Il Sentiero della Spirale


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Ven 15 Ott, 2010 14:08    Oggetto: Il Sentiero della Spirale   

Il Sentiero della Spirale

Sandro Battisti, quarantacinque anni, è uno dei fondatori del movimento Connettivista, e collaboratore di Delos e Fantascienza.com da molti anni. Questo breve racconto si inserisce nel suo ciclo dell'Impero Connettivo.

Leggi il racconto.
Andras Eris
Incal Incal
Messaggi: 1296
MessaggioInviato: Ven 15 Ott, 2010 14:08    Oggetto: Re: Il Sentiero della Spirale   

A una prima lettura avevo pensato che, probabilmente, il brano necessitava seriamente di una seconda lettura per essere compreso, magari meno veloce. A una seconda lettura ho avuto la sensazione di avere a che fare con un universo di plastica ma forse era un'impressione sbagliata. Alla terza ho capito che la cripticità del testo necessitava di una quarta, così, parola dopo parola ho riletto il testo per l'ultima volta e finalmente mi sono fatto un quadro della situazione più o meno definitivo: l'idea di base, molto attraente, viene ad essere rovinata dall'azione invasiva di un testo retorico, palesemente artificiale...peccato.
Niente si crema
Niente è impossibile
Tutto si distrugge per caso
(Massimo Vaj)
Ospite

MessaggioInviato: Sab 18 Dic, 2010 18:53    Oggetto: Re: Il Sentiero della Spirale   

L'utilizzo di termini che vorrebbero essere specialistici e ricercati associato a uno stile forzato rendono il tuo scrivere pomposo un tantino indigesto. Chi racconta non lo deve fare per raccattare voti tra i ciechi.
X
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1897
MessaggioInviato: Sab 18 Dic, 2010 19:08    Oggetto:   

E' il racconto di una trascendenza postumana e di una rinascita, dal punto di vista del soggetto interessato. Farlo in termini che possono apparire alieni è nel pieno diritto dell'autore, soprattutto se poi l'autore riesce a confezionare un testo che non necessita di sforzi particolari per essere inquadrato, contestualizzato e compreso. Volerlo criticare senza considerare la specificità del contesto è invece indicativo di velleità critica, soprattutto se poi si tende a farlo ergendosi su un piedistallo.

X
Ex tenebris, veritas.

Holonomikon
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11147
MessaggioInviato: Sab 18 Dic, 2010 23:21    Oggetto:   

X ha scritto:
Volerlo criticare senza considerare la specificità del contesto è invece indicativo di velleità critica, soprattutto se poi si tende a farlo ergendosi su un piedistallo.


Non sono del tutto d'accordo, la critica è sempre ammessa e se un lettore non coglie la specificità del contesto evidentemente l'autore non è riuscito a fargliela comprendere. Non è detto che un testo debba essere accessibile a tutti, ma non si può criticare chi lo critica da punti di vista diversi.
S*
X
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1897
MessaggioInviato: Sab 18 Dic, 2010 23:56    Oggetto:   

@ S*ommo: almeno in un altro caso avevo accettato una critica negativa espressa direttamente su un mio racconto. In questo caso, mi è sembrato che più che parlare del racconto si volesse dar contro all'autore. Ed è una sensazione che, anche dopo una quarta lettura di entrambi i commenti precedenti al mio, persiste.

Ciao!
X
Ex tenebris, veritas.

Holonomikon
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11147
MessaggioInviato: Dom 19 Dic, 2010 08:57    Oggetto:   

X ha scritto:
@ S*ommo: almeno in un altro caso avevo accettato una critica negativa espressa direttamente su un mio racconto. In questo caso, mi è sembrato che più che parlare del racconto si volesse dar contro all'autore. Ed è una sensazione che, anche dopo una quarta lettura di entrambi i commenti precedenti al mio, persiste.


Mah, probabilmente conosci precedenti che io non conosco, del resto parlavo in termini puramente ideali, non specifici.
S*
zoon
Blobel Blobel
Messaggi: 154
MessaggioInviato: Dom 19 Dic, 2010 15:50    Oggetto:   

è un racconto molto, molto intimo. a patto che sia riuscito particolarmente bene nel descrivere le sensazioni del mio momento "creativo" - come il magnanimo X sembra testimoniare - ci può stare assolutamente che il testo rimanga incomprensibile a chi non ha particolare dimestichezza con i canoni personali e, in un certo qual modo, del connettivismo.
certo, dispiace un po' sentirsi etichettare come pomposo, non credo di esserlo, in ogni caso ringrazio vaj, eris e tutti coloro che hanno voluto spendere un po' del loro tempo - e attenzione - per leggere il mio racconto.
Che buio sia. Fuori e dentro la connessione

http://www.next-station.org
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sui racconti di Delos Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum