È evidente che il gran parlare del nuovo film di Star Trek diretto da JJ Abrams determina un gran parlare di quello che può essere il futuro di Star Trek. Quanto poi si crei il caso apposta (ci riferiamo ovviamente alla rivelazione del cattivo di Star Trek 2) o quanto no è una speculazione che lasciamo ai commenti.

 

Resta il fatto che Roberto Orci, sceneggiatore e produttore del film, ha rilasciato una serie di informazioni su quello che potrebbe essere il ritorno in televisione di Star Trek, una televisione che è praticamente orfana di fantascienza spaziale e che è perennemente alla ricerca di serie a cui legare il pubblico per un buon numero di anni.

 

Qualche tempo fa Orci aveva discusso delle complicazioni di una nuova serie dovute a un problema di diritti. Nell'istante in cui la Viacom ha separato la divisione cinematografica da quella televisiva, i diritti per i film sono finiti alla Paramount e quelli per la tv alla CBS Television. In pratica i diritti appartengono a due compagnie differenti ed è una delle difficoltà da superare per la Bad Robot di JJ Abrams, che sembrerebbe il soggetto ideale per realizzare tutto il nuovo materiale di Star Trek (piaccia o no, lo Star Trek uscito nel 2009 è stato un successo).

 

"Prima cosa: io, Alex Kurtzman e la Bad Robot - ha detto Orci - vogliamo essere sicuri che nulla ostacoli i film. Ma, seconda cosa, la Paramount controlla i film e la CBS la televisione e c'è una certa lotta tra i due. Io ho parlato con la CBS a proposito di una nuova serie e l'interesse c'è, ma è necessario che la CBS si coordini sia con la Paramount che con la Bad Robot. È qualcosa su cui stiamo ragionando."

 

È anche vero che la divisione della Viacom è avvenuta nel 2006, quando l'unico progetto era quello di un film, un prequel, derivato da Star Trek: Enterprise, e non era previsto nulla per la televisione. La Paramount non poteva comunque gestire entrambi i fronti. Adesso le cose sono differenti e una serie televisiva potrebbe essere un vantaggio per tutti, a patto di non pestarsi inutilmente i piedi. Anche se la CBS potrebbe agire indipendentemente, non può evitare di avere il beneplacito della Paramount soprattutto con la Bad Robot coinvolta.

 

"Stiamo cercando di capire il come. Se riusciamo a trovare il momento giusto, ci piacerebbe moltissimo farlo. Non è facile, ma è qualcosa a cui molti di noi stanno pensando e io stesso vorrei vederla realizzata. Se poi legarla al nuovo universo alternativo oppure no, è qualcosa a cui non siamo ancora arrivati."

 

E su queste considerazioni sono arrivate nuove e più recenti parole dello stesso Orci rilasciate a TrekMovie.com. Secondo lui le cose si stanno concretizzando. Anche se tutte le parti in causa non si sono ancora riunite, ci sono stati contatti tramite intermediari: il prossimo punto focale è dopo l'uscita del film nel 2013, quando si capirà se Star Trek è davvero tornato oppure no, in quanto il successo di un solo film non basta a stabilire un trend. La possibilità appare però concreta e la CBS è stata contattata per un coinvolgimento.

 

C'è poi un'aggiunta importante rivelata da Orci; ovvero che Paramount e CBS sono d'accordo nel valutare assieme cosa sia meglio per Star Trek: aggiungere una serie televisiva prima di terminare la produzione dei tre film di Abrams oppure dopo. Non vogliono cannibalizzare il ritrovato successo di Star Trek rischiando una sovraesposizione, ma neppure lasciare delusi i fan che si attendono altre avventure. In particolare, mentre una serie live action comporterebbe questo rischio, una serie animata comporterebbe molti meno problemi.

 

"Mi piacerebbe soprattutto vedere una serie animata. Se ci penso è sia qualcosa di diverso da quello che stiamo realizzando, ma anche la più compatibile. Quindi sì: mi piacerebbe una serie di animazione."

 

E alla domanda se la serie animata potrebbe usare i personaggi dei film, nell'universo dei film, magari nel tempo che intercorre tra i film, Orci ha risposto: "Sì, esattamente!".