Quel che si intende per fantascienza italiana


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Autore Messaggio
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 14638
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 07 Mar, 2016 15:16    Oggetto:   

chip65C02 ha scritto:
...





 (Da notare, che la risorsa é in PDF+COPYLEFT, non in ePub ed é invisibile ai lettori eReader ottimizzati per ePub)
http://collections.dartmouth.edu/published-derivatives/meadows/pdf/meadows_ltg-001.pdf

Solo per dire che in un momento di pausa, ho scaricato quanto al link, ho aperto il vecchio Calibre che ho qua, ho fatto Aggiungi libri, e l'ho aggiunto in pdf, ho cliccato su Converti libri, lui ha già proposto da pdf a epub, l'ho convertito, ora ce l'ho in entrambe le versioni.
Ci ho messo più tempo a scrivere quanto sto scrivendo.
Paolo7
Horus Horus
Messaggi: 3120
MessaggioInviato: Lun 07 Mar, 2016 15:34    Oggetto:   

chip65C02 ha scritto:


E' in Amazing Stories n°8 del novembre 1926 con -the mad planet- l'autore M. Leinster immaginò un cambiamento climatico indotto dall'effetto serra con innalzamento delle temperature, causate da massiva emissione umana di gas ad effetto serra.

Ah, però, sorprendente, visto che all'epoca si poteva contare sì e no sul famoso studio di Arrhenius del 1896. Solo con gli anni '30 sarebbero arrivati gli studi di Hulbert e Callendar...
chip65C02
Hortha Hortha
Messaggi: 120
MessaggioInviato: Lun 07 Mar, 2016 17:45    Oggetto:   

@ Paolo7

Sicuramente l'autore di SciFi del 1926 sarà stato un autore acculturato (professore? maestro? oppure un attento lettore di bollettini scientifici?) avrà quasi certamente attinto dagli studi di Svante Arrhenius (nonostante ci sia da contestualizzare che la velocità di circolazione delle idee, non é che all'epoca fosse paragonabile a quella che fu dopo l'avvento dei ponti satellitari e poi dell'accelerazione con la rete internet)
http://www.lenntech.it/effetto-serra/storia-riscaldamento-globale.htm

Va anche contestualizzato il fatto che il livello della cultura media nel 1926 era assai più basso di oggi (anche se oggi, a leggere certe cose di SciFi, viene il sospetto che sia l'esatto contrario...).

poi IMHO va riconosciuto a Gernsback che nel 1926 quando ancora nessuno parlava di climate change, ebbe a pubblicare sulla sua rivista vari racconti di SciFI sul clima. Quello in questione del 1926 era per metà é azzeccato (surriscaldamento globale planetario per rilascio di gas ad effetto serra) e per l'altra metà é pisciato fuori dal vaso (co2 divorata dalle piante _> proliferazione delle foreste -> crescita dell'ossigeno nell'atmosfera -> emersione d'insetti giganti dominanti). 

Va riconosciuto a Gernskback Smile quanto gli altri redattori di A.S. Smile il fatto che non mi risulta che abbiano mai pubblicato ucronie da lesionati. Gli alieni quando erano introdotti nei plot narrativi, erano sempre in simbiosi con razzi & lo spazio, spesso erroneamente associati a pianeti come Venere, Giove, Marte. C'é poi anche da contestualizzare il fatto (che é scusante di cià che si legge) che la conoscenza dell'astronomia nel 1926 era assai inferiore ad oggi, sia negli scienziati, quanto nel pubblico medio che leggeva i racconti.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5489
MessaggioInviato: Lun 07 Mar, 2016 17:55    Oggetto:   

chip65C02 ha scritto:

Va riconosciuto a Gernskback Smile quanto gli altri redattori di A.S. Smile il fatto che non mi risulta che abbiano mai pubblicato ucronie da lesionati. Gli alieni quando erano introdotti nei plot narrativi, erano sempre in simbiosi con razzi & lo spazio, spesso erroneamente associati a pianeti come Venere, Giove, Marte. C'é poi anche da contestualizzare il fatto (che é scusante di cià che si legge) che la conoscenza dell'astronomia nel 1926 era assai inferiore ad oggi, sia negli scienziati, quanto nel pubblico medio che leggeva i racconti.

E va be' ma cosa c'entra con le altre sette pagine di commento?
O intendi dire che dato che ai tempi di Gerns. si masticava poco di ucronia allora l' ucronia non ha posto tra la fantascienza?
No perche' se c'e' un genere che ha poco senso cristallizzare nell' esclusiva ripetizione di storie precedenti questo e' proprio la fantascienza.

Ma a parte questo, a che parte della discussione ti sei collegato?
Perche' invece di inserire montagne di link che non hanno attinenza con le discussioni che segui non quoti almeno parzialmente i messaggi cui ti riferisci in modo da aiutarci a capire che cosa vuoi dire?

Va benissimo anche in italiano eh, non e' che devi per forza scrivere in inglese.
chip65C02
Hortha Hortha
Messaggi: 120
MessaggioInviato: Lun 07 Mar, 2016 18:11    Oggetto:   

Citazione:
Davide Siccardi
E' un po' diverso: il novum fantascientifico e' ben definito (si fa per dire) nel senso che e' un elemnto fantastico che prende il via da elementi piu' o meno forti di scienze piu' o meno forti (nel senso si scienze hard e scienze soft o se preferisci materie "positive" e materie "negative" come le si intende nelle universita'). 
Usando questo tipo di definizione e' fantascienza non solo se e' presente un novum fantascientifico; questo deve anche essere centrale allo sviluppo della storia. 



Sottoscrivo quanto detto da te.
Nel lungo esempio che ho postato, ricco di contributi, ti davo ragione!.

Aggiungo che il Novum Fantascientifico (del link che avete postato su Future Shock, mi sono letto il link) oggi nel 2015 é incastonato nella vecchia definizione di Gernsback che sconfina nelle distopie predittive.

Le ucronie sono sterili per natura, spesso deliri da manicomio Smile 
A gusto mio, le ucronie razionalmente meno peggio sono quelle che cercano d'ammantare il plot con la clausola top segret. Altrimenti, tanto vale immaginare che la storia ucronica non sia un'ucronia ma si dipani in una galassia lontana... Cavar fuori un'ucronia da manicomio, comporta il rischio per l'auotore IMHO di fare una pessima figura con il lettore.
http://mia-fantascienza.blogspot.it/2016/01/ucronie-utopie-distopie-tre-specie-di.html
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 14638
Località: Padova
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 10:45    Oggetto:   

chip65C02 ha scritto:
@ Paolo7
...
.. per l'altra metà é pisciato fuori dal vaso (co2 divorata dalle piante _> proliferazione delle foreste -> crescita dell'ossigeno nell'atmosfera -> emersione d'insetti giganti dominanti). 


In realtà c'è del vero, credo. Se non erro ai tempi dei dinosauri c'era tanta Co2, non c'era il ghiaccio, nè i ghiacciai, nè le calotte polari, c'era caldo e c'era gigantismo.
Non pare sia l'abbondanza di ossigeno a creare questo gigantismo; IMO è proprio la maggiore disponibilità di cibo per gli erbivori e carnivori, ma è questione dibattuta.
Che gli insetti diventino poi tanto enormi da dominare, non è mai successo e pare molto SF de paura, anzi, più sono grandi, meglio vengono trovati e mangiati, gli insetti hanno interesse a rimanere più piccoli, credo, dal punto di vista evolutivo.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5489
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 12:38    Oggetto:   

chip65C02 ha scritto:


Sottoscrivo quanto detto da te.
Nel lungo esempio che ho postato, ricco di contributi, ti davo ragione!.

Aggiungo che il Novum Fantascientifico (del link che avete postato su Future Shock, mi sono letto il link) oggi nel 2015 é incastonato nella vecchia definizione di Gernsback che sconfina nelle distopie predittive.

Le ucronie sono sterili per natura, spesso deliri da manicomio Smile 
A gusto mio, le ucronie razionalmente meno peggio sono quelle che cercano d'ammantare il plot con la clausola top segret. Altrimenti, tanto vale immaginare che la storia ucronica non sia un'ucronia ma si dipani in una galassia lontana... Cavar fuori un'ucronia da manicomio, comporta il rischio per l'auotore IMHO di fare una pessima figura con il lettore.
http://mia-fantascienza.blogspot.it/2016/01/ucronie-utopie-distopie-tre-specie-di.html

Quindi le ucronie non ti piacciono e dovendo scegliere comunque preferisci "Fatherland" (che non  cerca di dare una spiegazione al perche' la storia e' differente, semplicemente racconta una storia differente) a La svastica sul sole (dove si crea un ponte tra il nostro mondo e quello del romanzo).

Va bene, tieni conto che quando rivelano il motivo scatenante la derivazione lo fanno per ragioni non secondarie rispetto all' impianto della storia: il fatto che attraverso il modernariato si ritorni alla "realta'" e' un po' da manicomio ma ha il suo perche' (anche se e' poco hard sf) tanto quanto il fascio littorio di Occidente e gli alieni hanno un ruolo centrale rispetto alla deriva presa dalla storia.

Vero e' che e' facile passare dalla fantascienza al fantasy nel momento in cui si rivela la natura del mondo ucronico, altrettanto vero e' che quando non lo si fa (o prima di farlo) si "lavora" con una scienza, soft, che e' la Storia.

I gusti comunque non sono contestabili, continuo pero' a non capire perche' metti Gern. al centro di ogni valutazione: lui, per dire, usava Poe, Wells e Verne come metro di paragone.
Va benissimo rivalutarne il lavoro come editore e scrittore ma insomma c'e' un mondo di altri autori ed il genere ha subito molti cambiamenti, e comunque i tre autori da lui citati offrono uno spettro piu' ampio e completo di cosa in buona parte e' ancora oggi la sf (sf piu' irrazionale e suggestiva, sf "sociologica" o comunque legata a scienze soft, hard sf).

Ad ogni modo, in questa maniera e' piu' facile capire cosa vuoi dire.
chip65C02
Hortha Hortha
Messaggi: 120
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 14:05    Oggetto:   

@ Tobanis
Ni Smile 
Si' nel senso che hai ragione, nel carbonifero l'uomo non c'era, il gigantismo pare che proprio fosse causato all'alta percentuale di ossigeno. 
No, il racconto di AS1926 é pisciato fuori dal vaso perché oggi, grandi emissioni di Co2 non sono divorate dalle piante in quanto 1-c'é desertificazione e surriscaldamento, 2-occorre tempo alle piante a consumare la Co2, 3-la deforestazione umana ha fatto tanti danni, 5-sono gli oceani i grandi consumatori di gas effetto serra che si stanno acidificando 6-la massa di gas ad effetto serra crescono ogni anno proprio per il consumo di carburanti fossili e per i fabbisogni di sovrapopolazione. Quindi ritenere che il climate change oggi conduca ad un clima con alto ossigeno da era del carbonifero é errato.


@ Davide Siccardi
Tra un'ucronia ed una distopia preferisco sempre una distopia. 
Se proprio devo scegliere un'ucronia, mi piacciono quelle con la clausola top segret, sono intressanti da leggere anche le ucronie che un tempo erano distopie (sopratutto per vedere i loro motori distopici what/if). Le altre ucronie: da manicomio oppure le repellenti... non sono di mio gusto e non credo che le leggerò mai.

Non metto Gernsback al centro di ogni valutazione, dico soltanto che il "novum fantascientifico" oggi, IMHO nel 2015, coincide con un pezzo della definizione di Gernsback sulla SciFi che é tutt'ora valida come sentiero per produrre narrativa a metà strada tra distopie, distopie predittive, narrativa impegnata a sollevare una presa di coscienza sui problemi di un imminente futuro. 

E' ancora oggi basilare partire da scienze (morbide+dure) che se poste a sistema, é possibile ad autori competenti di congetturare & speculare razionalmente con un linguaggio semplice ed accessibile per la gente e per tutte le classi sociali, sul what/if circa eventi futuri (che sono tutt'altro che improbabili). 

Che se non ho capito male, é poi anche la tesi del sito Future Shock, che spesso citate sul forum.
Paolo7
Horus Horus
Messaggi: 3120
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 15:35    Oggetto:   

chip65C02 ha scritto:

Si' nel senso che hai ragione, nel carbonifero l'uomo non c'era, il gigantismo pare che proprio fosse causato all'alta percentuale di ossigeno. 

Sì, è una delle teorie accreditate, oltre a quella che gli insettoni potevano occupare una "nicchia ecologica" senza concorrenza da parte dei vertebrati. Certo sarebbe stato interessante vedere svolazzare (da lontano) bestiacce del genere... 

Oggi comunque la tendenza a un calo dell'ossigeno è evidente (grafico un po' datato ma rende l'idea):
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 14638
Località: Padova
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 15:40    Oggetto:   

In realtà pare che il livello di ossigeno fosse al tempo più basso di oggi, e dunque sia da escludere come una delle cause del gigantismo di allora.

http://www.net1news.org/scienze/ricostruita-latmosfera-preistorica-%E2%80%9Cnon-spiega-gigantismo-dei-dinosauri%E2%80%9D/
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 4915
Località: Verona
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 15:44    Oggetto:   

chip65C02 ha scritto:

No, il racconto di AS1926 é pisciato fuori dal vaso perché oggi, grandi emissioni di Co2 non sono divorate dalle piante in quanto 1-c'é desertificazione e surriscaldamento, 2-occorre 

Mah, senza entrare nel merito (non ho competenza in materia), però terrei conto delle scale temporali. L'aumento della CO2 è avvenuto in una scala molto veloce ed evidentemente l'ambiente non ha ancora avuto la possibilità di riequilibrarsi. Ne riparliamo magari tra 2-3 milioni di anni?
...che il transitorio dei sistemi dinamici conta molto più degli stati di equilibrio...
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5489
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 15:49    Oggetto:   

chip65C02 ha scritto:

E' ancora oggi basilare partire da scienze (morbide+dure) che se poste a sistema, é possibile ad autori competenti di congetturare & speculare razionalmente con un linguaggio semplice ed accessibile per la gente e per tutte le classi sociali, sul what/if circa eventi futuri (che sono tutt'altro che improbabili). 

Che se non ho capito male, é poi anche la tesi del sito Future Shock, che spesso citate sul forum.

E' la maniera piu' diffusa di intendere la fantascienza, con molte differenze.
Scacco (dunque Future Shock) piu' che altro e' interessato al rapporto tra fantascienza e religione, pero' pubblica parecchie cose anche di autori e critici non in linea con il suo pensiero.
Paolo7
Horus Horus
Messaggi: 3120
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 15:55    Oggetto:   

Tobanis ha scritto:
In realtà pare che il livello di ossigeno fosse al tempo più basso di oggi, e dunque sia da escludere come una delle cause del gigantismo di allora.

http://www.net1news.org/scienze/ricostruita-latmosfera-preistorica-%E2%80%9Cnon-spiega-gigantismo-dei-dinosauri%E2%80%9D/

La teoria del gigantismo pare si applichi - eventualmente - ai soli insetti, non ai dinosauri, che comunque dovevano ancora affermarsi. Certo che la percentuale di ossigeno fluttuava parecchio:

https://en.wikipedia.org/wiki/Geological_history_of_oxygen

Since the start of the Cambrian period, atmospheric oxygen concentrations have fluctuated between 15% and 35% of atmospheric volume.
Paolo7
Horus Horus
Messaggi: 3120
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 16:06    Oggetto:   

HappyCactus ha scritto:


Mah, senza entrare nel merito (non ho competenza in materia), però terrei conto delle scale temporali. L'aumento della CO2 è avvenuto in una scala molto veloce ed evidentemente l'ambiente non ha ancora avuto la possibilità di riequilibrarsi. Ne riparliamo magari tra 2-3 milioni di anni?

Su scale di tempo così ampie entra in gioco il fenomeno del weathering (meteorizzazione), che contribuisce ad abbassare il livello di CO2 in atmosfera. Peccato che al momento ci occorra qualcosa che l'abbassi nel giro di qualche decennio, non di migliaia di anni...
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1404
MessaggioInviato: Mar 08 Mar, 2016 16:25    Oggetto:   

chip65C02 ha scritto:

Quindi, la risposta é Sì!, il "novum fantascientifico" ha IMHO molto a che fare con la vecchia definizione di SciFi di Gernsback. Ossia sulla capacità di congetturare e speculare con un linguaggio semplice ed accessibile per la gente e per tutte le classi sociali, sul WHAT/IF circa eventi futuri. La costruzione di distopie predittive, sta solo nelle qualità degli autori.

 

UHmm pensavo più che altro che i ldiscorso del thread fosse sulla pertinenza del novum fantascientifico con la "definizione" di FS italiana...
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Fantascienza in generale Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum