breve 51


Autore Messaggio
Claudio Zago
Morlock
Messaggi: 59
Località: Immerso fra le città di FE / RO
MessaggioInviato: Gio 30 Ott, 2014 22:19    Oggetto: breve 51   

Guardo la luce.

La guardo e ne resto stupito. Si, l’osservo nel silenzio della campagna, l’umidità è forte , le sfere in lontananza brillano di chiarore proprio. Poi all’improvviso mi accorgo che questa luce è nera! Si una luce splendidamente nera di una bellissima stella nera, almeno penso, ma poi io penso?
Non mi ero mai accorto che esistessero così vicine alle nostre sfere. Sfere perfettamente asettiche, sfere che da migliaia di anni ci accolgono nella loro pienezza di dare tutto ciò che ci serve.
Ma storicamente siamo stati accolti e poi embrionalmente composti con queste sfere.
Del prima non si sa nulla.
Ma poi le sfere cosa vogliono da noi?
Io me lo sono chiesto da sempre, da quando sono nato.
Una volta avevamo… genitori si chiamavano.
Adesso?
Di una cosa sono sicuro, che io non sono, ne maschio ne femmina, semplicemente sono…
Intanto mi godo questa visuale, una luce nera che anche lei sembra sferica.
Nell’orizzonte scuro vedo questa luce. Vedo anche attorno a me un bordo di cristallo che mi fa da perimetro.
Sento flussi d’energia che mi percorrono il corpo.
Un corpo strano direte voi osservandolo… già, ma voi non potete osservare ciò che vive nella dimensione vicina alla vostra.
Noi invece più evoluti… possiamo.
Dentro siamo niente, fuori siamo tutto,
Unico indizio siamo… voi la chiamate intelligenza.
Si intelligenza, la massima della scala della logicità di tutto ciò che è stato creato.
Ma noi non sappiamo che cos’è una stella. Peccato non essere così logici da avere la cognizione di cosa sia una stella.
Ma come tutte le cose che partono da un punto, e sono su una retta, le cose vanno in due direzioni il più infinito e il meno infinito, che siano direzioni di destra o sinistra non ha importanza, sono due modi di vedere le cose.
Penso di sapere cos’è una stella, almeno l’immagino.
Adesso so che cos’è.
E’ la mia solitudine che mi fa fare questi pensieri.
Sono così solo che mi diverto. Si mi diverto a vedervi affannati su problemi di misero vivere.
E’ grande cosa l’universo parallelo io faccio ciò che dall’altra parte faccio al contrario, su tutto. Su ogni cosa immaginabile. Sarebbe duro farvi un esempio, pensateci.
Ecco perché la luce della stella è nera.
So solo che dall’altra parte dell’universo parallelo vedrei una stella con la luce bianchissima e splendente.
Sole lo chiamate voi.
Un problema !
Signori il problema è il vostro, non il mio
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a I racconti del Ten Forward Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum