Astensione? NO grazie. Ragioniamo


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 15, 16, 17, 18  Successivo
Autore Messaggio
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 14891
Località: Padova
MessaggioInviato: Gio 21 Feb, 2013 09:36    Oggetto:   

A dire il vero, metà e metà.
Antha
Horus Horus
Messaggi: 5214
MessaggioInviato: Gio 21 Feb, 2013 13:27    Oggetto:   

jonny lexington ha scritto:
Antha ha scritto:
Chiarisco:
mi sta bene che il tabacco e l'alcol (questo con i correnti divieti), siano legali. Non mi sta bene che lo sia la droga.

curioso. il tabacco causa direttamente o indirettamente 5-7 milioni (milioni!) di morti all'anno. nella sola cina 1.2 e sono in continua crescita. l'alcol si calcola causi 2.5 milioni di morti (seconda la WHO).

sai quante morti accertate si sono verificate nel mondo a causa ad esempio della marijuana l'anno scorso? zero. guarda un po'.

? Dovresi rileggerti qualche mio spunto precedente.
Le problematiche di salute, laddove si creano, le metto sullo steso piano.
Quello che discrimino è chi ora si arricchisce con un prodotto o un altro.
Non capisco la difficoltà a capire il concetto.
La droga arricchisce la criminalità. L'alcol no. Il tabacco molto marginalmente. Punto.
Inoltre quello che discrimino sono gli effetti che un prodotto provoca su chi lo consuma.
Il tabacco non ti cambia negativamente la personalità. L'alcol e la drogaspesso si (a parte la mariuana che magari ti rende solo allegro, ti va bene?). O pensi che avere a che fare con uno che ha fumato 60 sigarette sia rischioso come avere a che fare con chi si è fatto una pista di coca o 10 superalcolici?
Penso che di qualche incidente automobilistico avrai ben sentito parlare.
E ne faccio anche una questione economica.
Ti fai i pippotti di coca? Allora se hai i soldi per quello ne devi avere per multe salatissime. Altro che modica quantità (comperata, comunque, dai delinquenti).
E in parte il concetto lo estendo all'abuso di alcol. Qualsivoglia danno procurato in stato di ebrezza lo punirei anche con un pesante ed immediato esproprio dei beni.
"Grandi erano gli Antha: così è scritto nell'Unico Libro della Storia; più grandi forse di ogni altro Popolo Galattico..."
Paolocosmico
Horus Horus
Messaggi: 5248
Località: livorno
MessaggioInviato: Dom 24 Feb, 2013 18:29    Oggetto:   

Antha ha scritto:
jonny lexington ha scritto:
Antha ha scritto:
Chiarisco:
mi sta bene che il tabacco e l'alcol (questo con i correnti divieti), siano legali. Non mi sta bene che lo sia la droga.

curioso. il tabacco causa direttamente o indirettamente 5-7 milioni (milioni!) di morti all'anno. nella sola cina 1.2 e sono in continua crescita. l'alcol si calcola causi 2.5 milioni di morti (seconda la WHO).

sai quante morti accertate si sono verificate nel mondo a causa ad esempio della marijuana l'anno scorso? zero. guarda un po'.

? Dovresi rileggerti qualche mio spunto precedente.
Le problematiche di salute, laddove si creano, le metto sullo steso piano.
Quello che discrimino è chi ora si arricchisce con un prodotto o un altro.
Non capisco la difficoltà a capire il concetto.
La droga arricchisce la criminalità. L'alcol no. Il tabacco molto marginalmente. Punto.
Inoltre quello che discrimino sono gli effetti che un prodotto provoca su chi lo consuma.
Il tabacco non ti cambia negativamente la personalità. L'alcol e la drogaspesso si (a parte la mariuana che magari ti rende solo allegro, ti va bene?). O pensi che avere a che fare con uno che ha fumato 60 sigarette sia rischioso come avere a che fare con chi si è fatto una pista di coca o 10 superalcolici?
Penso che di qualche incidente automobilistico avrai ben sentito parlare.
E ne faccio anche una questione economica.
Ti fai i pippotti di coca? Allora se hai i soldi per quello ne devi avere per multe salatissime. Altro che modica quantità (comperata, comunque, dai delinquenti).
E in parte il concetto lo estendo all'abuso di alcol. Qualsivoglia danno procurato in stato di ebrezza lo punirei anche con un pesante ed immediato esproprio dei beni.
il tabacco provoca solo in Italia 2800 morti per fumo passivo, gli incidenti automobilisti "solo" 1200 tra passeggeri e pedoni.
" La verità resiste in quanto tale soltanto se non la si tormenta. "
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16740
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Dom 24 Feb, 2013 21:25    Oggetto:   

Ho votato dopo pranzo. Una passeggiatina sotto la pioggia, nel mio seggio c'era solo un'altro votante e dopo mezz'ora ero a casa.
Alcuni analisti temono che il cattivo tempo farà desistere soprattutto gli anziani ad andare a votare. Un po' come capita quando invece fa bel tempo.
In sostanza il tempo ideale per votare è una giornata un po' grigia e fresca.
Mi vien da ridere pensando ha quei paesi dove la gente va per la prima volta la voto e sfidano i terroristi facendo code di ore.
Un'altra cosa che mi fa ridere è che ogni volta che c'è un voto c'è sempre uno spot che insegna come votare. E avendo fatto lo scrutatore so bene come questi spot non servano: Alcuni votano come gli pare.
Eppure è semplice: una croce ben visibile solo sul simbolo e la cosa è fatta.
Ed invece c'era chi faceva delle piccole crocette che ci voleva la lente di ingrandimento per vederle.
Quelli del M5S sono così ossessionati dai brogli che qualcuno ha suggerito hai votanti di provare le matite e/o bagnare con la saliva. Questi vedono frotte di scrutatori che cancellano i voti per non far vincere il loro movimento. Ma hanno idea di come si fa uno scrutigno questi?
Palomino.
"But now the rains weep o'er his hall,
With no one there to hear.
Yes now the rains weep o'er his hall,
And not a soul to hear"
The Rains Of Castamere
Jirel
Horus Horus
Messaggi: 4292
Località: Milano
MessaggioInviato: Lun 25 Feb, 2013 08:37    Oggetto:   

Votato ieri dopo pranzo, siamo andati ai seggi a piedi, sotto la neve che fioccava con fioconi grossoi come una moneta...
seggi abbastanza deserti, ormai sono passati i tempi delle file per votare...

Crying or Very sad
mah, sono abbastanza sfuduciata...
La paura uccide la mente
Antha
Horus Horus
Messaggi: 5214
MessaggioInviato: Lun 25 Feb, 2013 09:54    Oggetto:   

Jirel ha scritto:
Votato ieri dopo pranzo, siamo andati ai seggi a piedi, sotto la neve che fioccava con fioconi grossoi come una moneta...
seggi abbastanza deserti, ormai sono passati i tempi delle file per votare...

Crying or Very sad
mah, sono abbastanza sfuduciata...

Beh voglio dire qualche cosa "di pancia"
Se cala il numero dei votanti, spero solo che si tratti di ex elettori del Centrodestra che con un autoesame di coscienza hanno optato in questa tornata per astenersi.
Il processo per comprendere gli errori è a volte lungo e travagliato.
In politica poi diventa molto arduo, perchè la riflessione obbliga a mettere in discussione convinzioni magari radicate e in sostanza obbliga a mettersi in discussione. E questo spesso non è facile
"Grandi erano gli Antha: così è scritto nell'Unico Libro della Storia; più grandi forse di ogni altro Popolo Galattico..."
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16740
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Lun 25 Feb, 2013 11:53    Oggetto:   

Antha ha scritto:
Jirel ha scritto:
Votato ieri dopo pranzo, siamo andati ai seggi a piedi, sotto la neve che fioccava con fioconi grossoi come una moneta...
seggi abbastanza deserti, ormai sono passati i tempi delle file per votare...

Crying or Very sad
mah, sono abbastanza sfuduciata...

Beh voglio dire qualche cosa "di pancia"
Se cala il numero dei votanti, spero solo che si tratti di ex elettori del Centrodestra che con un autoesame di coscienza hanno optato in questa tornata per astenersi.
Il processo per comprendere gli errori è a volte lungo e travagliato.
In politica poi diventa molto arduo, perchè la riflessione obbliga a mettere in discussione convinzioni magari radicate e in sostanza obbliga a mettersi in discussione. E questo spesso non è facile

Mettici anche di centrosinistra. I più "ligi" saranno quelli dei piccoli partiti.
Palomino.
"But now the rains weep o'er his hall,
With no one there to hear.
Yes now the rains weep o'er his hall,
And not a soul to hear"
The Rains Of Castamere
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 14891
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 25 Feb, 2013 14:45    Oggetto:   

Votato domenica prima mattina, passeggiando.

La mia sezione, coda di 5-6 persone, quella vicina, zero. Fatta la coda, mai visto nessuno nell'altra sezione, mah.

Comunque una vecchietta all'uscita diceva a uno "Erano da fare due segni su ogni scheda, giusto?", così so già che avremo almeno una scheda nulla.

E' curioso come in Italia si dipingano i vecchi come dei rincoglioniti ("rimborso IMU fasullo? Chissà quanti anziani ci cascheranno!") e poi comunque ci siano sempre un sacco di prove a tale riguardo.
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 5122
Località: Verona
MessaggioInviato: Lun 25 Feb, 2013 15:19    Oggetto:   

Se, come pare, un italiano su tre ha votato il nano... beh, ti servivano altre prove?
Discutere con certe persone è come giocare a scacchi con un piccione. Puoi anche essere il campione del mondo, ma il piccione farà cadere tutti i pezzi, cagherà sulla scacchiera e poi se ne andrà camminando impettito come se avesse vinto lui.
cicciostefano
Ameboide amorfo
Messaggi: 1
MessaggioInviato: Mer 03 Gen, 2018 15:58    Oggetto:   

Ho letto un post in cui si faceva riferimento alla crisi causata dai mutui subprime..Sul sito di una società di mediazione creditizia ho trovato un articolo in cui si approfondisce proprio il tema del subprime..E' un argomento interessante ma non sempre ci viene spiegato per bene e quindi c'è sempre qualcosa che mi sfugge..Nell'articolo si scrive che le banche cartolarizzano i mutui per rientrare prima dal denaro..Vorrei capire nel 2008 qual è stato il fattore che ha scatenato questo effetto domino e perché nel nostro paese la crisi si è sentita di più rispetto a quel paese che la crisi stessa l'ha generata, ovvero gli USA...Grazie
L'articolo di cui vi parlavo è questo: http://www.prestitosifinance.it/mutui-subprime-definizione-significato/
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 14891
Località: Padova
MessaggioInviato: Mer 03 Gen, 2018 17:53    Oggetto:   

Mah, con l'astensionismo e le votazioni c'entra ben poco...

Il fattore più banale è stato che i creditori non avevano i soldi da tornare indietro, soldi che erano stati prestati un po' alla c***o, li chiamano subprime ma potrebbero anche chiamarli prestiti alla c**o di cane che è uguale.

Presta oggi presta domani, pare impossibile ma intere banche sono andate in rovina, dato che poi gli stessi dirigenti, ebeti di loro, continuavano a erogarli perchè quei mutui più sono a rischio, più la banca ci guadagna (se tutto va bene, però).

In un sistema di libero mercato i fallimenti avrebbero dovuti essere molti ma molti ma intendo VERAMENTE molti di più, ma proprio la patria del libero mercato è corsa a salvare le sue aziendine e le sue banchette, immettendo tonnellate di denaro pubblico per salvare il salvabile, come una qualunque economia socialista.

FED e BCE sono corse dunque a dare denaro come piovesse, anche se la crisi si è poi allargata, dato che le banche, non avendo neanche gli occhi per piangere, figurarsi se potevano prestare soldi a famiglie e industrie. E così via.

Forti della lezione, tutti i governi non hanno fatto nulla per evitare che si ripeta, dunque stai bello tuned. Alcune banche però la lezine l'hanno imparata, vedi la Banca di Vicenza che si è detta, ma cosa sono, la figlia della serva? E ha iniziato a "vendere" azioni (non quotate da nessuna parte) di sè stessa ai suoi clienti, intascando denaro vero in cambio di pezzi di carta, su cui scriveva che so 20 euro o 40 euro l'uno, quando magari valevano 0,01 euro. Ora vediamo in tribunale che dicono, non gli è andata benissimo, a quei geni.
Paolo7
Horus Horus
Messaggi: 3315
MessaggioInviato: Mer 03 Gen, 2018 18:46    Oggetto:   

E attualmente abbiamo la grande truffa dello shale, si rischia anche lì un bel botto...

https://srsroccoreport.com/u-s-shale-oil-industry-swindling-stealing-energy-stay-alive/
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 5122
Località: Verona
MessaggioInviato: Gio 04 Gen, 2018 15:58    Oggetto:   

Tobanis ha scritto:

Il fattore più banale è stato che i creditori non avevano i soldi da tornare indietro, soldi che erano stati prestati un po' alla c***o, li chiamano subprime ma potrebbero anche chiamarli prestiti alla c**o di cane che è uguale.

Ehm, insomma.
Ma per iniziare, lasciami rispondere prima a questa tua frase:


Citazione:
In un sistema di libero mercato i fallimenti avrebbero dovuti essere molti ma molti ma intendo VERAMENTE molti di più, ma proprio la patria del libero mercato è corsa a salvare le sue aziendine e le sue banchette, immettendo tonnellate di denaro pubblico per salvare il salvabile, come una qualunque economia socialista.

Questo non è libero mercato, ma capitalismo di relazione (crony capitalism). Lo stato finanzia/aiuta/salva discrezionalmente pescando soggetti nel mercato. Anche un solo aiuto non sistemico danneggia l'intero sistema, abbassando la percezione del rischio.
I mutui subprime così come gli incentivi al fotovoltaico o allo shale gas drogano il sistema dei prezzi e il sistema di valutazione dei rischi creando le premesse per la prossima crisi. Si sommi a questo il denaro a costo zero dei programmi ZIRP/NIRP (Zero/Negative Interest Rate Program) che incentiva l'(ulteriore) assunzione di rischi... che vi aspettate?
Tutto ciò però non ha nulla a che vedere con il liberismo o con il libero mercato, anzi. E' se mai l'esatto contrario, la convinzione che lo stato/la banca centrale /il regolatore possa mettere le mani sul mercato e sull'economia muovendo le leve come in una macchina meccanica, quando invece si tratta di un sistema altamente complesso su cui sarebbe bene non interferire.
Citazione:
Presta oggi presta domani, pare impossibile ma intere banche sono andate in rovina, dato che poi gli stessi dirigenti, ebeti di loro, continuavano a erogarli perchè quei mutui più sono a rischio, più la banca ci guadagna (se tutto va bene, però).



Beh e vorrrei vedere. Il tasso di interesse è una misura della remunerazione del rischio, se i tassi sono bassi per legge è indispensabile aumentare il rischio per avere maggiore remunerazione.
Ma questo ha di per sé niente a che fare con il crisi dei mutui subprime, se mai il problema è nella possibilità di cartolarizzare e rivendere in modo opaco (per legge) sul mercato prodotti altamente rischiosi a tassi bassi .
Direi che certamente i dirigenti delle banche hanno qualche colpa, ma il regolatore ha la responsabilità prima per ciò che è avvenuto.
(Si parla di banche in generale, per quelle italiane discorso a parte, ok?)
Citazione:

Forti della lezione, tutti i governi non hanno fatto nulla per evitare che si ripeta, dunque stai bello tuned. Alcune banche però la lezine l'hanno imparata, vedi la Banca di Vicenza che si è detta, ma cosa sono, la figlia della serva? 

Sì ma che c'entra con i mutui subprime ?
Citazione:
E ha iniziato a "vendere" azioni (non quotate da nessuna parte) di sè stessa ai suoi clienti, intascando denaro vero in cambio di pezzi di carta, su cui scriveva che so 20 euro o 40 euro l'uno, quando magari valevano 0,01 euro. Ora vediamo in tribunale che dicono, non gli è andata benissimo, a quei geni.


No. Intanto si parlava di obbligazioni che sono una cosa diversa dalle azioni, poi il problema non è la vendita in sé quanto 1) della vendita di prodotti destinati al mercato istituzionale (cioè difficili da maneggiare) a clienti retail, 2) dell'opacità di certi bilanci e 3) della mancata vigilanza da parte di Consob e BdI che sarebbero dovute intervenire prontamente sui punti 1) e 2) ma hanno nicchiato.
E poi ci sarebbe il punto 4), il precedente Monte dei Pacchi (ma anche Alitalia, ecc...) per cui lo stato salva sempre tutti in emergenza.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5601
MessaggioInviato: Gio 04 Gen, 2018 16:50    Oggetto:   

HappyCactus ha scritto:

Ehm, insomma.
M   E' se mai l'esatto contrario, la convinzione che lo stato/la banca centrale /il regolatore possa mettere le mani sul mercato e sull'economia muovendo le leve come in una macchina meccanica, quando invece si tratta di un sistema altamente complesso su cui sarebbe bene non interferire. 

Questa e' una cosa che proprio non riesco a capire: dato che non c'e' niente che caratterizzi il socialismo (e tutti relativi derivati) piu' del convincimento che lo Stato debba interferire con il mercato per regolarlo ed indirizzarlo, per quale maniera tutte le volte che si parla di capitalismo di relazione o piu' banalmente di regolamentazione statale sento sempre parlare di turboliberismo, neoliberismo, ultraliberismo?
Il liberismo non prevede la connivenza di stato e privato: non prevede nell' equazione lo stato.

Piace? Non piace?
Questo e'.

E se si parla di "indirizzo liberista" in un determinato contesto si parla comunque dell' indirizzo che limita e riduce l' azione dello stato non di indirizzo volto a favorire un particolare privato in un contesto regolato dallo stato.

Quella e' connivenza, e' un' altra cosa.
E questa piace a molti, beninteso. 
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 5122
Località: Verona
MessaggioInviato: Gio 04 Gen, 2018 18:20    Oggetto:   

Perché forse confondono liberismo e liberalismo.

Che poi in realtà, la tua frase è un po' estrema. "Non prevede nell'equazione lo stato" è un po' forte, quasi anarchica. Diciamo che, a parte le sfumature, lo stato dovrebbe limitarsi a garantire il corretto muoversi del mercato (citerei l'esempio di Einaudi e del mercato rionale con i carabinieri ecc ecc...)
Però, sì, l'ignoranza dilaga e certi figuri ci sguazzano.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Off Topic Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 15, 16, 17, 18  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum