La lingua telefonica

Posted on Luglio 9th, 2008 in Whatever | 7 commenti »

C’è una lingua che assomiglia molto all’italiano. Ha quasi tutte le parole uguali. Eccetto alcune che sono diverse. È straordinaria. È la lingua delle pubblicità delle compagnie telefoniche.

Per esempio, nella lingua delle pubblicità delle compagnie telefoniche, puoi esprimere concetti come “gratuito al solo costo di 20 euro al mese”, o “tutto incluso (tasse e concessione governativa esclusa)” oppure “traffico illimitato fino a un massimo di 5 gigabyte”. Non è fantastico?

“Life is now”. Scappate finché siete in tempo.

iPhone, quanto mi costi?

Posted on Luglio 5th, 2008 in Exposé | 11 commenti »

“Bello l’iPhone. Pensavo costasse meno, però”.

Negli ultimi giorni, col fatto che il telefono Apple comincia a fare parlare di sé anche chi è fuori dal giro Apple, questa frase l’ho sentita diverse volte. Qualcuno ha persino sostenuto che il prezzo (199 euro) fosse gonfiato e che avrebbe dovuto costare così il telefono senza abbonamento.

Non mi riesce molto facile capire da dove nascano queste convinzioni. Se si va a guardare il mercato degli smartphone, anche quelli venduti scontati con abbonamento, i prezzi sono sempre più alti. Anche tralasciando il valore più importante dell’iPhone, che è la sua interfaccia innovativa, e guardando le fredde specifiche tecniche, non c’è nulla che eguagli l’iPhone. Che, ricordo, ha 8 GB di memoria (o 16), GPS, Wi Fi, Bluetooth, UMTS/HSDPA 7,2 Giga, schermo 240×480 pixel. L’aggeggio che si avvicina di più a queste specifiche è l’HTC 6500, che costa 790 euro, ma ha solo 256 MB di memoria e uno schermo microscopico, o il Blackberry Bold 9000, che ha solo 128 MB e costa 469. Confrontando le specifiche iPhone costa meno della concorrenza anche senza abbonamenti che garantiscano uno sconto.

Certo: in termini assoluti rispetto ai telefonini normali non costa poco. Ma se volete un telefono compratevi un Nokia: iPhone può essere usato anche per telefonare, ma - a mio modo di vedere - è soprattutto l’oggetto che permette di usare internet dovunque ci si trovi. Usarlo per parlare è solo una applicazione, e senz’altro quella meno interessante.

Per quanto riguarda i prezzi degli abbonamenti, ormai si sa più o meno tutto:

Peccato che Vodafone parta da così in alto; avrei cambiato volentieri gestore. Io 400 minuti di chiamate ci metto circa un anno a farli. Resterò invece con TIM, che mi da un abbonamento abbastanza economico a 30 euro, senza chiamate ma con un giga di traffico. Sempre che, naturalmente, sia possibile passare dal mio abbonamento attuale a questo senza cambiare numero, cosa che è possibile per legge tra operatori diversi, ma è tutt’altro che scontata restando con lo stesso operatore. Be’, nel caso incontrassi difficoltà state tranquilli che farò un bel post infuocato sull’argomento.