Oggi è uno dei personaggi più popolari di Facebook in assoluto, con 2,7 milioni di fan, e le sue preferenze sessuali sono ben note a tutti da parecchi anni, ma quando recitava nella serie classica di Star Trek nella parte di Sulu George Takei non era ancora un gay dichiarato. Anche perché, all'epoca, la cosa non era esattamente consigliabile se volevi lavorare, in particolare nella televisione.

Nonostante questo, i suoi colleghi ne erano quasi tutti a conoscenza, ad eccezione di uno, che lo scoprì solo decenni più tardi: proprio lui, William Shatner.

 

In una recente intervista con il sito MotherJones Takei ha parlato del suo periodo di internamento nel campo di concentramento per cittadini americani di origine giapponese durante la seconda guerra mondiale, del suo coinvolgimento come attivista in varie campagne e del fatto di essere gay e di cosa ha comportato per la sua carriera. Alla domanda se cercasse di nascondere la sua omosessualità all'epoca di Star Trek, Takei ha risposto "no. Andavo in giro tranquillamente con un piccolo gruppo di amici gay, andavo ai bar gay, facevo parte di un club di gay. Ma insomma, puoi immaginare com'era il clima all'epoca. Ai gay bar magari incontravo altri attori, ci salutavamo e conversavamo, ma il giorno dopo se ci incontravamo agli studios facevamo finta di non conoscerci."

 

George Takei ammette che molti del cast sapevano, eccetto una persona che proprio non aveva capito la situazione: il capitano Kirk, ovvero William Shatner.

 

"Molti sapevano e non dava loro nessun fastidio ed evitavano di crearmi guai, sapevano che impatto avrebbe potuto avere sulla mia carriera se si fosse saputo. Una volta ero al lavoro chiacchierando con Walter Koenig, che interpretava Pavel Chekov, e lui cominciò a indicarmi un gruppo di comparse vestite con la divisa della Flotta stellare: c'era un giovane uomo molto attraente, con muscoli modellati e una maglietta attillata, e da questo capii che Walter sapeva. Mi girai verso di lui e vidi che ridacchiava... mi stava aiutando! Bill (Shatner) non ne sapeva niente. Tempo dopo, quando era ospite del Howard Stern Show, Howard mi chiamò al telefono per parlare con Bill; io menzionai Brad e lui non sapeva chi fosse, ma tutti lo sapevano, visto che ci eravamo sposati con un matrimonio molto pubblico! Bill dissa "chi è Brad?"

 

Un altro aneddoto raccontato da Takei riguarda l'inizio della seconda stagione. Takei aveva molto insistito con Roddenberry per aumentare l'importanza di Sulu nella serie, ma Roddenberry era convinto che nella prima stagione fosse essenziale rafforzare il ruolo dei due personaggi principali (Kirk e Spock), mentre nella seconda ci sarebbe stato modo di lavorare anche su Sulu. Takei su assunto per un ruolo in Berretti verdi con John Wayne nel periodo di vacanza alla fine della prima stagione, ma le riprese durarono più del previsto e lui non poté tornare in tempo per l'inizio delle riprese di Star Trek, così Roddenberry in sostanza assunse Walter Koenig per fargli recitare le parti previste per Takei. "Io le avevo già imparate tutte a memoria... quando tornai odiai Koenig".

In seguito Takei dovette dividere il camerino con Koenig, ma diventarono ben presto ottimi amici.