Il labirinto del fauno


Autore Messaggio
Botolo
Horus Horus
Messaggi: 4230
MessaggioInviato: Gio 17 Mag, 2007 21:31    Oggetto: Il labirinto del fauno   

Ho appena finito di vederlo e seppure mi aspettasi qualcosa di diverso, qualcosa di simile a un Labyrinth in versione goticheggiante, devo dire BELLO.

Cosa che mi capita di rado ultimamente Smile
Non sono bastardo: amo solo farlo. A voi non cambia nulla, ma io rimango con la coscienza più leggera Very Happy
H A L 9000
Trifide Trifide
Messaggi: 207
MessaggioInviato: Ven 18 Mag, 2007 08:39    Oggetto:   

Lo vidi al cinema quando uscì e ne sono rimasto entusiasta, forse il miglior film dell'anno scorso.

Non era il film che mi aspettavo, ma penso valga per quasi tutti quelli che l'hanno visto, ma mi è piaciuto molto anche se la componente fantastica è alternata ad una storica di fatto molto più presente ed incisiva.
"Il labirinto del Fauno" è una fiaba che si svolge nella Spagna franchista e la sua ambientazione fantasy è percepita (o immaginata?) solamente dalla giovane protagonista che in essa può trovare rifugio dagli orrori che la circondano.
La crudezza di alcune scene fa del "cattivo" della sua vita reale, capitano dell'esercito franchista e nuovo marito di sua madre, un mostro più terribile perfino delle orripilanti creature che deve affrontare per superare le prove a cui è sottoposta dal Fauno...

Un ottimo film di Guillermo del Toro, ora vorrei/dovrei recuperare "El espinazo del diablo".
Londo
Krell Krell
Messaggi: 743
Località: Pioltello Town
MessaggioInviato: Ven 18 Mag, 2007 14:03    Oggetto:   

Bello, bello, bello, soprattutto per il finale ognuno puo' interpretarlo come vuole...sara tuttu vero oppure no? Cool
Sempre di corsa ma alla sera...nulla è meglio di una buona bottiglia di Brivari della mia riserva personale...
Darklight
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1554
Località: LV - 426
MessaggioInviato: Sab 19 Mag, 2007 14:13    Oggetto:   

Anche io mi unisco agli elogi a questo film, è davvero un piccolo gioiello! ben girato, ben recitato, con una stupenda atmosfera di fiaba dark d'altri tempi, quelle fiabe che non rassicuravano affatto, anzi facevano un pò inquietudine...
Io già sapevo che non si trattava di un fantasy nel senso stretto del termine, e sicuramente questo ha aiutato a farmelo apprezzare così tanto: Conosco molti che non l'hanno apprezzato perchè si aspettavano un fantasy puro, e questo è un peccato.
Comunque, un bel film, davvero. Fatto col cuore, e si vede.
GAME OVER, MAN! GAME OVER!
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16696
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Dom 20 Mag, 2007 14:16    Oggetto:   

Quando decisi di vederlo anche io pensavo fosse un fantasy.
Sicuramente è un film che può essere visto sotto due punti di vista e per questo notevole.
Spero sinceramente che il regista non dica mai quale fossero le sue intenzioni: rovinerebbe un'opera nell'insieme "perfetta".
Palomino.
"But now the rains weep o'er his hall,
With no one there to hear.
Yes now the rains weep o'er his hall,
And not a soul to hear"
The Rains Of Castamere
Il_Console
Goa'uld Goa'uld
Messaggi: 1028
Località: In esilio
MessaggioInviato: Dom 24 Giu, 2007 18:54    Oggetto:   

Bello, suggestivo e coinvolgente.
Mi è piaciuto assai, e questo prova che non vedo no global da tutte le parti (come mi è stato detto in qualche circostanza Razz ).
Beh, in realtà il film sposa tematiche politiche in modo certamente parziale (il capitano è un'esasperazione assoluta e un po' macchietta del cattivo "fascista", tutti i fascisti sono come minimo senza cuore e spietati, mentre la resistenza raccoglie tutti gli uomini dalle migliori qualità, ecc), ma la realizzazione trascende la politica e sconfina nell'arte pura.

Dove V per Vendetta e I Figli degli Uomini hanno fallito, scadendo tragicomicamente in manifesti ideologici cantilenosi e propagandistici, questo film riesce invece a coinvolgere uno spettatore "suscettibile" come me, a parlare di questioni umane, ad emozionare e coinvolgere.
Ho odiato visceralmente Vidal (da smuoversi a disagio sulla poltrona), goduto della sua fine, sofferto per Ofelia, Mercedes e i loro compagni, condiviso le loro convinzioni..
Non c'è una ricetta magica, il confine è labile, ma se questo film riesce dove altri con simili premesse sono caduti, la differenza può solo risiedere nel livello artistico.

Film crudo e triste, sorprendente e originale.
Un piccolo gioiello.

Citazione:
Sicuramente è un film che può essere visto sotto due punti di vista e per questo notevole.
Spero sinceramente che il regista non dica mai quale fossero le sue intenzioni: rovinerebbe un'opera nell'insieme "perfetta".

Beh, Del Toro le ha chiarite in modo inequivocabile invece, pur riconoscendo a tutti il diritto di interpretare a piacimento:
(evidenziare, ci sono spoiler)

"If the movie works as a piece of storytelling, as a piece of artistic creation, it should tell something different to everyone. It should be a matter of personal discussion. Now objectively, the way I structured it, there are three clues in the movie that tell you where I stand. I stand in that it's real. The most important clues are the flower at the end, and the fact that there's no way other than the chalk door to get from the attic to the Captain's office."

Onestamente, non credo che il finale "aperto" sia necessario a garantire il valore artistico: questo lo definirei "quasi chiuso", comunque.
Mi piace l'impostazione di Del Toro, e per quanto mi riguarda, è anche la mia interpretazione del film.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 14625
Località: Padova
MessaggioInviato: Mer 16 Ago, 2017 10:09    Oggetto:   

Visto finalmente un classico di qualche anno fa, che mi mancava. Mah, in definitiva pensavo meglio. Guerra civile spagnola, guerra durissima, dove non si fanno prigionieri, da una parte e dall’altra, neanche se feriti. Una ragazzina vede o crede di vedere elementi fantasy: fate, un grande fauno (che le assegna delle missioni), altro.
Che dire, ho trovato il film spesso simile a una fiction, e cioè con recitazioni così cosà (ma non sempre), con una regia un tantino mogia, con musiche fuori posto e/o invadenti, con una sceneggiatura talvolta zoppicante (“Sono una codarda” “Ma no dai non dire così” “Sì, sono una codarda di merda”, che però fa molto film spagnolo). Ma non è tutto così, la storia in realtà prende, soprattutto da un certo punto, i cattivi sono cattivi (ma pure i buoni); il finale lascia un po’ così, ma magari è giusto. Sono per un 6/7, ma va detto che invece il film piacque tantissimo, ma proprio tanto (penso sia tra i primi 100 in assoluto, su IMDB, come voti, intendo); al botteghino, costato poco, fu un buon successo: addirittura, pare, il maggior incasso spagnolo di sempre. A Cannes fu battuto da Il vento che accarezza l’erba (a sua volta non il massimo), però agli Oscar fece un figurone, vincendo 3 premi minori. Probabilmente non è piaciuto molto solo a me.
DiVega
Incal Incal
Messaggi: 1217
Località: Brixia
MessaggioInviato: Mer 30 Ago, 2017 15:32    Oggetto:   

Pure a me... tant'è che non sono mai riuscito a vederlo tutto se non durante queste vacanze e grazie a NETFLIX.

Bello, originale e introspettivo ma la parte Fantasy l'ho trovato pesantina.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Cinema Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum