Malgrado non abbia la rilevanza delle più conclamate majors cinematografiche, la Bad Robot di JJ Abrams è una casa di produzione estremamente attiva tra televisione (Person of Interest, Revolution, Fringe) e il cinema, dove spazia dalla commedia (Il buongiorno del mattino) alla fantascienza, che sembra essere uno loro generi di maggiore interesse. Pochi mesi fa infatti, era stato annunciato il progetto cinematografico God Particle, che porta avanti uno dei piani più interessanti di Abrams, ovvero dare una spinta a nuovi sceneggiatori e registi emergenti.

 

La sceneggiatura infatti è opera di Oren Uziel, finora conosciuto per la webseries Mortal Kombat: Rebirth, mentre il regista selezionato di recente è Julius Onah, di origini nigeriane, che al suo attivo ha solo una serie di cortometraggi.

 

Il tutto per un budget previsto di 5-10 milioni di dollari, che rappresenta un minuscola parte di quanto investito con Cloverfield (170 milioni), ma su cui la Paramount, con cui la Bad Robot ha un rapporto di co-produzione, punta molto, visti gli eccellenti risutati di un'altra loro serie di film a bassissimo budget, ma che ha avuto incassi eccellenti, ovvero Paranormal Activity.

 

Rispetto ai suddetti film horror, God Particle si sposta nella fantascienza pura. La storia comincia dopo l'avvenuta accensione dell'accelleratore di particelle di Ginevra. Il risultato è la completa scomparsa della Terra e l'equipaggio di una stazione spaziale si ritrova a fluttuare nello spazio senza nessun posto in cui tornare. E quando un'astronave compare sui loro schermi radar, dovranno scoprire se si tratterà della loro possibilità di salvezza o la loro definitiva distruzione.

 

God Particle entrerà in produzione nel 2013, e noi non vediamo l'ora di scoprire cosa succederà dopo la totale distruzione del pianeta.