
All’inizio del millennio la gente soffriva per l’acqua, per il cibo, per la libertà o addirittura per divertimento. Io non la capisco la gente che legge gli horror, ma va bene, l’horror esiste anche oggi: un rimasuglio del nostro percorso evolutivo. La paura è a suo modo eccitante, ma non per me. 
Signori e signore, potremmo finirla anche qui col racconto. Va tutto bene e andrà bene. 
Con alcuni esperimenti sulla fisica quantistica (tanto complicati che solo un robot può farli) abbiamo previsto il futuro e sappiamo che tutto andrà bene. 
Vivremo per svariati millenni e a un certo punto tutti diventeremo una singola persona perfetta, ci uniremo spiritualmente e l’universo diventerà cosciente. E sarà un’altra epoca. Abbiamo ricevuto un messaggio dal futuro da noi stessi, cioè da quest’unica “super persona universale” e il messaggio è stato:«È una figata». Sospiro di sollievo per me, sospiro di sollievo per la mia famiglia. È una famiglia amabilmente imperfetta, quindi ancora meglio che perfetta. 

Qualche problema c’è, comunque: come si costruisce un parco d’intrattenimento abbastanza grande da soddisfare i visitatori ma non così grande da diventare di fatto una metropoli? 
Ahh… le H.I.F.A.M. … ovvero le “Hyperion Islands of Freaking Awesomeness of Malta”. 
Traduco: “Le isole Hyperion della cacchio di figosità di Malta”. 
È un arcipelago di isole artificiali a trenta chilometri a sud di Malta costruito da me. 
I maltesi mi odiano: le mie isole sono un pugno nell’occhio sia che siano viste dal livello del mare, sia che siano viste dall’aereo. E le giostre fosforescenti non aiutano. 
Le ho disegnate (le isole) usando MS-Paint. Lol, uccidetemi. 
Dicevo, le ho disegnate usando paint una notte in cui non avevo niente da fare. 
Viste dallo spazio sembrano concepite da un ubriaco a cui piace il Windnings (il font di Windows con i simboletti tipo sole, luna ecc.). Se la gente si diverte non viola la legge; ecco perché le ho disegnate con tanta fretta. Alcune delle scogliere (stampate in lava di pomice) hanno ancora la seghettatura dovuta allo “spixellamento” (ri-uccidetemi). 
C’è l’isola per famiglie (tree Island), l’isola per gli animali (cat&dog Island), l’isola per quando piove (con videogiochi e intrattenimento al chiuso), l’isola della ganja (non so se la distruggerò, la ganja è pur sempre una droga, sono molto in dubbio su questo argomento), la Something island (l’isola della musica) e due isolette per gli lgbt (io sognavo isole in cui ci fosse convivenza tra tutti i sessi, ma a pensarci bene è una semplice questione di tempo e di facilità di rimorchio: è un po’ brutto se sei una ragazza e ci provi con uno ed è gay, poi vai da un altro ed è gay pure lui … stessa cosa per i ragazzi etero. Ci provi con una, ed è lesbica ecc. ecc. Per questo le isole lgbt, è più pratico). 
Al centro delle isole c’è un tendone trasparente gigantesco, sotto il quale ci sono le giostre, tra cui la “giostra della vergogna”. E dire che ci avevo messo tanta speranza in quelle montagne russe. Ho detto a tutti gli utenti del sistema via messaggio video:«Qui sorgeranno le montagne russe delle HIFAM, ognuno potrà disegnarne un tratto di cinque metri e poi si farà un collage ed uscirà il percorso completo. Affrettatevi, il concorso ammette solo duecento partecipanti maggiorenni». 
E che cosa succede poi? Brutto a dirsi: tutti gli utenti hanno creato percorsi ripidissimi e animati (sì, il tracciato si può muovere). Un casino. Chiaramente lo scopo di qualcuno che crea un percorso così assurdo  è quello di far capovolgere il vagoncino con le persone dentro. L’intelligenza artificiale della Hyperion (la mia corporazione di intrattenimento) fa tutto in modalità “approvato Anshin” (Anshin è la mia corporazione medica), perciò se un utente crea, ad esempio, un giocattolo acuminato e tagliente, il sistema provvede automaticamente a smussarlo. 
Allo stesso modo, se un utente crea delle montagne russe “a caxo”, il sistema rallenta in automatico il vagoncino in modo da dare un’esperienza di divertimento eccitante ma comunque sicuro. 
Vado a controllare i profili degli utenti che hanno creato quei percorsi così assurdi e chi ti ci trovo? Madreterrani. Madonna. Avrei dovuto stare zitto, avrei dovuto dichiararmi neutrale sull’argomento religione e basta. E invece ho dovuto fare “l’esperimento R”. Ecco perché gli sto sulle palle a morte. 
L’esperimento R serve a dimostrare quale religione abbia ragione. 
-il giorno del primo esperimento R- 
Scrivo “La dea Gaia non esiste” a caratteri cubitali con un ologramma che copre tutto il deserto del Sahara, di notte. 
Passa un minuto, niente. Passa un’ora, niente. 
Chiamo i capi delle varie correnti wiccan via Atlasfonino e facciamo una breve videoconferenza. Gli dico solo:«Vediamoci a queste coordinate, è in mezzo al Sahara. Sono il capo di gran parte della Terra e c’è la remota possibilità che io diventi wiccan. Se venite». 
Aspetto mezzo secondo e sento la mia voce tradotta nelle varie lingue dei destinatari. Che strano. 
Loro rispondono “ok, stiamo arrivando”. 
Prendo la mia zeppelin house a levitazione (le zeppelin house sono gratis per tutti, poi ne parlerò) e vado alle coordinate. 
Per fortuna è appena calata la notte, la temperatura è sopportabile. Atterro, esco dalla zeppelin house e vedo, uno ad uno, scendere dalle loro zeppelin house i capi wiccan. Uno guarda l’orizzonte e dice qualcosa in tedesco. Il mio Atlasfonino traduce:«C’è un quadrato gigante nel cielo, è giallo, guardate!». Il più anziano di loro avanza verso di me e mi dice:«Allora, che cos’è che dobbiamo vedere?». Io dico:«Seguitemi nella mia zeppelin house». Loro confabulano per mezzo minuto, poi entrano in fila nella mia zeppelin. 
Vado alla saletta comandi, chiudo la porta e prendo quota, lasciando i miei ospiti nel salone. 
30 metri 
100 metri 
1 chilometro 

10 chilometri. Comincio a pentirmi di quello che sto facendo. 
__________________ 
il resto è qui 
https://www.wattpad.com/story/76650877
chip65C02
Hortha Hortha
Messaggi: 120
MessaggioInviato: Lun 19 Dic, 2016 14:41    Oggetto: Re: "Futuro perfetto" - va tutto bene   

Francesco Rizzo (Soft Musix) ha scritto:
Capitolo 1 – Il radioso anno 2100 
Salve, mi chiamo Travis Donovan e ho solo un desiderio: 
vorrei che tutti i miei cittadini sperimentassero che cosa vuol dire essere come me. 
Cioè, che tutti fossero presidenti della Via Lattea almeno per un giorno, e che possano sperimentare l’abbondanza di possibilità che [...]

L'inizio é assonante con una settimana da Dio 

A te sono servite 1226 parole per dire che "Travis Donovan presidente della via Lattea ha superpoteri e crea isole e continenti sui pianeti, inoltre é magnanimo e distribuisce gratuitamente beni sulla Terra, ma stranamente alimenta lo sviluppo di culti del cargo nei suoi confronti e si sposta con un aerostato per andare in orbita."

39 parole sono meno di 1226, però quello che é peggio é che non si capisce come mai mr. Donovan non ha la capacità di moltiplicare i pani ed i pesci?! rinvivire i morti?!, camminare sull'acqua?! e sopratutto perché mai necessiti di un aerostato?!

Invece di cercare gli aggiornamenti di www.simcity.com/upgrades 
suggerisco questi:

Dal tema al progetto, una strategia per scrivere
https://www.youtube.com/watch?v=8Kgo5ct1sfg
https://www.youtube.com/watch?v=CXIv2eKRqaI
https://youtu.be/MTtVv9v7TRc

La realtà in un romanzo e la narrazione cinematografica
https://youtu.be/0I8PELHFXJM
https://youtu.be/wQpJTsHwJK0 
https://youtu.be/KwsLMZ8hncQ
https://youtu.be/8cSlQw5CWXM

Obiettivo: tenere desto il lettore
https://youtu.be/bWZNLsdcKsc
https://youtu.be/Rrlhgb5F67Q
https://youtu.be/dd8v0Lm6KNU
https://youtu.be/JeV5kcoRY6Y
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1404
MessaggioInviato: Mer 21 Dic, 2016 12:15    Oggetto: Re: "Futuro perfetto" - va tutto bene   

chip65C02 ha scritto:
Francesco Rizzo (Soft Musix) ha scritto:
Capitolo 1 – Il radioso anno 2100 
Salve, mi chiamo Travis Donovan e ho solo un desiderio: 
vorrei che tutti i miei cittadini sperimentassero che cosa vuol dire essere come me. 
Cioè, che tutti fossero presidenti della Via Lattea almeno per un giorno, e che possano sperimentare l’abbondanza di possibilità che [...]

L'inizio é assonante con una settimana da Dio 

A te sono servite 1226 parole per dire che "Travis Donovan presidente della via Lattea ha superpoteri e crea isole e continenti sui pianeti, inoltre é magnanimo e distribuisce gratuitamente beni sulla Terra, ma stranamente alimenta lo sviluppo di culti del cargo nei suoi confronti e si sposta con un aerostato per andare in orbita."

39 parole sono meno di 1226, però quello che é peggio é che non si capisce come mai mr. Donovan non ha la capacità di moltiplicare i pani ed i pesci?! rinvivire i morti?!, camminare sull'acqua?! e sopratutto perché mai necessiti di un aerostato?!

Invece di cercare gli aggiornamenti di www.simcity.com/upgrades 
suggerisco questi:

Dal tema al progetto, una strategia per scrivere
https://www.youtube.com/watch?v=8Kgo5ct1sfg
https://www.youtube.com/watch?v=CXIv2eKRqaI
https://youtu.be/MTtVv9v7TRc

La realtà in un romanzo e la narrazione cinematografica
https://youtu.be/0I8PELHFXJM
https://youtu.be/wQpJTsHwJK0 
https://youtu.be/KwsLMZ8hncQ
https://youtu.be/8cSlQw5CWXM

Obiettivo: tenere desto il lettore
https://youtu.be/bWZNLsdcKsc
https://youtu.be/Rrlhgb5F67Q
https://youtu.be/dd8v0Lm6KNU
https://youtu.be/JeV5kcoRY6Y

Posso? Ogni commento è un bene, ma porsi direttamente sopra gli altri, quando in primis c'è da imparare non credo sia l'atteggiamento giusto.

Ha usato mille e passa parole anziché una trentina. E' un errore? Per te sì, per la tecnica di scrittua chiamata "show don't tell" è invece giusto. Perché lui mostra, tu dici, e le due cose sono in "conflitto". O comunque sono cose diverse.
Il mio suggerimento è di conoscere tutte le tecniche senza dare per scontato che una sia migliore dell'altra.

Per le altre domande poste dal Chip, a me non sorgono: vedo un protagonista faceto e presuntuosetto (un'iperbole efficace della tristemente nota politica nostrana, ad esempio) che può tutto o quasi grazie "una flotta di piccoli robot volanti che stazionano a mezz’aria in attesa dei miei ordini."
E' una persona che necessita mezzi (aerostato) e che potrebbe (o non potrebbe) fare questo o quello, non si sa i limiti o il capriccio.
Ma superpoteri, no, quelli non ci sono. E no, non si legge neanche di "cargo cults" da nessuna parte né si intuisce una cosa del genere nel testo.

Lo trovo frizzante e demenziale allo stesso tempo e sinceramente mi ha messo un po' di curiosità addosso di dove voglia andare a parare. Magari leggo il resto sul sito indicato - anche se pubblicizzarlo come idillio o utopia mi preoccupa un po', a me sembra una satira grottesca per ora. se non dovesse esserlo... ahia...
chip65C02
Hortha Hortha
Messaggi: 120
MessaggioInviato: Mer 21 Dic, 2016 15:45    Oggetto:   

non é un plot of action: in 1226 parole non succede niente, tranne quello che ho sintetizzato in 39 parole.

non é un plot of character: in 1226 parole non ci sono circostanze che inducano empatia/identificazione dal lettore al protagonista.

non é un plot of thought: le 1226 parole non contengono flussi di coscienza su drammi cervellotici

L'intreccio: plot of action, plot of character, plot of thought
https://youtu.be/fwv2tZUS74M
https://youtu.be/mMCpzp5CE7o


Citazione:
Francesco Rizzo (Soft Musix) ha scritto:
Le ho disegnate (le isole) usando MS-Paint. Lol, uccidetemi.  
Dicevo, le ho disegnate usando paint una notte in cui non avevo niente da fare. [...]
Alcune delle scogliere (stampate in lava di pomice) hanno ancora la seghettatura dovuta allo “spixellamento” (ri-uccidetemi).
[...]
Scrivo “La dea Gaia non esiste” a caratteri cubitali con un ologramma che copre tutto il deserto del Sahara, di notte.  



Circa gli altri dubbi che io ho esposto che violano la credibilità della trama (o sospensione d'incredulità nel lettore) che te non hai colto (forse sei rimasto anestetizzato LOL dalle 1226 parole del racconto?!), forse ti é sfuggito il fatto che se tra le 1226 parole, l'autore dice di aver creato isole con MS Paint, oltre a lamentarsi degli spixellamenti negli scontorni di alcune figure, é evidente che suggerisca al lettore l'esistenza di una qualche realtà virtuale, nel suo racconto.

Ecco perché invece d'installare aggiornamenti da www.simcity.com/upgrades suggerivo LOL altri links 

poi per carità... LOL de gustibs 
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1404
MessaggioInviato: Ven 23 Dic, 2016 10:01    Oggetto:   

Sono mille e passa parole dove si costruisce un mondo (o proprio se vogliamo scadere negli inglesismi "world building") e costruisce il personaggio principale: ci fa capire dove siamo e come ci siamo arrivati.

Non solo crea un personaggio grottesco che è l'iperbole di un ragazzino giovanissimo (dal gergo agli atteggiamenti) con "superpoteri" (ossia risorse illimitate e una tecnologia che gli fa fare tutto ciò che vuole). Viziato e sbruffone, privo del concetto di gusto, dalla profondità di un bicchiere di carta. Esaltato e, come detto innanzi, demenziale allo stesso tempo.
E' un carattere totalmente fatuo, creato alla perfezione in poche righe. Usarne giusto uan quarantina ti darà al massimo un riassunto, dall'impatto zero.

L'uso del MS Paint suggerisce realtà virtuale? Certo, eppure c'è gente si lamenta (se fosse tutto virtuale, che serve lamentarsi? E poi perché citare Malta, visot che la realtà virtuale è un non luogo?). C'è una ambiguità di fondo, e il mistero alimenta sempre la curiosità.
Iin questo caso moderatamente - è tutto così stupido che voglio capire dove vuole andare a parare, ma dall'altra è veloce e riesce mantenere l'attenzione per le mille parole che spende. Dubito che terrà l'attenzione alta per molto ancora, per questo pensavo ad un racconto breve, fulminante, dove si scaricano mille cose sul lettore tutte assieme.

Infine, a rileggerti, non hai espresso un solo dubbio sulla sospensione dell'incredulità in precedenza. Ma solo sul fatto che non possa fare questo o quello visto che ha superpoteri. E ho semplicemente risposto che rileggendo, non leggo di superpoteri né del fatto che quelle cose non le faccia sul serio.
Il meccanismo che citi è una cosa complessa e di certo non assoluta - e temo che nei lettori di FS la soglia di incredulità sia alta.
Per il sottoscritto la questione è sulla coerenza dello scritto (quindi conflitti alla logica interna, in genere solo subliminali). Se uno scitto è assurdo, come in questo caso, ma coerente, OK ci sto e posso andare avanti.

Come vedi, andare a misurare un racconto con un righello non è il metodo migliore, soprattutto se ci si pone sopra gli altri.

PS: Se posso permettermi, capisco che i LOL aiutino a sdrammatizzare, ma rendono i periodi difficili da leggere. E detto da uno che vuole insegnare a scrivere...
chip65C02
Hortha Hortha
Messaggi: 120
MessaggioInviato: Ven 23 Dic, 2016 11:58    Oggetto:   

380 parole per incensare d'oro un racconto insulso di 1226 parole di cui non se ne capisce il genere: parole tue.

Nemmeno ti sei accorto che l'uso di acronimi (LOL) sono tipici registri di comunicazione dei social network; in un racconto di FS dovrebbero essere banditi, in quanto trattandosi di testo potenzialmente stampabile dall'autore in epub/pdf, é ovvio che sin da subito l'autore debba abituarsi ad usare nei suoi racconti un registro di comunicazione che sia comprensibile da tutti (inclusi i lettori non avvezzi alle consuetudini di linguaggio, tipici nei social network).

Come e perché il presunto racconto di FS violi l'incredulità del lettore, l'ho già evidenziato: se non lo capisci é un problema tuo.

Se invece il testo di FS non é un testo di FS ma é un racconto mimetico, scritto da un adolescente delle superiori, che ci racconta le sue avventure con i suoi amichetti nei parchi diveritimenti con forme di carton gesso che per l'autore sembrano fatte con MSPaint, nonché ci narra le sue lordature sulla cartina di classe a commento di Gaia (la gnocca della scuola/classe durante l'ora di religione), obiettivamente ad un lettore di FS frega un cazzo. Non avrebbe senso postare un delirio così, in un forum di FS, spacciandolo per un racconto di FS, dato che é normale che finirebbe ignorato oppure mazziato.

Il post é dell'8 luglio 2016 e nessuno aveva caato il suo post sul forum.

Io ho avuto la curiosità di lurkare in un post ignorato da tutti per 6 mesi: gli ho linkato risorse in topic interessanti, l'ho mazziato con il sorriso, considerando il valore delle risorse linkate.

Per il resto Fedemone ricordati una cosa, rosicare con i dentini é segno d'invidia: l'invidia é una brutta bestia, fa venire sempre il sangue verde ed il cancro al fegato.

LOL
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1404
MessaggioInviato: Ven 23 Dic, 2016 17:03    Oggetto:   

Eddai, non fare l'offeso che sei il primo a tirartela. Guarda che qui di invidia ne trovi pochina (verso chi poi) e anche di incensamento. Non penso sia il racconto migliore di questo mondo (che tra l'altro non finisce, ma c'è un link ch eporta ad altre pagine) ma mi reputo una persona che vuole leggere un neofita come leggerebe un professionista e preferisco dare una motivazione valida a ciò che dico.
Quindi un'analisi onesta: la descrizione di un ragazzetto stupido e arrogante (conosco la dicitura LOL da un po' di tempo, e il suo uso fa proprio capire il tipo di personaggio, giovanissimo e intrippato con piattoforme sociali) e siccome è visibilmente artefatto (quindi non mi sembra autobiografico) ho curiosità di sapere come va avanti per altre N<10 pagine. Oltre sarebbe idiota, di meno, potrebbe avere un senso.

HO letto praticamente chiunque abbia voluto scrivere qualcosa e condividerla e a tutti ho dedicato il mio tempo.

Se qualcuno invece viene a dire con una certa supponenza (mi ricordo ancora certe sparate altrove) "no guarda, ci vuole solo sintesi", alzo la manina e con rispetto faccio notare che non sempre è così. Meglio quindi valutare due tecniche di scrittura e la loro efficacia.

Poi amen, direi che stanotte dormirò sonni sereni - almeno su questo fronte. Ad majora!
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a I racconti del Ten Forward Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum