Fronte letterario: Saviano e la resistenza culturale

Posted on Aprile 23rd, 2010 in Rassegna stampa | 2 Comments »

Le dichiarazioni del Presidentissimo dei giorni scorsi hanno rinnovato una nausea ormai cronicizzata. L’elemento indigesto non è neanche nuovo al mio stomaco cranico: un attacco a Roberto Saviano, additato per l’ennesima volta come cattivo promotore del Belpaese. Lo scrittore partenopeo ha reagito, riflettendo pubblicamente sulla possibilità di lasciare Mondadori.

C’è un articolo dei Wu Ming su l’Unità che inquadra bene la situazione: deve restare con Mondadori. E combattere. Firmo e sottoscrivo.

La motivazione è semplice: “ tutti quelli che combattono «il sistema» lo fanno dall’interno, dato che l’esterno non c’è. Il potere non è fuori da noi, è un reticolo di relazioni che ci avvolge, un processo a cui prendiamo parte”.

Arroccarsi in un fortino non è mai stata la soluzione. La potenza di fuoco del “nemico” - e il nemico non è una persona sola: è quella radicata idea che l’opinione pubblica sia già neutralizzata, quella amara sensazione di impotenza - ci seppellirebbe.

Roberto Saviano

Posted on Novembre 12th, 2009 in Bassitalia, Megafono | No Comments »

… e il peso delle parole.