Pioneer One Review (Pilot)

Posted on Giugno 24th, 2010 in Uncategorized | 33 Comments »

This is the translation of the review which appears in Fantascienza.com at http://www.fantascienza.com/magazine/telefilm/13966/pioneer-one-pilot/

An intriguing mystery and a classy production created with a fistful of dollars combine to challenge the great productions with free web distribution.  Pioneer One’s pilot gives us hope in the future of non-television series.

Six thousand Dollars.  That’s four thousand eight hundred and seven euros.  What can you do with six thousand dollars?  Maybe you can buy a second-hand, probably broken, car.  Or a wonderful ultra-flat new generation TV.  O would it perhaps be better to get a nice I-Mac and an I-pad?  It’s a nice amount, but not enough to do great things with, and it certainly wouldn’t change your life.  But if you put this sum in the hands of Bracey Smith and Josh Bernhard, it becomes something unbelievable: the pilot episode of a series.  And what a pilot!  Its added value is not the money, but the passion with which it was made, the passion for an art which has now become mostly nothing more than show business.  Passion is what turns a fistful of dollars into a story you can tell, a story to see and enjoy.
A mysterious space shuttle crashes in Canada, leaving hundreds of miles of radiation behind it, all through Montana.  The American government sends a team to shed light on the situation, where they are astonished to see that that not only is it an old Soviet Union shuttle, but there is a young man inside it who wears an ancient spacesuit and is seriously ill with a cancer which is devastating his body.
I’ve had the chance to exchange a few words with Bracey Smith, who told me how lucky they were to find a cast who not only literally worked for a slice of bread, but who were enthusiastic about the project and also had the qualities to make it all happen.  Bracey is right, the actors are wholly in-part, starting from the protagonists Thomas Taylor and Sophie Larson, played by James Rich and Alexandra Blatt.  But one of the most impressive scenes is the one in which Norton (Laurence Cantor), a super-expert on cold war mechanisms, performs an extremely interesting monologue in a style somewhere between the Godfather and a retired James Bond.  For economic reasons, the episode has been given a theatrical slant, so to speak, with long takes which may slow it down, but which at the same time give an impression of realism and eliminate the glossy atmosphere which is now typical of Amerian tv series.  Another aspect for which to give it credit is its challenge to the classic system of tv series distribution.  In fact, Pioneer One has been distributed through an unusual channel, the torrent system, finding support not only on the Vodo platform – which is specialized in the Internet distribution of independent films - but also in all of what the English call the “infamous” websites, like Pirate Bay or EZTV, from which people normally download illegally.  Perhaps this shows that a new path towards free tv series is possible, you just need willpower, passion and some enlightened minds who will believe in this kind of project.  The system of donations puts the spectator in a privileged position.  You can download the show, watch it, and if you like it you have the possibility of making a donation which will enable the program to go on.  I find this concept exciting, I think it is a promising path, so I wish the pair Bracey Smith/Josh Bernhard all the possible luck for their project, as the future of internet series distribution may depend on them.  But no pressure.

Translation by Ippolita Vigo

Pioneer One: Bracey Smith interview

Posted on Giugno 24th, 2010 in Uncategorized | 21 Comments »

This is the translated article from http://www.fantascienza.com/magazine/notizie/13965/pioneer-one-il-prototipo-dei-telefilm-del-futuro/

Pioneer One is definitely an exciting project.  It’s the first series ever to be distributed through the torrent system, and this represents a sure step towards what will be the future of what we now call “television” series.  It is distributed by the Vodo platform, it is also available for free download through all the main torrent websites (from Pirate Bay to EZTV), and through a system of donations it is possible to support and finance the making of future episodes.  Produced with the laughable sum of six thousand dollars, it defies the whole system of great productions, as it displays all the elements of passion and professionalism which go back to the fundamentals of cinema, which is by now more and more dependent on visual wonders and on the great blackmail of audience shares.
After making the independent film The Lionshare in 2009, the pair Josh Bernhard and Bracey Smith plunged into the production of this serial project which will perhaps give positive encouragement to all young or aspirant movie makers who wish to make their ideas and dreams come true.
The story Pioneer One tells is intriguing.  A mysterious space shuttle crashes in Canada, leaving hundreds of miles of radiation behind it, all through Montana.  The American government sends a team to make light on the situation, and the disturbing surprise is that not only is it an old Soviet Union shuttle, but they find a young man inside it who wears an ancient spacesuit and is seriously sick with a cancer which is devastating his body.
These are the premises with which this pilot episode introduces this undoubtedly interesting series.
Let’s talk to the pilot’s director, Bracey Smith.

-How did the Pioneer One project come about?

After the success we had with “The Lionshare,” the good people at Vodo said they would like to distribute our next project. Josh had been rolling around the idea of this series in his head for a while. We had come to a point where we were both unhappy with our jobs and truly felt that this was the time to tell this story. So we left our jobs and started to plan. 

It was early March. In order to launch in June we knew we needed to be completely done by May. This left us a little over four weeks to finish the pilot script, cast, organize a crew, scout locations, and rehearse before we started shooting. We allocated a week for Josh to write the script, he finished it in 3 days. After reading it I felt it was solid enough to move forward, so we did.

-The choice of actors is always important in a TV series, and the cast of Pioneer One seems to be absolutely professional. How did casting take place?

We posted casting calls in and around Manhattan. Due to the limited time we had, we were looking for actors who seemed to get the style we were aiming for, and not need too much direction. Most importantly, we were looking for people who were excited about the project, would be fun to work with, and would be will to share their talents with us for no money. I think we were extremely lucky to find the amazing cast we have with only two days of auditions and no money to offer them.

- Has the whole story already been written, or are you waiting for funds before proceeding with the rest of the script?

The entire series has been mapped out.

The story has a definitive end that I’m very excited to be a part of telling. We are however, waiting to see what type of budget we’ll be working with before we get too far ahead with our planning and writing.

- Last year we saw Joss Whedon launching a new concept of TV serial distribution through the Internet with his Doctor Horrible’s Sing Along Blog, with great success. What do you think the future of television will be? Do you think that internet distribution might be the future of television serials?

I loved Doctor Horrible’s Sing Along Blog. I have no doubt that the internet will be one of the major distribution means for television serials. I don’t think anyone truly doubts that at this point. Its only a matter of how and when. I believe it’s imperative that we find a way to offer Television style shows for free, and I’m pretty sure we’re on the right path.

-It’s rather impressive to see such a professional result on such a low budget. How is it possible to produce something which is in some ways better than a ten million dollar production, with just six thousand dollars? What’s your secret? Did anyone actually get paid?

It makes me happy to hear that you think it looks professional. Any success we’ve had with producing this show has come down to planning, luck, and kindness. There really is no secret. We knew we had very little time to plan, less time to shoot, and very little time to edit. So every decision we made was done to show what our capabilities we’re within our time, crew, and resource limits, while still telling the story thats meant to set up an entire 5 season story arc. 

The result was getting the actors to think of the script more like a play so we could do longer takes and edit less. We knew that this might result in a slower pace than we wanted, but allow us to get out the show in the time we needed.

Unfortunately we were not able to pay anyone in anything other than food, drinks, and our deepest gratitude.

- Have you any idea how many times Pioneer One has been downloaded through the torrent system?

As of now, (Sunday 06/20/10), I believe its over 150,000 downloads.

-How are donations for future episodes going? Are there good chances of seeing more episodes?

The response has been overwhelming. We’ve had over 500 amazing people donate thus far. I have no doubt that we will be filming the rest of season one if the pilot continues this type momentum.

So let’s hope that more and more people will download this pilot episode and contribute to the future of this series.  Who knows what Josh Barnhard and Bracey Smith will be able to do with a few more dollars.  It’s worth it.

Translations by Ippolita Vigo

Caprica no, non ci siamo

Posted on Febbraio 19th, 2010 in Uncategorized | No Comments »

Tutte le sensazioni dubbiose e diffidenti che avevo su questa serie purtroppo si stanno materializzando.
E’ vero che una manciata di puntate non sono sufficienti, ma l’impianto, la struttura della serie è delineato abbondantemente, e se è davvero questo non ci sono davvero motivi per seguirla.

Da un lato infatti abbiamo l’assenza di un mistero a lungo termine, cavallo di battaglia di ogni grande serie degli ultimi anni.
Caprica essendo un prequel sappiamo come andrà a finire, conosciamo esattamente le azioni dei Greysone e degli Adama dove porteranno le 12 colonie, quindi il “mistero” riguarda solo il come questo avverrà. Una curiosità sulle modalità quindi, forse in grado di fugare qualche parte irrisolta in Galactica, ma non sulla sostanza delle cose.

Dall’altro abbiamo i protagonisti di Caprica, niente di paragonabile nemmeno lontanamente a quel gruppo di uomini e donne che sul Galactica avevamo imparato ad amare nel corso delle loro drammatiche avventure spaziali.
Gli adolescenti sono idioti intelligentissimi, ricchi, amorali, manipolati, idealisti, fanatici terroristi.
Gli adulti sono genitori assenti egoisti, psicotici, o educatori traviati, cattivi maestri.
Un mondo di comunicazione dove nessuno comunica veramente.
L’universo dei personaggi è un universo distopico: sono tutti negativi, antipatici e senza spessore, senza sostanza.
La vera protagonista è Zoe e il suo dramma, ma né la giovane attrice, né il suo personaggio sono lontanamente paragonabili alle sfaccettature e la forza di un Bill Adama, un personaggio in grado di reggere da solo l’impatto di una serie.
Oltretutto Zoe è una protagonista le cui azioni sappiamo perfettamente a quale catena di eventi porteranno, e quindi nasce una sorta di effetto Hitler: è praticamente impossibile solidarizzare o identificarsi con lei (personalmente non mi ha fatto sorridere nemmeno quando si adagia sul letto, da cylon, e lo spacca, eppure avrebbe dovuto farmi sorridere! per un istante avrei dovuto identificarmi.).

Tralasciamo poi la lentezza globale, quello è un marchio di fabbrica di Moore, ma che comunque rende tutto ancora piu’ noioso.

Gli do altre 2 o 3 puntate, poi davvero non voglio piu’ saperne.

SGU - qualche considerazione su Stargate Universe dopo dieci puntate

Posted on Dicembre 13th, 2009 in Uncategorized | No Comments »

Questa serie mi fa veramente arrabbiare.

Dopo un avvio promettente nel quale gli elementi per poter creare qualcosa di interessante c’erano più o meno tutti, si è veramente ficcata in un vicolo cieco.  In primo luogo l’espediente delle pietre a livello narrativo rappresenta l’intoppo maggiore.  Non è un caso infatti che tutti gli episodi che sono oggettivamente noiosi o scarsi (e posso ascriverne almeno cinque su dieci) hanno come motore proprio l’utilizzo delle pietre e i rapporti con la terra.  A livello tecnico trovo altrettanto insopportabile che per motivi forse televisivi o forse di semplificazione (ma non ne sono poi così convinto) quando i nostri eroi effettuano il transfert sulla terra vengono interpretati dagli attori della Destiny anziché da coloro che effettivamente li ospitano.  Per quanto riguarda la gestione dei personaggi secondo me l’unico veramente azzeccato è quel matto del Dott. Rush, per il resto abbiamo a che fare con uno dei peggiori comandanti della storia della fantascienza televisiva, con un ciccione che talvolta riesce anche a far ridere, ma che il più delle volte ha una presenza scenica imbarazzante, e con la quasi totale assenza di personaggi femminili intriganti: abbiamo la lesbica arrivista con le manie di controllo, una dottoressa che potrebbe anche avere un potenziale ma che almeno per adesso è stata relegata ai margini dell’introspezione, una moglie del comandante che riesce a risultare ancor più antipatica di suo marito, la figlia del senatore che non fa altro che piangere dalla prima puntata (quando non si fa consolare dall’aitante tenente).  Ma la cosa peggiore è proprio che per la prima volta nella storia del brand di Stargate si tenta palesemente di non attingere direttamente al brio e all’azione che caratterizzavano i serial precedenti, ma si tenta maldestramente di scopiazzare certi meccanismi di altre serie, in particolare Battlestar Galactica. Eppure, eppure, forse per una sorta di masochismo, mi ritrovo a pensare ad SGU e a desiderare di vedere la prossima puntata.  Questo significa che in qualche modo, da qualche parte, sparando nel mucchio, sono comunque riusciti a fare qualche centro.  Credo che sia molto difficile razionalizzarne i motivi, ma scavando un po’ a fondo forse si tratta del mio desiderio di vedere ancora sullo schermo le tracce di una saga che nell’arco degli ultimi quindici anni mi ha profondamente appassionato.  Alcuni elementi della cosmogonia di Stargate sono rimasti intatti e questo ai miei occhi rappresenta comunque un grosso appeal, compreso il fatto che ogni volta che il vecchio Jack compare sullo schermo un certo senso di nostalgia ha il sopravvento, quindi divento indulgente e riesco a perdonare a questa serie cose che normalmente non lascio passare ad altre.

Senza fare spoiler, il cliffhanger finale di questo primo spezzone di stagione è veramente notevole, e se le cose stanno così come sembra credo proprio farò il tifo per i cattivi.

Crusoe

Posted on Febbraio 11th, 2009 in Uncategorized | No Comments »

 

CRUSOE è una serie di tredici episodi prodotta dalla NBC che trae ispirazione diretta dai celeberrimi romanzi di Daniel Dafoe che narrano le disavventure del naufrago più famoso della storia della letteratura. Purtroppo per il povero telespettatore il naufragio non si limita ad essere semplicemente quello del povero Robinson, ma quello che ci troviamo davanti è il naufragio di un’intera serie.

Nonostante la presenza di un budget considerevole, con oltre 17 milioni di sterline, il largo uso di location e di esterni di alto livello, che vanno dal Sud Africa alle Seychelles all’Inghilterra, e un cast di tutto rispetto con nomi importanti della cinematografia mondiale, il telefilm fa acqua da tutte le parti e naufraga violentemente sugli scogli della critica, ma ancor peggio su quelli dell’audience.  Eppure anche da parte degli addetti ai lavori ruotava una notevole aspettativa intorno a questo progetto, alimentata nei mesi antecedenti l’uscita del telefilm da una campagna promozionale di altissimo livello con iniziative importanti e divertenti realizzate sul web e non, come quella della costruzione della vera casa sull’albero e il blog del diario del naufrago.  La parte di Robinson Crusoe è interpretata dal biondo efebico Philip Winchester(Thunderbirds), che è sicuramente un bel volto per copertine patinate, ma quando si tratta di recitare manifesta tutti i suoi limiti con un’interpretazione di Crusoe assolutamente monocorde.  D’altro canto è abbastanza inspiegabile come si sia potuto sprecare in maniera così vuota e superficiale la presenza nel cast di attori di altissimo livello comeSam Neill (TudorsJurassic ParkPunto di Non Ritorno – Event HorizonIl Seme della FolliaLezioni di Piano), Anna Walton (Hellboy II – The Golden Army)

Sean Bean (RoninIl Signore degli Anelli) o Joaquim de Almeida (24) con apparizioni ectoplasmatiche e inconsistenti.  Per quanto riguarda la trama sembra essere costruita per un pubblico di dodicenni: tanta azione fine a se stessa, dialoghi ridotti all’osso, e tutta una serie di incongruenze e ingenuità talvolta paradossali che unite a una spasmodica ricerca del colpo a effetto, che mai si rivela tale, rendono francamente insopportabile la visione di questo telefilm a un pubblico maggiorenne.  Sono comunque divertenti le scene delle trappole e di tutti gli ingegnosi marchingegni prodotti dalla fervida mente di Crusoe, che rimandano direttamente a un’iconografia disneyana o a quella di film del passato come Goonies, ma da sole non sono in grado minimamente di garantire un sufficiente appeal al prodotto.  In definitiva possiamo quindi parlare di un telefilm che tradisce ogni aspettativa possibile, dove l’assenza di idee e la povertà di contenuti diventano un macigno in grado di far naufragare Crusoe anche come mero e semplice prodotto di intrattenimento.  Il tracollo di audience nelle puntate successive alla premiere manifesta chiaramente una disaffezione anche da parte del grande pubblico che forse per una volta non si è lasciato abbindolare e ha deciso saggiamente di premere il tasto rosso del telecomando.

 

Samurai Girl

Posted on Febbraio 6th, 2009 in Uncategorized | No Comments »

Heaven è una ragazza baciata dal destino: sopravvissuta a un disastro aereo all’età di sei mesi, viene adottata dalla potente famiglia dei Kogo che le permette di avere una vita agiata e privilegiata.  Ma la situazione è destinata a cambiare quando, all’età di diciannove anni, nel giorno del suo matrimonio, il fato incombe drammaticamente di nuovo su di lei.  Nel corso della cerimonia, dei Ninja mascherati irrompono improvvisamente nella sala uccidendo il suo adorato fratello Hiko e attentando alla vita del padre adottivo che va in coma, colpito quasi mortalmente da un’arma da fuoco.  Da quel momento la vita di Heaven cambia radicalmente e si ritrova in un pericoloso vortice che ha come centro la famosa mafia giapponese della Yakuza. 

Heaven è una ragazza sola e in fuga da parenti e amici e l’unico aggancio che le rimane è Jake, il grande amico americano di suo fratello Hiko.  Jake è un maestro di arti marziali e pone Heaven sotto la sua ala protettrice iniziandola e istruendola alla via del Samurai, perché il vero destino di Heaven è scritto in una spada antica di cinquecento anni, appartenente alla famiglia dei Kogo, che narra di una leggenda di cui la giovane ragazza sembra essere la vera incarnazione.  SAMURAI GIRL è una miniserie di sei puntate trasmessa dal canale ABC Family specializzato in prodotti adatti a tutta la famiglia e che ha come target primario quello adolescenziale. 

La giovane e bella attrice Jamie Chung, dopo la partecipazione al reality di MTV The Real World e qualche sparuta apparizione in serial di grande successo come CSI New YorkER e Veronica Mars, trova finalmente un ruolo da protagonista interpretando Heaven.  Un ruolo che sembra esserle cucito addosso considerato che i requisiti primari per una buona interpretazione di questo personaggio sono la bellezza, il fascino e le ottime doti atletiche.  A ricoprire il ruolo Jake, suo mentore, protettore e compagno di avventura, troviamo quelBrendan Fehr che sicuramente in molti ricorderanno come il Michael di Roswell o il Dan Cooper di CSI Miami. Per quanto riguarda la qualità, questo è un programma decisamente ondivago e contraddittorio che alterna buoni momenti di ritmo e azione frenetica, ad altri in cui diventa decisamente tedioso.

Questo avviene solo in parte a causa della sceneggiatura che tesse una trama francamente troppo insipida e senza il minimo picco o spunto di originalità, la responsabilità dell’effetto soporifero ricade soprattutto sui dialoghi che sono piatti, monotoni, anonimi e solo sporadicamente riescono a produrre dei momenti sopra le righe, per merito quasi sempre della stramba doppia spalla comica dello show composta dal super-geek Otto (Kyle Labin) e la svampita Cheryl (Saige Thompson).

Per quanto riguarda la colonna sonora , questa è composta in massima parte da una moltitudine di  brani teen-rock che più che essere funzionali alla trama strizzano evidentemente l’occhio al tipo di audience a cui il programma primariamente si rivolge. In definitiva Samurai Girl può anche essere considerato un telefilm in grado di offrire qualche spunto d’interesse per gli appassionati di kung-fu-films, ninja, samurai e combattimenti, ma per tutti gli altri il massimo effetto che può raggiungere è quello di facilitare il sonno in una fredda notte invernale.

 

Ma chi è? anzi , che cos’è?

Posted on Luglio 15th, 2008 in Uncategorized | 3 Comments »

Guardando questa sconcertante copertina di tv-guide sui nuovi X-Files sorge il dubbio su chi possa essere la vamp che posa con aria sensuale al fianco di David Duchovny.

A questo punto viene spontaneo chiedersi se questo possa essere un semplice miracolo di Photoshop o se forse la Anderson non sia stata manipolata geneticamente dagli alieni del bisturi di Beverly Hills!

Ma a giudicare da altre immagini recentissime che circolano sul web sono propenso a un intensivo incontro con gli omini grigi.

Gillian Anderson è un vero X-Files.

 

 

[Oldies but Goldies] American Gothic : una serie maledetta.

Posted on Luglio 13th, 2008 in Uncategorized | 6 Comments »

Prodotta da Sam Raimi nel 1995 ,bistrattata dalla critica, fondamentalmente ignorata dal pubblico, secondo me invece ha al suo interno dei momenti eccezionali.

 

Avevo il vago ricordo di questa serie andata in onda in tarda serata su Italia1 in una calda estate di dieci anni fa, che mi aveva acchiappato col suo andamento scorbutico e altalenante e mi aveva lasciato con un senso d’incompiutezza dovuto al fatto che Italia1 non ne aveva trasmesso buona parte della sezione finale.

Pochi giorni fa mi sono imbattuto nel cofanetto, ovviamente in inglese, che citava con tono perentorio il fatto si trattasse della serie completa e allora mi son voluto togliere questo sassolino che avevo sulla scarpa sinistra da almeno un decade e messo mano al portafogli mi son portato a casa i dvd.

Da li è nata una full-immersion durata fino a poco fa: gli episodi nel dvd erano messi alla rinfusa, o meglio  nell’ordine col quale sostanzialmente erano stati trasmessi in televisione , ordine che cozzava con la linearità della serie ma grazie a una miniguida di un fansite americano li ho visti nell’ordine corretto.il satanico sceriffo Lucas Buck

La serie ha avuto una produzione sciagurata e schizofrenica  che ne ha compromsso il risultato globale e probabilmente oggi come oggi una cosa del genere non sarebbe mai potuta accadere specie in un prodotto di una major come la Cbs, ma un tempo arrosti del genere erano abbastanza normali perchè le cosiddette serie serializzate erano una una vera e propria rarità (Twin Peaks e Babylon 5 fecero epoca in quegli anni anche per quel motivo) e i network che erano abituati quasi esclusivamente a quelle episodiche non riuscivano a intuirne ancora la differenza.

La storia narrava le avventure nella piccola città di Trinity del diabolico sceriffo Lucas Buck, e della sua stirpe bastarda, il piccolo  Caleb Temple.

Non mi sorprende che il serial abbia avuto scarso successo , credo infatti che sia praticamente l’unico caso di una serie in cui il protagonista è  un personaggio , fascinoso , carismatico ma  assolutamente negativo.

Buck è un manipolatore di prima grandezza  un Ben Linus di Lost ante litteram (chiisa se Lidelof si sia ispirato a lui), ma se Ben in Lost fondamentalmente un villain che assurge al massimo al ruolo di co-protagonista  , Lucas Buck è il mattatore di ogni episodio.

Shaun Cassidy che era lo sceneggiatore , ha sostanzialmente riciclato le caratteristiche peculiari ,e per certi versi geniali , di questo personaggio molti anni dopo per una sua serie (anch’essa maledetta) Invasion , dove lo sceriffo (che caso eh?) Tom Underlay è una vera fotocopia di Lucas Buck.

Il cast era ottimo Gary Cole che interpreta Buck è micidiale , tra l’altro era praticamente l’unica cosa positiva nello spinoff di Babylon 5 : Crusade, e anche il piccolo Caleb Temple interpretato da Lucas Black almeno in questa serie bucava lo schermo.

Straordinariamente erotica era la “maestrina” Selena Combs interpretata da Brenda Bakke, personaggio sul quale era stato sviluppato lo scabroso e assai difficile tema del sadomasochismo, un vero atto di coraggio per la televisione dell’epoca ma che purtroppo non è stato sviluppato fino in fondo visto che da metà serie questo personaggio subisce una drastica evoluzione (?) verso i binari della normalità.

American Ghotic non è certamente un capolavoro, ha delle intuizioni geniali ma rimangono sempre allo stato embrionale, resta da capire quanto questo possa essere un demerito di Cassidy o della Cbs che ne aveva fortemente osteggiato la produzione sin dalle prime battute, ma in ogni caso è una serie da riscoprire.

 

L’ affaire Preair

Posted on Giugno 25th, 2008 in Uncategorized | No Comments »

 

Preair: una parola che suona bene.

Un suono rotondo ed evocativo col quale in america si intende l’abbozzo del pilot di una serie,  che serve alla produzione prima della messa in onda per testare le reazioni del pubblico.

Fino a pochi mesi fa era ad uso e consumo di un pubblico estremamente limitato e selezionato, che veniva portato spesso in piccole sale di proiezione. Raramente trapelava sul web e se lo faceva era in una forma comunque altamente incompiuta: quasi sempre senza musica ed effetti speciali , con montaggi approssimativi, fondali verdi o azzurri etc etc.

Negli ultimi tempi invece assistiamo ad una vera e propria escalation della presenza sul web di questi Preair , e curiosamente sono confezionati con estrema cura, con qualche mancanza di poco conto quà e la ma si puo’ parlare tranquillamente di prodotti finiti al 95% in qualità audio-video perfetta.

La cosa a quel punto ha cominciato a suonarmi maledettamente strana: può capitare  che gli studios si lascino sfuggire una cosa del genere, un dipendente malandrino , l’amico dell’amico  che frega il disco o se lo fa prestare con la falsa promessa di non farlo vedere a nessuno etc etc.

Tutto ciò può succedere anche una volta o due , ma non può avvenire in massa come sta accadendo in questi ultimi tempi.

Quindi un dubbio ha cominciato a insinuarsi , ed è divenuto certezza nel momento in cui mi sono imbattuto in questo:

http://www.fox.com/futurefox/blogs/

Si tratta del Blog UFFICIALE della Fox, e ad un certo punto come potete vedere con estrema nonchalance la Fox chiede cosa ne pensano gli utenti del Preair di Fringe che andrà in onda il 9 settembre.

Quindi si tratta di un evoluzione del marketing.

Non puoi combattere la pirateria , e allora la cavalchi: un concetto arguto e interessante.

Trasformare quello che era un potenziale danno per gli studios in una risorsa.

Un po’ come avviene da anni per i betatester dei giochi per computer, dove una larga fetta degli utenti più interessati viene resa partecipe allo sviluppo del gioco, il preair messo in rete diventa uno strumento di riscontro immediato delle reazioni del pubblico da un lato tramite commenti recensioni , opinioni che quasi istantaneamente vengono generate in ogni parte del globo , permettendo così dei cambiamenti in corsa del progetto, e dall’altro lato il Preair si trasforma in una potente arma di promozione del prodotto stesso che non vanifica minimamente l’eventuale visione in quanto si tratta di un Pilot incompleto.

Molto più di un assaggio , molto meno di un morso e una strategia intelligente.

 

Occasione sprecata

Posted on Maggio 25th, 2008 in Uncategorized | No Comments »

La miniserie che ha registrato il record di ascolti della passata stagione di SciFi Channel sbarca non senza polemiche su Italia 1.Tin Man è una felice rielaborazione del Mago di Oz in una chiave di lettura moderna dove si miscelano con successo fantasy, fantastico e SciFi con venature steampunk.

Prodotta dal canalale tematico americano SciFi Channel ha ottenuto un buon riscontro di critica e uno straordinario successo di pubblico ed è stata recensita da Fantascienza.com nei mesi scorsi: http://www.fantascienza.com/magazine/telefilm/10190

Tin Man andrà in onda Domenica 25 Maggio alle ore 14:00 sui teleschermi di Italia 1 a soli 5 mesi dalla programmazione statunitense con una tempistica inusuale per i prodotti di questo tipo.

La scelta dell’orario di programmazione ci sembra però francamente incomprensibile alla luce dei risultati americani che vedevano Tin Man letteralmente sbancare l’audience con oltre 6 milioni di telespettatori, che per la tv via cavo americana rappresentano una cifra sovrannaturale considerato che tutti gli altri prodotti di punta raggiungono a malapena i 2 milioni e la media del canale si attesta intorno agli 1,3 milioni.

Mancanza di coraggio da parte di chi gestisce i palinsensti della tv Fininvest più amata dal pubblico giovane o molto semplicemente scarsa conoscenza del prodotto in questione?

Fatto sta che Tim Man avrebbe certamente meritato la prima serata ed è l’ennesima occasione sprecata da parte di una serie SciFi dalle grandi potenzialità per poter fare breccia nell’utenza televisiva media italiana sempre più in balia di fiction alla Cesaroni e reality irreali.