Gravity


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Autore Messaggio
il_Cimpy_spinoso
Babbano in Incognito Babbano in Incognito
Messaggi: 6782
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Lun 04 Nov, 2013 21:00    Oggetto:   

Signora delle Acque ha scritto:
non considero neppure il CICAP come esponente autorevole per la confutazione di qualcosa... anche loro spesso e volentieri si sono distinti per disonestà ...


Ohibò, madama, mi associo alla domanda di A.B.Normal: in che senso il CICAP sarebbe disonesto? Hanno per caso avvalorato le tesi di qualche ciarlatano? E se si, di chi? Li facevo piuttosto severi, in materia.
JanSulu
Hoka
Messaggi: 37
MessaggioInviato: Lun 04 Nov, 2013 22:44    Oggetto:   

Signora delle Acque ha scritto:

Non posso giudicare, non ho la competenza necessaria... comunque non considero neppure il CICAP come esponente autorevole per la confutazione di qualcosa... anche loro spesso e volentieri si sono distinti per disonestà ...

...nessuna polemica...mi associo agli altri forumer...qualche info in più ?
Intanto quoto e sottoscrivo:
Signora delle Acque ha scritto:

...resto dell'opinione che lassù, nella consapevolezza della morte nel vuoto, sia poco probabile trovare un George Clooney che canticchia e ci prova con una collega.
Very Happy
AKKA
Eloi Eloi
Messaggi: 424
MessaggioInviato: Dom 24 Nov, 2013 20:31    Oggetto:   

E per chi ha visto il film c'è anche un corto spin-off, girato dal figlio del regista.
jonny lexington
Genio del Male Genio del Male
Messaggi: 24601
Località: Quasi polare
MessaggioInviato: Ven 29 Nov, 2013 15:01    Oggetto: Re: Gravity   

(Ellie Arroway) ha scritto:
Concordo su Clooney, prevedibile anello debole dell'intera operazione e caso clamoroso di miscasting. Cosa non si fa per attirare al cinema i boccaloni. La Bullock è ok, ha il corpo e l'intensità che servono per il tipo di personaggio, però non è essenziale (non è indispensabile come Tom Hanks in Cast/Away, per dire), altre attrici avrebbero fatto bene comunque.

provo a indovinare: tu devi essere uno/a con non pochi complessi, per cui attori o attrici che vengono considerati belli non possono fare ruoli seri. ti fanno sentire bruttino/a e questo non ti va giù, dico bene? capita spesso, sai. leonardo di caprio ancora si trova a dover fare i conti con il periodo post-titanic in cui era l'idolo di vagonate di donne e bambine, per cui almeno un uomo su due lo considera spesso "non adatto al personaggio", o "troppo sopra le righe". non sei solo/a quindi.

ma dire che l'intensità della bullock non era essenziale per un ruolo in cui compare sullo schermo per circa il 95% del film e rischia la ghirba per il 90% del tempo non sta nè in cielo nè in terra. pensi che cuarón l'abbia scelta solo perché è bella e famosa? figurarsi. allora ne poteva beccare di 20 anni più giovani e lasciarle in canotta e mutandine per ben più di un quarto d'ora, dai.
Rolling Eyes
"those who can't laugh at themselves deserve the most mockery"
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11147
MessaggioInviato: Ven 29 Nov, 2013 15:35    Oggetto:   

Fra l'altro George Clooney non è proprio per niente l'attore che si presta a fare il bello attira boccaloni. Se si va a vedere la sua filmografia degli ultimi dieci anni a parte la serie "Ocean's" ha fatto solo film piuttosto seri e impegnativi.
S*
Luke52
Eloquente Oste Galattico
Messaggi: 2851
Località: Verona
MessaggioInviato: Ven 29 Nov, 2013 22:13    Oggetto:   

S* ha scritto:
Fra l'altro George Clooney non è proprio per niente l'attore che si presta a fare il bello attira boccaloni. Se si va a vedere la sua filmografia degli ultimi dieci anni a parte la serie "Ocean's" ha fatto solo film piuttosto seri e impegnativi.
S*
Ovviamente concordo. Ottimo attore, buono per natura e imparziale nei giudizi sui colleghi. Mi piace anche perché ama l'Italia.
"All those moments will be lost in time,
like tears in rain"
Kobol77
Horus Horus
Messaggi: 3048
MessaggioInviato: Sab 30 Nov, 2013 12:19    Oggetto:   

Però dai, a me viene spontaneo associarlo spesso a "Volluto, Nespresso e What else". Sarà, ma 'sto grande attore raramente l'ho visto.
Ellie Arroway
Chtorr Chtorr
Messaggi: 347
MessaggioInviato: Gio 23 Gen, 2014 11:55    Oggetto: Re: Gravity   

per Jonny Lexington: la tua sopraffina analisi psicologia manca completamente il bersaglio, almeno per quanto mi riguarda, visto che personalmente amo Clooney (anche come regista) e amo Di Caprio (adesso non vorrai formulare una diagnosi di latenze omosex nella mia personalità, spero). E' proprio che Clooney ha la faccia (e l'aura da star) sbagliata per QUESTO film. Opinione mia.
"C'è una buona possibilità che quando io sarò morto, altri verranno e faranno così bene che le persone diranno "Oh, quello di Roddenberry non era così bello". Ma io sarò lieto di questa frase" (Gene Roddenberry)
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2014 15:25    Oggetto: Re: Gravity   

Chiamarla fantascienza per il problema dei detriti è forzato a dir poco. Direi che non ha un genere che gli calza a pennello quindi farà comodo a qualcuno chiamarla fanta-scienza anche se di fanta ha poco o zero. Quando gli scienziati NASA tirano fuori le inesattezze poi si ha la conferma che la scienza è verosimile seppur poco precisa. Il film resta uno dei migliori dell'anno, 4 stelle su 5 meritate.
AKKA
Eloi Eloi
Messaggi: 424
MessaggioInviato: Dom 16 Mar, 2014 16:42    Oggetto: Re: Gravity   

(Gualtiero Topetti) ha scritto:
Chiamarla fantascienza per il problema dei detriti è forzato a dir poco. Direi che non ha un genere che gli calza a pennello quindi farà comodo a qualcuno chiamarla fanta-scienza anche se di fanta ha poco o zero. Quando gli scienziati NASA tirano fuori le inesattezze poi si ha la conferma che la scienza è verosimile seppur poco precisa. Il film resta uno dei migliori dell'anno, 4 stelle su 5 meritate.


Perché un'opera meriti il nome di fantascienza è necessario che la scienza sia inverosimile? Secondo me il problema dei detriti è più che sufficiente a considerare il film fantascienza. In pratica la premessa è che l'esplosione di un singolo satellite inneschi una paurosa reazione a catena tale da distruggere o mettere fuori uso tutti i satelliti artificiali e gli altri manufatti umani in orbita. Non so quanto una cosa del genere sia verosimile. Trovo più verosimile l'eventualità di un grosso meteorite che cada su una grande città, eppure film su eventi simili sono considerati fantascienza. Tra l'altro se la cosa fosse stata mostrata nei suoi effetti sulla popolazione terrestre sarebbe stata considerata sicuramente fantascienza (immagino un film ambientato su una nave che si orienta in mezzo al Pacifico affidandosi al GPS, ma a un tratto esplode il satellite russo e di lì a poco il GPS non esiste più ... E nemmeno le comunicazioni via satellite. Hmmm. Forse non sarebbe male come trama).
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5510
MessaggioInviato: Dom 16 Mar, 2014 20:45    Oggetto: Re: Gravity   

(Gualtiero Topetti) ha scritto:
Chiamarla fantascienza per il problema dei detriti è forzato a dir poco. Direi che non ha un genere che gli calza a pennello quindi farà comodo a qualcuno chiamarla fanta-scienza anche se di fanta ha poco o zero. Quando gli scienziati NASA tirano fuori le inesattezze poi si ha la conferma che la scienza è verosimile seppur poco precisa. Il film resta uno dei migliori dell'anno, 4 stelle su 5 meritate.


Ti avventuri lungo un percorso un po' incerto.
Considera che gli anglofoni chiamano la fantascienza science fiction, dove fiction sta sostanzialmente per narrazione.
Dunque la creazione di una storia immaginaria creata su premesse scientifiche (per quanto piu' o meno coerenti e corrette) dovrebbe quasi in ogni caso essere considerata sf.

Credo che i messicani (io ero convinto fosse spagnolo a dire la verita' ma wikipedia mi smentisce) come Cuaron la chiamino ciencia ficcion come gli spagnoli e suppongo che il significato non si discosti molto dall' omologo anglofono.

Alla fine e' una questione di sensibilita' personale: comunque film di interesse per gli appassionati di fantascienza.
All' assalto del fortino!
"Siamo nella follia a norma di legge" - Andrea Zucchi
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5510
MessaggioInviato: Mar 11 Nov, 2014 23:53    Oggetto:   

Qualche spoiler mi scappera' inevitabilmente.
Naviganti avvisati.

Allora finalmente posso esprimermi pienamente.
Film notevole, che racconta una storia asciutta una vicenda che non puo' non appartenere all' immaginario di un appassionato di fantascienza: la deriva nello spazio in solitaria.
La trama sara' anche minima ma l' abilita' della coppia di messicani sta nel gestire il susseguirsi di eventi non solo con grande ritmo e teatralita' ma anche con la capacita', supportata dalla recitazione robusta di una Bullock che non ho mai ritenuto granche', di evitare di far sembrare i vari incidenti nel percorso verso il rientro a casa involontariamente comici o forzati ed anzi fanno sembrare ogni piccolo risultato come un fatto enorme.
Il film si intitola gravita' e l' assenza (e la presenza) della stessa si avverte per tutto il film, come si avverte (per quanto ci si giochi un poco) l' assenza di rumore e piu' in generale l' alienita' dell' ambiente in cui si muove la protagonista: tanto affascinante quanto in qualche maniera ostile alla vita.
Le musiche contribuiscono a dare al film una marcia in piu': sono interpreti di primo piano e raccontano la storia tanto quanto gli attori e il susseguirsi degli eventi.
E' una cosa che viene spesso detta per musiche che normalmente hanno poco da dire o aggiungere (IMHO come accade con un certo Gilliam recente).
In questo caso invece tanto di cappello: e' un uso della musica in contrasto con il silenzio -occhio all' eresia- persiono superiore a quello visto in 2001 odissea nello spazio.
Fine del paragone con il film di Kubric che per il resto ha niente a che vedere, ne' in una valutazione qualitativa ne' narrativa, con questo.
Poco comprensibili le critiche a Clooney.
Cioe' non va bene perche' e' un signore di mezza eta' avvenente?
No non era proprio questo il tono della critica. Pero' non mi pare che abbia un volto "sbagliato" ne' che reciti in maniera non opportuna.
C'e' solo un passaggio nella narrazione che lo fa sembrare fuori luogo: ma dura poco ed in realta' fuori luogo non lo era.
Mi e' piaciuto molto, con i non detti, l' ansia continua durante tutta la visione (non oso immaginare al cinema), la bellissima tecnica di ripresa (altro grande punto a favore del film), l' intensa e ottimamente dosata tra paura ed isteria della Bullock, e piu' in generale con l' equilibrio con cui una storia tanto claustrofobica ed affascianante e' stata raccontata.
Non passa velocemente, tra i miei preferiti.
All' assalto del fortino!
"Siamo nella follia a norma di legge" - Andrea Zucchi
Glenn
Shrike Shrike
Messaggi: 875
MessaggioInviato: Gio 22 Gen, 2015 21:24    Oggetto: Re: Gravity   

Non è fantascienza. Punto.
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 5002
Località: Verona
MessaggioInviato: Ven 23 Gen, 2015 10:06    Oggetto:   

Visto sul volo Verona-Mosca.
Il film è molto bello, è piaciuto pure a mia moglie che non ama la fantascienza (inseriamolo in questa categoria, in mancanza di una più convincente), e ammetto, ho sbagliato a non volerlo vedere al cinema.
Però il suggerimento è quello di non vederlo su un tablet in aereo, soprattutto se con deboli turbolenze. La nausea è assicurata.
Laughing
Ceci n'est pas une signature
Kobol77
Horus Horus
Messaggi: 3048
MessaggioInviato: Ven 23 Gen, 2015 13:18    Oggetto:   

Ma infatti Gravity non è Fantascienza.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle recensioni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum