Corte dei Conti tasse altissime=evasione


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5
Autore Messaggio
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1402
MessaggioInviato: Mer 19 Apr, 2017 13:08    Oggetto:   

HappyCactus ha scritto:
Decenni di studi sulla public choice (e decenni di esperienza sul campo... ovvero la storia italiana e più in generale dell'occidente) hanno dimostrato che lo so stato non può arretrare e la deriva è sempre quella populista.
Del resto, cosa vi aspettate? l'obiettivo del politico non è gestire bene lo stato, ma ottenere voti. Senza i voti non si governa. 
Fatta questa premessa, per forza di cosa le scelte politiche devono essere populiste, è un corollario del teorema dell'elettore mediano. Pertanto, dato che più spesa pubblica, più favori, più protezione è una politica che prende voti mentre più rigore, più responsabilità, meno favori, più merito è una politica perdente, la deriva può essere solo quella del fallimento. In Italia siamo più avanti nella democrazia, non più indietro.

Una tristissima, quanto incontrovertibile verità... Non che conosca molte alternative purtroppo
Nirgal
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1699
MessaggioInviato: Mer 19 Apr, 2017 14:05    Oggetto:   

HappyCactus ha scritto:
Decenni di studi sulla public choice (e decenni di esperienza sul campo... ovvero la storia italiana e più in generale dell'occidente) hanno dimostrato che lo so stato non può arretrare e la deriva è sempre quella populista.
Del resto, cosa vi aspettate? l'obiettivo del politico non è gestire bene lo stato, ma ottenere voti. Senza i voti non si governa. 
Fatta questa premessa, per forza di cosa le scelte politiche devono essere populiste, è un corollario del teorema dell'elettore mediano. Pertanto, dato che più spesa pubblica, più favori, più protezione è una politica che prende voti mentre più rigore, più responsabilità, meno favori, più merito è una politica perdente, la deriva può essere solo quella del fallimento. In Italia siamo più avanti nella democrazia, non più indietro.

Ok, ma guardiamo anche dove c'è meno stato e domina il privato, che succede?
Il privato ha i soldi finanzia le campagne elettorali e le leggi seguono gli interessi del privato, tutto diventa business.
Non è che ci si trovi di fronte all'eldorado o shangri-la.
Le persone sono sempre quelle, che le metti nel pubblico o nel privato poco cambia.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5487
MessaggioInviato: Mer 19 Apr, 2017 19:08    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:


Ok, ma guardiamo anche dove c'è meno stato e domina il privato, che succede?
Il privato ha i soldi finanzia le campagne elettorali e le leggi seguono gli interessi del privato, tutto diventa business.
Non è che ci si trovi di fronte all'eldorado o shangri-la.
Le persone sono sempre quelle, che le metti nel pubblico o nel privato poco cambia.

Be' il "privato" e' la condizione naturale, lo "stato" e' un artificio: se l' artificio non funziona ovviamente si ritorna alla condizione naturale per riflettere sul da farsi.
Con naturale non intendo nulla di riconducibile alle pippe mentali su diritto naturale ecc che affliggono i maniera paradossale ed a volte comica la destra (e questa volta intendo proprio la destra, quella vera, quella liberismo-capitalismo-libertarismo ecc) semmai la piu' banale considerazione: siamo esseri umani, usciamo da dove sappiamo prodotti come sappiamo normalmente soli (ed anche quando usciamo a gruppetti per lo piu' abbiamo condiviso solo un po' di spazio) e moriamo soli.
La societa', in qualunque sua forma, declinazione, specializzazione e manifestazione e' un artificio spesso fuorviante.
Ad ogni modo non e' proprio vero che dove c'e' meno stato si vive peggio: anzi tendenzialmente dove c'e' piu' stato (stati fortemente socialisti: sudamerica, mediterraneo ecc) si vive peggio.
Poi, per carita', si puo' andare di lana caprina.
Da noi senza la minima ombra di dubbio c'e' troppo stato e certamente in questo preciso momento storico (che dura ormai da... boh sempre?) avremmo bisogno di molto, molto, molto meno stato per stare meglio.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5487
MessaggioInviato: Mer 19 Apr, 2017 19:12    Oggetto:   

HappyCactus ha scritto:
Decenni di studi sulla public choice (e decenni di esperienza sul campo... ovvero la storia italiana e più in generale dell'occidente) hanno dimostrato che lo so stato non può arretrare e la deriva è sempre quella populista. 

Di solito arriva una specie di dittatore/accentratore che la fa talmente grossa da far scoppiare casini pesanti (rivolte armate, guerre, ecc) cui fa seguito tanta morte ed un senso di sollievo e ricostruzione dopo la sua dipartita.
Ci sono risvolti boh sociologici interessanti, nel senso che questi personaggi sono sempre appoggiati da chi antropologicamente parrebbe esserne avverso (anche se magari di nascosto): e' per questo che non mi ha stupito piu' di tanto sentire tanti simpatizzanti di sinistra dire sottovoce (che a voce alta si sostiene altri) "be' certamente ci voleva un cambiament, diamo fiducia a Trump".
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Off Topic Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum