Einstenio Superior


Autore Messaggio
Starcruiser
Vogon Vogon
Messaggi: 673
MessaggioInviato: Mer 17 Set, 2014 07:41    Oggetto: Einstenio Superior   

Mancava poco all'alba e nel più grande stadio del mondo la folla era ormai in delirio. Un'intera notte di musica e spettacoli con il pubblico che sugli spalti aveva fatto di tutto, anche per ottenere i biglietti. Adesso i tanti complessi musicali chiamati al Grande Evento si erano messi in fase e la musica era un crescendo coinvolgente. I più grandi maestri del mondo dello spettacolo si erano riuniti per creare lo spettacolo degli spettacoli, ma il crescendo musicale doveva sottolineare la comparsa del personaggio tanto atteso. Improvvisamente la musica raggiunse il massimo dell'intensità e come per magia i riflettori dello stadio si concentrarono nel centro del campo dove apparve la figura di un uomo. Il boato della folla si accompagnò a quello di miliardi di persone che seguivano in diretta l'evento con qualsiasi mezzo disponibile. Il ruggito dell'umanità.
L'uomo alzò il braccio sinistro e girò su se stesso per farsi vedere da tutti. La folla sugli spalti creò un onda di ola in fase con la sua rotazione. Il luccichio dei flash fotografici riempì di scintille gli spalti che erano stati oscurati. L'uomo stava per parlare, la sua immagine nel megaschermo. Alto, magro ed ossuto. I lunghi capelli bianchi arruffati ed il naso aquilino. Vestiva una tuta attillata argentata disegnata dai più noti stilisti di moda e sotto al braccio destro teneva un casco senza visiera, da cui penzolavano delle connessioni elettriche.
L'uomo era Einstenio Superior. Non era il suo nome e pochi lo conoscevano. Era apparso su internet cercando di proporre le sue teorie, strampalate e risibili. Visto che non otteneva consensi, si iscrisse ad un corso di matematica. Man mano che apprendeva la matematica, fu in grado di dare corpo alle sue idee. Arrivò a risolvere alcuni dilemmi matematici su cui stimati professori si erano arrovellati senza riuscire a dare risposta. Con queste basi matematiche fu in grado di dare corpo alle sue idee rivoluzionarie. I suoi "ovvio, pertanto, quindi, di conseguenza, giustamente" e così via diventarono famosi nel mondo scientifico, perché erano corretti. Le università fecero a gara per accaparrarselo.

Einstenio Superior aveva un chiodo fisso: il teletrasporto. Fece una richiesta di fondi in rete e la rete lo ripagò all'inverosimile. Adesso era arrivato il momento dei momenti: il collaudo del teletrasporto. Einstenio Superior non volle fare nessun test di prova. Era assolutamente certo che la sua macchina funzionasse. L'aveva ideata lui! Quindi decise che l'avrebbe sperimentata di persona, facendosi teletrasportare. Voleva essere il primo in assoluto.

Einstenio Superior fece un discorso pieno dei suoi soliti ovvi, facendo scendere il silenzio in tutto il mondo. Non c'erano mezzi di trasporto in funzione, attività lavorative in corso. Il mondo intero si era fermato ad ascoltarlo come se lui fosse il nuovo Messia. Gli indici d'ascolto erano tutti sul 100% .

Finito il discorso, le due grandi campane scure del teletrasporto poste alle estremità del campo furono illuminate dai proiettori, poi si illuminarono al loro interno. Dentro ad una c'era una sorta di slitta: un traliccio con un sedile ed un pannello di strumenti. La slitta e la tuta di Einstenio Superior erano state create appositamente per fare scenografia, dal momento che erano perfettamente inutili. Sulla slitta vi erano alcuni comandi che Einstenio Superior doveva utilizzare per il suo esperimento.

Einstenio Superior si avviò verso la campana con la slitta in un silenzio irreale. Due modelle mozzafiato in tuta bianca aderente lo aiutarono a sistemarsi nella slitta.
Mancava poco all'alba. Einstenio Superior voleva che il teletrasporto fosse eseguito nel preciso istante dell'alba: l'alba di una nuova era!
Una telecamera inquadrava l'orizzonte che rischiarava e quando apparve il primo bagliore del sole Einstenio Superior tuonò: -Questo è un piccolo balzo per un uomo, una pietra miliare per l'umanità!-. Detto questo premette il pulsante di avvio del teletrasporto. La folla rimase con il fiato sospeso mentre la figura di Einstenio Superior si dissolveva.
Quindi l'attenzione passò alla seconda campana, dove Einstenio Superior doveva apparire. Lui stesso aveva calcolato il tempo necessario allo spostamento. Tempo Tecnico, lo definì.
Il Tempo Tecnico si consumò e nella seconda campana apparve qualcosa. Fumo, acqua e polvere.
Attorno alle campane, che pendevano dai bracci di due gru, c'erano schiere di scienziati in camice bianco lì apposta per verificare ed accertarsi che l'esperimento fosse vero e non un trucco. Quando nella seconda campana apparvero il fumo e la polvere, si ammassarono per guardare. Il pubblico invece rimase in silenzio. Subito arrivò la polizia a sigillare il tutto. Fu a questo punto che nel mondo si levò un mormorio di dolore.

Il giudice istruttore incaricato di seguire il caso della scomparsa dell'esimio e compianto Professor Einstenio Superior era seduto di fronte allo scienziato che a nome di tuti gli altri era stato incaricato di fare da portavoce per le indagini sul piano scientifico. Attorno a loro una piccola folla di alte personalità mondiali. Tutto il mondo voleva sapere cosa era successo. Solo gli scienziati potevano dare una risposta. Perché? Era la domanda che tutti si ponevano. Ora gli
cienziati avevano trovato la risposta.
Lo scienziato porse al giudice un semplice foglio.
-Tutto qui?- Chiese il giudice.
-Si.- Rispose lo scienziato senza scomporsi.
Il giudice lesse il foglio. - Cos'è questo Principio di ... Indeterminazione?-
- Uno dei cardini della fisica quantistica.-
- Ne so quanto prima. Quando si parla di fisico da noi s'intende un corpo umano.-
- Il Principio di Indeterminazione o Principio di Heisemberg è alla base di un ramo della fisica che si occupa della fisica subatomica. -
- Continuo a non capire.-
- L'atomo è la base della materia. E' formato da un nucleo che contiene due particelle: il protone ed il neutrone. All'esterno vi sono un certo numero di particelle, molto più piccole dei protoni e dei neutroni, che si chiamano elettroni. Essi orbitano attorno al nucleo, similmente a satelliti attorno ad un pianeta. Il Principio di Indeterminazione dice che non è possibile individuare contemporaneamente la posizione e l'energia di ogni singola particella. Einstenio Superior è riuscito a realizzare uno scanner che rileva la posizione degli atomi e determinare di che tipo sono, ma non la distribuzione delle particelle al loro interno. Era convinto che rimaterializzando il suo corpo la posizione iniziale delle particelle fosse ininfluente. Il problema è che i legami chimici che tengono assieme gli atomi dipendono proprio da queste posizioni. Quando la macchina lo ha ricreato, ha rimesso gli atomi al loro posto ma non le singole particelle. Gli atomi non si sono legati ed Einstenio Superior è stato polverizzato, liquefatto e gassificato, a seconda dello stato degli elementi a temperatura e pressione ambiente.-
- Quindi?-
- Quindi il nostro lo ha ignorato. O meglio, sapeva della sua esistenza ma dall'analisi della sua opera teorica, lo ha giudicandolo ininfluente. Era convinto che la fisica seguisse le sue regole, che fino a quel momento si erano rivelate esatte.

Pretendeva di saperne più della natura stessa e che seguisse le sue regole.-
- Quindi è stata solo la superbia a causare il decesso del compianto professore?-
- Si.-
- Quindi il teletrasporto è inutile.-
- Non è possibile trasportare manufatti o esseri viventi, però può trasportare enormi quantità di materiale da un capo all'altro dell'universo con costi irrisori. Può polverizzare o meglio disintegrare, nel senso non di far sparire, ma di rimettere nei suoi costituenti primari, qualsiasi sostanza complessa. Penso ad esempio al riciclaggio dei rifiuti...-
- Voglio che ti informi subito su quanto costa trasportare dell'uranio, del ferro. Una esecuzione capitale...- Disse al suo portaborse un politico che si trovava nella stanza.
Alias Starcruiser.
Fedemone
Asgard Asgard
Messaggi: 1402
MessaggioInviato: Gio 18 Set, 2014 13:27    Oggetto:   

Racconto carino, devo dirlo, con un buon finale ma spesso el costruzioni delle frasi sono da rimaneggiare, per un lavoro di revisione decisamente sostanziale.
Un piccolo esempio "un piccolo passo per l'uomo, una pietra miliare per l'umanità" suona malissimo perché la seconda parte della frase perde concordanza con la prima. Avresti potuto dire: il fuoco, la ruota, il volo, il teletrasporto! Oppure, prometeo donò fuoco, io il jaunto! [e sarebbe un omaggio a Bester e al suo Destinazione Stelle].
Ma tutta la prima parte ha frasi scriocchiolanti, come una ripetizione stonata della parola "fase", quando invece i muscisti sono in sintonia, in risonanza o che altro. parli di crescendo ma la punta massima arriva "improvvisamente", e che crescendo è allora? E così via.

Altri piccoli dettagli: uno di natura tecnica, gli elettroni non orbitano come pianeti, ma sono in posizione inidentificabile (sempre per il famoso principio), con una certa probabilità in certe aree chiamate orbitali. E dalla descrizione si comprende che c'è un neutrone e un protone, che invece sono in proporzione variabili. Il teletrasporto quindi sarebbe utile per gli elemnti della tavola periodica, ora come ora.
Dettaglio di natura narrativa, per ottenere un indice di ascolto deol 100% 'sto tizio non può semplicemente dire "ho il teletrasporto", non credo faccia molta presa. Dovresti inserire più dettagli, anche volanti sui successi mediatici, fino a renderlo una persona magnetica oltre ogni dire, non solo il sogno di ogni accademia. Sai che interessa alla casalinga di Voghera di un testa d'uovo. Ma se fosse bello, affascinante, ricchissimo, attore in soap opera o che ne so... Inoltre due cabine una accanta all'altra che senso dello spettacolo hanno? Fosse uno sulle ande e l'altor a Parigi, potrei anche capire che si tratta di teletrasporto, ma così sembra un volgarissimo trucco.

Non male, lavoraci di più e otterai qualcosa di proprio buono
Starcruiser
Vogon Vogon
Messaggi: 673
MessaggioInviato: Lun 22 Set, 2014 06:56    Oggetto:   

Ti ringrazio dei suggerimenti.
Purtroppo non riescio ad andare oltre, nel senso che rileggo le mie opere, però non riesco a vedere come migliorarle dal lato grammaticale.
Limite mio, ci mancherebbe. Sono un pessimo correttore delle mie bozze.

Quanto ai dettagli tecnici, quello degli atomi: il senso era che la macchina replicava gli atomi, ma non l'esatta posizione delle particelle (protoni, neutroni, alettroni). Insomma, se in quella posizione ci doveva essere un atomo di Cadmio, replicava un atomo di Cadmio, ovviamente diverso da quello originale per lal parte riguardante lal disposizione spaziale delle particelle al suo interno.

La frase era volutamente una parafrasi di quella storica di Armstrong. Si parte dal balzo che diventa "balzo" iperspaziale trasformandosi in "pietra miliare", ovvero un traguardo molto più lontano del passo e del semplice balzo.

Le due campane poste una accanto all'altra è un effetto scenico per chi si trova in posto, come testimone diretto dell'evento. Se il balzo avvenisse in due luoghi diversi, lo spettatore e gli scienziati in posto potrebbero realmente sospettare in un trucco, ma sono tutti lì ed il tutto avviene davanti ai loro occhi, testabile sul posto.

Comunque grazie ancora per le osservazioni.
Alias Starcruiser.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a I racconti del Ten Forward Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum