1 + 1 = 2


Autore Messaggio
Claudio Zago
Morlock
Messaggi: 59
Località: Immerso fra le città di FE / RO
MessaggioInviato: Dom 21 Set, 2008 18:10    Oggetto: 1 + 1 = 2   

Ciao, e buona lettura.
1+1=2 è un mio racconto che è "entrato" nel libro raccolta di fantascienza NASF3 2007
.
1 + 1 = 2

Uno più uno dicono che è uguale a due. Ma la scienza matematica, come tutte le altre scienze non era più esatta, questo oramai da millenni.
Dai tempi del vecchio Mhugg, e fino adesso, le leggende su questo Mondo che oramai era alla sua fine, continuavano ad essere mandate nell’Universo da loro.
I Corpi.
Esseri viventi chiamate semplicemente, “ i corpi”.
Il loro pianeta d’origine si stava lentamente spegnendo.
Solo due robot esistevano e lavoravano.
Registrazioni plasmatiche affermavano e dicevano che erano forti ed intelligenti, e che cercavano da millenni che qualcuno li potesse ascoltare.
Il loro sapere doveva sopravivere ai Corpi
”1+1 salutano, rispondete..”.
Ma nessuno rispondeva, solo il silenzio alle loro domande, ai loro racconti.
I Corpi mandati verso gli infiniti, accecati dalla bramosia della ricerca di vite, non rispondevano più.
Sempre e di continuo, da milioni di anni, voci perfette e chiare partivano con molta chiarezza per attraversare il Cosmo in forma tridimensionale.
Questo dal mondo più immenso degli Universi conosciuti.
Ma dalla partenza del messaggio matematico, nessuno aveva mai risposto al suo semplice appello.
Forse nessuno era abbastanza intelligente per capire che l’intelligenza era presente in questa parte dell’Universo.
La domanda era semplice
”…1+1 salutano, rispondete..”.

Miliardi d’esseri, quelli con la carne addosso avevano calcato le belle terre del Pianeta Azzurro sotto di loro. Poi lentamente erano scomparsi, si erano ammalati nel loro sangue, i calcoli avevano azzerato le loro probabilità di vita. Avevano anche intrapreso viaggi interplanetari ma non avevano trovato altra vita.
Delusi e prostrati da ciò che era diventato il loro primario problema. Gli esseri umani si erano stancati di esistere e si erano lasciati inconsapevolmente morire.
Ci vollero migliaia di secoli ma lo fecero.
Da allora il messaggio si diramò verso l’infinito.
”…1+1 salutano, rispondete..”.
Quando l’ultimo essere scomparve restò il silenzio.
Tutta la vita si era fermata sul pianeta. Sui mondi scoperti e civilizzati non esisteva semplicemente più.
Silenzio stellare, fruscii plasmatici lievi come una brezza. Comete in movimento eterno, Galassie, suoni azzerati dal nulla, lenti ma innarestabili , osservavano l’agonia passante del messaggio, rivolto al nulla.
Silenzio. Silenzio e nulla più.
“I corpi” non esistevano più.
Solo un messaggio partiva.
”…1+1 salutano, rispondete..”.
I Corpi, scomparvero, andarono nel dimenticatoio, ma avevano lasciato il messaggio che continuava a percorrere in tutte le direzioni trigonometriche dell’Universo.
“.......Uno più uno uguale a due… 1+1 salutano… rispondete”
Era l’ultima parte di quello registrato che era partito fin dagli albori della loro civiltà metallica.
Gli umani, “I corpi”, avevano lasciato il controllo a dei robot il loro pianeta. Con il compito di prepararlo al loro ritorno. I Robot attendevano gli umani.
I Robot… costruirono.
Le loro costruzioni regnavano perenni, e sarebbero state testimoni alla loro indistruttibile età.
Il pianeta era cresciuto migliaia e migliaia di volte, sia nella sua superficie che nel suo volume, decine di migliaia di chilometri di costruzioni aperte ad ogni uso erano stati costruiti sulla superficie iniziale, verso l’esterno.
Il Mondo cresceva, cresceva a dismisura .
Passarono milioni di anni.
I robot stavano aspettando” i Corpi”.
Al piano zero, dove le leggende di Mhugg, affermavano ci fosse acqua e terra erano state dimenticate dalla civiltà metallica che impazzita cresceva.
Costruirono dimenticando il pianeta.
Il Pianeta Azzurro era stato coperto da costruzioni verso l’esterno. Costruzioni che avevano inglobato Spazio galattico attorno a lui, fino al vecchio Giove e mille milioni di chilometri oltre questo. Tutto in perfetta forma sferica. Tutto in armonia, tutto in attesa del loro ritorno. Tutto proteso come un immenso ponte che aspettava il nulla.
Un pianeta Universo, con un mondo Azzurro come nocciolo, la culla dei Corpi
”…1+1 salutano, rispondete..”.
Silenzio, nessuna risposta.
Silenzio.

Milioni di anni dopo, quando più nulla rimaneva da fare. Erano rimaste soltanto due entità di tutte le stirpe dei robot.
Anche in questo caso la guerra fra fratelli era finita.
Gli ultimi due robot avevano un codice, un nome.
Uno, e l’altro si chiamava Più Uno.
Nella loro immensa potenza erano belli, perfetti, e senzienti. I loro codici/nomi semplici e modesti.

Adesso, erano uno di fronte all’altro.
Due semplici sfere, minuscole, ma con dentro al loro interno tutto il sapere degli Universi.
Non avevano più niente da fare, più niente da creare o controllare, erano inconsapevolmente diventati inutili.
Solo quel fatto poteva distruggerli.
L’apatia e la certezza che “I corpi” non sarebbero più tornati.
Si stavano rendendo conto che sarebbero morti.

Non sapevano che con la loro fine, tutte le razze vive avrebbero cessato d’esistere. Ma erano d’accordo.
Le loro bio-luci assieme si spensero lentamente.
Silenzio.
Ed è per questo che la matematica non è una scienza esatta.
Infatti, adesso nessuno può negare che, Uno più Uno è uguale a zero.
Il silenzioso fruscio dell’Universo sembra sorridere, la sua voce muta ma presente parla con toni sconosciuti. Adesso solo lui è padrone di se stesso.
Lui, l’alieno tanto cercato.
Kruaxi the ferengi
Doktor Merkwürdigliebe Doktor Merkwürdigliebe
Messaggi: 6439
Località: Ferenginar
MessaggioInviato: Dom 21 Set, 2008 18:21    Oggetto:   

Interessante.

Salute e Latinum per tutti !
“La ragione ed il senso di giustizia mi dicono che vi è maggior amore per l’uomo nell’elettricità e nel vapore di quanto ve ne sia nella castità e nel rifiuto di mangiare carni”.
Anton Pavlovic Checov
Paolocosmico
Horus Horus
Messaggi: 5248
Località: livorno
MessaggioInviato: Dom 21 Set, 2008 18:27    Oggetto:   

Abbi pazienza Claudio... non so che raccolta sia quella che citi ma correggi gli errori di sintassi e di grammatica: ce ne sono molti. E attento ad un uso troppo "disinvolto" della punteggiatura Smile
" La verità resiste in quanto tale soltanto se non la si tormenta. "
Claudio Zago
Morlock
Messaggi: 59
Località: Immerso fra le città di FE / RO
MessaggioInviato: Sab 11 Ott, 2008 22:57    Oggetto:   

Vai su Google e batti NASF3 .
sai l'informazione di questi tempi è tutto.
Si in effetti e "arrivato" sul WEB, il racconto con gli errori.
Ma almeno ti è piccccciuto ?
Un problema !
Signori il problema è il vostro, non il mio
Claudio Zago
Morlock
Messaggi: 59
Località: Immerso fra le città di FE / RO
MessaggioInviato: Gio 30 Ott, 2008 19:21    Oggetto: 191   

Noto con piacere che ci sono state visite. Smile
Bene sono contento
Almeno è piaciuto. ( a parte qualche piccolo errore) Rolling Eyes
.
Ringrazio chi legge il racconto e colgo l'occasione per avvertire che....
( ringrazio la redazione di Fantascienza.com per lo spazio concessomi , mi piacerebbe che facesse l'articoletto Wink )
E' uscito , è terminato il concorso di fantascienza NASF4... e accidenti ci sono anche io con un mio racconto.
grazie e ciao a tutti
Un problema !
Signori il problema è il vostro, non il mio
Claudio Zago
Morlock
Messaggi: 59
Località: Immerso fra le città di FE / RO
MessaggioInviato: Gio 01 Set, 2011 13:34    Oggetto:   

Un grazie alle oltre 2300 persone che mi hanno letto Smile
Un problema !
Signori il problema è il vostro, non il mio
Claudio Zago
Morlock
Messaggi: 59
Località: Immerso fra le città di FE / RO
MessaggioInviato: Ven 25 Nov, 2011 10:30    Oggetto:   

Ringrazio Arduini di Padova che ha voluto scrivere tutto il racconto su una lastra di marmo.
Grazie ancora.
Un problema !
Signori il problema è il vostro, non il mio
Requiem Solitario
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2166
MessaggioInviato: Ven 25 Nov, 2011 11:28    Oggetto:   

Personalmente preferisco racconti più prosaici, ma l'idea è sicuramente affascinante (anche se ricordo un raccontino di Asimov simile).
Ci sono alcuni errori forse di battitura, comunque complimenti per essere stato inserito in un'antologia.
Piacerebbe anche a me, ma la cosa più difficile è riuscire a trovare qualcuno interessato a leggere quello che scrivo; sto infatti abbracciando l'idea di essere un emerito buono a nulla, se non riesco a suscitare un minimo di curiosità, ma mi piacerebbe averne la certezza in modo da mollare una volta per tutte. Complimenti ancora.
"Se guardi il cielo e fissi una stella, se senti dei brividi sotto la pelle, non coprirti, non cercare calore, non è freddo ma è solo amore." (Kahlil Gibran)
massimovaj
Ospite

MessaggioInviato: Ven 25 Nov, 2011 21:00    Oggetto:   

Post rimosso
Requiem Solitario
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2166
MessaggioInviato: Lun 28 Nov, 2011 09:35    Oggetto:   

Ho risposto alle legittime domande in un altro topic per non andare OT.
"Se guardi il cielo e fissi una stella, se senti dei brividi sotto la pelle, non coprirti, non cercare calore, non è freddo ma è solo amore." (Kahlil Gibran)
Claudio Zago
Morlock
Messaggi: 59
Località: Immerso fra le città di FE / RO
MessaggioInviato: Sab 02 Mar, 2013 21:57    Oggetto:   

un grazie a tutti i lettori. ciao
Un problema !
Signori il problema è il vostro, non il mio
Claudio Zago
Morlock
Messaggi: 59
Località: Immerso fra le città di FE / RO
MessaggioInviato: Mer 09 Ott, 2013 18:35    Oggetto:   

anche cose negative o OT l'importante è, esistere
Un problema !
Signori il problema è il vostro, non il mio
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a I racconti del Ten Forward Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum